SCHEDA: CARDINALE GIANFRANCO RAVASI – BIOGRAFIA

ravasi.jpg

BIOGRAFIA DEL CARDINALE GIANFRANCO RAVASI

PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA 

———————————————–                              

Arcivescovo titolare di Villamagna di Proconsolare 

Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, 

delle Pontificie Commissioni per i Beni Culturali della Chiesa   e di Archeologia Sacra 

Nato nel 1942 a Merate (Lecco), è stato ordinato sacerdote della diocesi milanese nel 1966. Nel 2007 è stato consacrato arcivescovo dal Papa Benedetto XVI. 

Esperto biblista ed ebraista, è stato prefetto della Biblioteca-Pinacoteca Ambrosiana di Milano (fondata dal cardinale Federico Borromeo nel 1607) e docente di Esegesi dell’Antico Testamento alla Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale. Ora è Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, delle Pontificie Commissioni per i  Beni Culturali della Chiesa e di Archeologia Sacra. 

La sua vasta opera letteraria ammonta a circa centocinquanta volumi, riguardanti soprattutto argomenti biblici e scientifici, con eccezionali interpretazioni della Parola e della valenza poetica dei Testi. Tra queste vanno ricordate le edizioni curate e commentate dei Salmi, del Libro di Giobbe, del Cantico dei Cantici e di Qohelet

Molto noti al grande pubblico sono i libri I monti di Dio (San Paolo, 2001), che ripercorre il tema della montagna all’interno del testo biblico, Breve storia dell’anima (Mondadori, 2003), Le sorgenti di Dio (San Paolo, 2005) e Ritorno alle virtù (Mondadori, 2005), e Le porte del peccato (Mondadori, 2007).                                                                                                     

Nel corso della sua attività, Ravasi ha voluto ripensare ciò che era già stato indagato e meditato durante la lunga avventura del pensiero umano, a partire dalle culture primitive e dalle antiche civiltà, sviluppando però un intenso dialogo anche con la società contemporanea. 

Infatti, oltre a essere un proficuo scrittore, monsignor Ravasi collabora a giornali e cura trasmissioni televisive. Conduce la rubrica domenicale Le frontiere dello Spirito su Canale 5. Ha curato la revisione, le note e i commenti della Bibbia a fascicoli di Famiglia Cristiana. Collabora a Il Sole 24 Ore e ha tenuto per quindici anni la rubrica Il Mattutino sul quotidiano Avvenire E’ sostenitore del dialogo tra etica laica e morale religiosa, unisce alle competenze esegetiche eccellenti doti di comunicatore. 

Le sue conferenze sono seguitissime ed é assai apprezzato dal pubblico per la capacità di trasmettere i valori cristiani all’uomo d’oggi.

 BIOGRAFIA DAL SITO VATICANO

http://www.vatican.va/news_services/press/documentazione/documents/cardinali_biografie/cardinali_bio_ravasi_g_it.html 

RAVASI Card. Gianfranco   

Il Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, è nato a Merate (provincia di Lecco e arcidiocesi di Milano, Italia) il 18 ottobre 1942 ed è originario di Osnago (Lecco).
È stato ordinato sacerdote dell’arcidiocesi di Milano dal cardinale Giovanni Colombo il 28 giugno 1966. Dopo aver perfezionato gli studi biblici a Roma, alla Pontificia Università Gregoriana e al Pontificio Istituto Biblico, ha insegnato esegesi dell’Antico Testamento nella Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale e nei seminari della sua diocesi. Nel 1989 è stato nominato prefetto della veneranda Biblioteca-Pinacoteca Ambrosiana, la prestigiosa istituzione culturale milanese fondata nel 1607 dal cardinale Federico Borromeo.
Il 3 settembre 2007 Benedetto XVI lo ha nominato arcivescovo titolare di Villamagna di Proconsolare e contemporaneamente Presidente del dicastero della Cultura e delle Commissioni per i Beni Culturali della Chiesa e di Archelogia Sacra, invitandolo a porre la sua esperienza e le sue specifiche e riconosciute competenze al servizio del successore di Pietro e della Chiesa universale. Il 29 settembre dello stesso anno, nella basilica Vaticana, gli ha conferito l’ordinazione episcopale.                     
La sua vasta produzione letteraria ammonta a circa centocinquanta volumi, riguardanti soprattutto argomenti biblici e scientifici, opere particolarmente amate dai lettori per la capacità di interpretazione dei testi sacri, per la chiarezza e la finezza letteraria e poetica. Tra queste, le edizioni curate e commentate dei Salmi, del Libro di Giobbe, del Cantico dei Cantici e di Qohelet. Di recente ha curato la nuova edizione in più volumi della Bibbia di «Famiglia Cristiana». Ancor più noti al grande pubblico sono i libri Breve storia dell’anima (2003), Ritorno alle virtù (2005), Le porte del peccato (2007), Le parole e i giorni. Nuovo breviario laico (2008), 500 curiosità della fede (2009), Questioni di fede (2010). Collabora regolarmente con testate giornalistiche e radiotelevisive: da molti anni conduce, su una rete nazionale, la rubrica domenicale Frontiere dello Spirito, scrive su «L’Osservatore Romano» e su altri quotidiani, e per quindici anni ha tenuto su «Avvenire» la rubrica Il Mattutino.                                            
Nel 2007 l’università di Urbino gli ha conferito la laurea honoris causa specialistica in antropologia ed epistemologia delle religioni. Nel 2010 è stato annoverato tra i soci onorari dell’Accademia di belle arti di Brera e insignito del diploma honoris causa di secondo livello in comunicazione e didattica dell’arte.
Assumendo la presidenza dei tre organismi curiali [divenuti due nel novembre 2012, quando la Commissioni per i Beni Culturali della Chiesa è stata assorbita dal Pontificio Consiglio della Cultura], ha impresso una significativa svolta al dicastero creato da Giovanni Paolo II per il dialogo con le culture e il mondo della non credenza, e alle due commissioni che si occupano di beni culturali ecclesiali e dell’archeologia sacra. Nel Pontificio Consiglio della Cultura, in particolare, ha dato priorità ad alcuni settori tematici, organizzando strategicamente il lavoro in «dipartimenti» che si occupano del rapporto tra scienza e fede (il cosiddetto progetto Stoq), del legame tra arte e fede, del dialogo con il mondo dell’ateismo e della non credenza (il «Cortile dei Gentili»), della comunicazione e del linguaggio, del dialogo con le culture emergenti.
Insieme ai suoi collaboratori ha realizzato già significativi momenti di dialogo culturale, ottenendo positivi riscontri da parte di scienziati e artisti, uomini di cultura e filosofi non credenti, desiderosi di allacciare nuovi rapporti con la Santa Sede e di confrontarsi senza pregiudizi con le istanze scaturite e motivate dalla fede cattolica, nei diversi campi della cultura. Si ricordano, ad esempio, il congresso internazionale su Darwin, a cui hanno partecipato scienziati di fama mondiale, tra cui alcuni premi Nobel, e l’incontro del Papa con gli artisti, tenutosi nella Cappella Sistina il 21 novembre 2009.
Dal marzo 2012 è anche Presidente della Casa di Dante in Roma, associazione culturale che ha lo scopo di diffondere la conoscenza dell’opera e della figura di Dante sia in Italia che all’estero.
Da Benedetto XVI creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 20 novembre 2010, della Diaconia di San Giorgio in Velabro.

È Membro:        

della Congregazione per l’Educazione Cattolica;
dei Pontifici Consigli: per il Dialogo Interreligioso; per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

—————————————-

Spunti bibliografici

I vangeli del Dio risorto, Ravasi Gianfranco, Paoline Edizioni
I Vangeli del Natale, Ravasi Gianfranco, Ancora
I Vangeli del Dio con noi, Ravasi Gianfranco, Paoline Edizioni
Il libro della Genesi, Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna
Lettera ai Romani. Ciclo di conferenze (Milano, Centro culturale S. Fedele), Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna
Breve storia dell’anima, Ravasi Gianfranco, Mondadori
Lettere ai Galati e ai Filippesi. Ciclo di conferenze (Milano, Centro culturale S. Fedele), Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna
Il libro del Qohelet. Ciclo di conferenze (Milano, Centro culturale S. Fedele), Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna
Nuova Guida alla Bibbia, Ravasi Gianfranco, San Paolo Edizioni
Proverbi e Siracide. Ciclo di conferenze (Milano, Centro culturale S. Fedele), Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna
Le parole e i giorni. Nuovo breviario laico, Ravasi Gianfranco, Mondadori
Un mese con Maria. 31 immagini bibliche, Gianfranco Ravasi, San Paolo Edizioni
Il libro dei Salmi [vol_1] / Salmi 1-50, Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna
Il libro dei Salmi [vol_2] / Salmi 51-100, Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna
Il libro dei Salmi [vol_3] / Salmi 101-150, Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna
Il libro dei Salmi / Salmi 1-150, Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna
Il cantico dei cantici, Ravasi Gianfranco, Edizioni Dehoniane Bologna

————————

20 OTTOBRE 2010:

 BENEDETTO XVI NOMINA GIANFRANCO RAVASI CARDINALE

ravasibishopthumbprinc.jpg

diaconia della Basilica di San Giorgio in Velabro (vicino « la Bocca della Verità):

http://www.archart.it/archart/italia/lazio/Roma/Roma%20-%20chiesa%20San%20Giorgio%20al%20%20Velabro/foto-velabro04.html

Publié dans : ||le 10 mars, 2008 |7 Commentaires »

7 Commentaires Commenter.

  1. le 4 février, 2013 à 12 h 35 min Mariaregina Zanelli écrit:

    Buongiorno, sono una catechista e seguendo da ben39 anni i pre adolescenti, ho visto sempre più diffondersi cattive abitudini e disinformazione profonda su temi molto delicati quali la magia, lo spiritismo…addirittura mi raccontava recentemente un mio ragazzino di un prete di religione di sua mamma che praticava il
    pendolino dicendo che era un dono di Dio conoscere alcune cose, per cui sua mamma ha continuato a cercare persone che le facessero tale pratica (ora il prete è morto) e non trovava nulla di contrario alla sua fede,in questo. …. Chiedeva il mio parere e mi ha trovato abbastanza impreparata, per cui mi sono affidata alla risposta che a mio tempo avevo appreso dal catechismo di Pio X e che dice più o meno che se qualche anima di trapassato comunica in qualche modo con noi, certo non è presso Dio. Più in là, nonostante io mi consideri mediamente
    preparata, dati gli anni di letture e formazione spirituale, non sono riuscita ad andare.Ho cercato risposte tra preti di mia conoscenza e su libri ma la confusione è solo aumentata. Finalmente un caro amico mi ha passato un libro che mi dice appena uscito, che si intitola « l’anima e il suo cuore. fenomenologia paranormale ed esperienza del sacro. Sensitivi carsimatici e medium » di Roberto Tavelli edito da Cantagalli, con prefazione di Don Giacomo Canobbio e di Nicola Bux
    Anche se non sono esperta teologa, l’ho trovato scientifico, sì, ma
    chiaro, affascinante, chiarificatore di troppi aspetti che spesso anche nella Chiesa non trovano sufficienti spiegazioni, non per malafede ma per ignoranza o mal comprensione di alcuni fenomeni.Questo?libro, che si rifa ai padri della Chiesa, è una appassionata e approfondita ricerca interdisciplinare, tra psicologia, antropologia e cristologia e spiega molto bene come è fatto l’uomo, la sua natura,come può « comunicare » con Dio. inoltre vi è chiara la distinzione tra
    ciò che è magia e ciò che non lo è…Insomma per me una grande novità che si dovrebbe diffondere per finalmente avere chiarezza al di la ‘delle facili cialtronerie e delle subdole insinuazioni….per fare era informazione e aiutare a crescere nella fede.per questo lo segnalo volentieri
    Grazie della cortese attenzione e cordiali saluti
    Zanelli Mariaregina

    Répondre

    • le 4 février, 2013 à 18 h 53 min incamminoverso écrit:

      Buongiorno, grazie per il commento, per quello che scrivi, sono contenta che hai trovato qualcosa per le tue risposte, tuttavia, la porposta più bella che si può regalare ai giovani ed a tutti è sempre la Sacra Scrittura l’Antico Testamento e Nuovo Terstamento, vedrai che troverai le risposte a tutte le domande: amore, sesso, violenza, guerra, amicizia, fedeltà, lavoro, tutto! ti invito a rivolgerti alla Bibbia, cercca dei commenti non complicati ma sicuri, tra i più noti il Card. Ravasi; Enzo Bianchi il Priore di Bose, molto basta che cerchi tra i moderni, e naturalmente i Papa, se segui Papa Benedetto troverai le risposte a molte domande, guarda solo lAngelus di ieri, sul sito Vaticano, io tutto quello che riguarda il Papa si trova sul mio Blog « In Cammino verso Gesù Cristo », Papa Benedetto è un grande Maestro, non dimenticare di rileggere il Concilio Vaticano II, anche questo con un po’ di aiuto, ci sono molti commenti anche recentissimi, auguri, Gabriella

      Dernière publication sur In cammino verso Gesù Cristo, : sto cambiando casa, per una decina di giorni non potrò lavorare...

      Répondre

  2. le 5 mars, 2013 à 22 h 48 min ENDRIO écrit:

    Carissimo eminenza le scrivo questa mia lettera perchè vedo molta confusione di pensiero in molti parroci di diverse diocesi , io da diverso tempo pongo una domanda a loro : Ci riconosceremo nell’aldilà avremo lo stesso amore per i nostri cari i nostri legami famigliari andranno perduti ?
    Molti di loro dicono che non ci riconosceremo e gli affetti saranno spezzati e spazzati via dalla nostra mente ameremo solo Dio per l’eternità , un eternità in Dio piena di preghiera , sono pochi i quali concretamente rispondono con certezza affermandomi che nulla verrà cancellato ,io ho tanta fede e tanta certezza in Gesù Cristo e so che anche lei certamente mi riaffermerà che i legami familiari non sono cose caduche solo terrene, ma rispondono al piano immutabile e sapientissimo della creazione, che nella resurrezione viene ristabilito e glorificato. Dunque quei sacerdoti sbagliano di grosso di questo ne sono io certo .
    Per questo si deve dire che per esempio mio padre e mia madre, andando in cielo non perdono la loro identità di essere i miei genitori, ma al contrario se la vedono confermata ed anzi nobilitata.
    Sarebbe un po’ come pensare che in cielo S.Giuseppe e la Madonna non siano più i genitori di Gesù.
    E’ una cosa semplicemente assurda! E’ vero che ci sarà una fratellanza universale e che saremo tutti uniti in Cristo, ma ciò non vuol dire che spariranno le differeze individuali naturali, perchè fanno parte della ricchezza e della bellezza del creato.
    La visione di quei preti più che alla concezione cristiana assomiglia al panteismo indiano dove tutto si dissolve e si confonde nell’unico Brahman indifferenziato. Per quersto io ho tutto il diritto di aspettarmi di rivedere in cielo i miei genitori, le persone care e tutti i miei amici.
    In altre occasioni, come per esempio quando appunto tratta della risurrezione,Cristo parla chiaramente delle risurrezione delle singole persone, a cominciare da Egli stesso, con le loro proprie caratteristiche e questo è ribadito dalla Chiesa la quale insegna che risorgeremo con quel corpo che abbiamo quaggiù (uomini e donne), anche se naturalmente non sarà un corpo mortale ma immortale.
    Per molti parroci saremo un anima eterna senza corpo , dove è in loro il messaggio di Gesù Cristo , io mi affido alla sua saggezza di un grande uomo di fede e nella mia fede le scrivo e la supplico di fare chiarezza di questo a tutti loro per il bene nostro e della Chiesa .
    Mi dia il suo parere , la prego infinitamente MI AIUTI mi aiuti a comprendere !!!
    Con infinita stima .
    Endrio Calderini

    Répondre

  3. le 5 mars, 2013 à 23 h 11 min ENDRIO écrit:

    Le vorrei anche sottolineare che un vescovo mi risponde alla mia domanda che nella risurrezione avremo un corpo spirituale, non angelico, non gassoso o immateriale, ma liberato dalla materialità.
    Immateriale, ma liberato dalla materialità mi sembra in conrtosenso
    ci Riabbracceremo oppure no ?
    Poi continua scrivendomi Tutta la nostra vita, la nostra storia, le relazioni con Dio, col prossimo, col mondo vengono recuperati, trasformati, unificati.
    Nel corpo glorioso di Cristo tutti gli uomini si ritroveranno e si riconosceranno come figli di un solo Dio e Padre.
    Ora la morte è un diaframma che nasconde i vivi e i defunti; ma i defunti che vedono Dio, ci vedono in Dio e sono a noi più vicini di prima.
    Io da piccolissimo uomo di piccola fede MI DOMANDO ?
    I miei legami saranno come prima con i miei , perderò la mia personalità , già a perdere tutte le cose che ho fatto con sacrificio perderle come la casa l’auto ecc ecc ecc , già perdere tutte queste cose e se diverremo tutti uguali è una cosa bruttissima saremo tutti uguali «  »" è insignificante tutto questo «  »".
    Ho ancora più paura della morte E VEDO SOLO CRUDELTA’ IN QUESTO .
    Come mi scrive lei saremo trasformati, unificati nel corpo glorioso di Cristo , da come mi scrive lei meglio morire , ecco perchè tanti giovani si avvicinano alla rincarnazione , Eccellenza la prego mi faccia comprendere bene IO AMO LA MIA FAMIGLIA E NON VOGLIO PERDERE LA MIA PERSONALITA’ E I MIEI RICORDI , ma mi sembra da come dice lei perderò tutto la mia « ciccia  » le mie cose fatte con sacrifici i miei amori mia moglie , mia figlia e tutti !!!
    Ma che Dio è nel cielo !!!
    MA CHE DIO CI ATTENDE SE SIETE CONFUSI VOI UOMINI DI CHIESA
    IO DA CHI DEVO ASCOLTARE DEVO CHIUDERE LA PORTA A CRISTO SE CONTINUO IN QUESTA INCERTEZZA …
    Sono solo amareggiatissimo …
    Con immenso affetto e ammirazione confido nelle sue risposte .

    Endrio Calderini

    Répondre

    • le 7 mars, 2013 à 20 h 04 min incamminoverso écrit:

      San Paolo afferma che « saremo trasformati », mi sembra di leggere che tutto sarà più perfetto, non meno perfetto di ora, saremo più « completamente persone, ci ameremo, l’amore è la prima chiave, secvondo me leggere leggere la frase « il corpo spirituale » in modo riduttivo è errato, Gesù e Paolo erano ebrei, gli ebrei non facevano e non fanno fanno distinzione di anima e corpo, quindi l’interpretazione va letta con un significato « perfettivo », leggi San Paolo, vedrai che nella sua visione di resurrezione, del mondo a venire tutto è più perfetto, nel cielo quello che rimane delle tre virtù è la carità, quale cosa più grande! purtroppo è difficle credeerlo – questo è umano – ed è difficile insegnalo agli altri!

      Dernière publication sur In cammino verso Gesù Cristo, : sto cambiando casa, per una decina di giorni non potrò lavorare...

      Répondre

  4. le 10 mars, 2013 à 18 h 11 min walter écrit:

    caro padre, prego per Lei

    Walter

    Répondre

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01