Archive pour la catégorie 'COMMENTO BIBLICO: MARIE-NOËLLE THABUT'

COMMENTI MARIE-NOËLLE THABUT, TESSALONICESI 2, 16 – 3, 5

http://www.eglise.catholique.fr/approfondir-sa-foi/la-celebration-de-la-foi/le-dimanche-jour-du-seigneur/commentaires-de-marie-noelle-thabut/

COMMENTI MARIE-NOËLLE THABUT, TESSALONICESI 2, 16 – 3, 5

(traduzione Google dal francese)

Domenica, 6 novembre 2016

A volte siamo a corto di idee per comporre le nostre preghiere universali, questo è un buon modello! C’è tutto: prima, è una preghiera per l’altro, i Tessalonicesi pregano per Paolo e Paolo ai Tessalonicesi.
Poi quello che prega ha un solo obiettivo: « La parola di Dio continua la sua gara.  » Qui troviamo la passione di Paolo per annunciare la Parola a tutte le nazioni; sappiamo che gli piace l’immagine della corsa; nel mondo greco, molto affezionato dei giochi circensi, era una vista familiare. È possibile immaginare un corridore che porta la parola come una torcia per accendere il mondo, per quanto possibile. L’apostolo è un portavoce (si potrebbe dire che la « speaker »), la semplice testimonianza di una parola che precede e supera gli sopravviverà. Questo suggerisce un altro paragone: il musicista che interpreta un’opera di risuona per tutto il tempo della sua carriera; egli è conosciuto e amato; Partizione a sopravvivere. Il nome della performer essere dimenticata, il nome dell’autore sarà ricordato. E applausi vanno molto di più al lavoro che l’interprete. I nomi di Bach o Mozart o Beethoven rimasti, i nomi dei loro interpreti sono stati dimenticati.
Ma questo è solo un confronto, per fortuna, la partizione di cui siamo responsabili, la Parola di Dio non ha bisogno artisti di talento, dobbiamo solo essere appassionato.
St. Paul dice ancora: « Pregate perché la parola di Dio continua il suo corso, e che lo rende gloria ovunque a casa. » Paul cerca la gloria della Parola di Dio, non per lui. Ed è vero che tra la Parola di Dio, la Tessalonicesi è stato ricevuto in modo esemplare: ricordiamo che Paolo rimase solo tre settimane a Tessalonica e in tre settimane già una comunità cristiana è nato, a cui egli può già dire « abbiamo fiducia in voi: che si fa e si continuerà a fare quello che si ordina. » Questo ci ricorda la prima lettera a Timoteo (abbiamo letto di recente) in cui Paolo si meravigliò che Cristo aveva fiducia in lui quando non aveva fatto nulla per meritare questa fiducia: « Sono pieno di gratitudine colui che mi ha dato la forza, Cristo Gesù, nostro Signore; è lui che mi ha contato degno di fiducia, portandomi al suo servizio, io che ero un ex bestemmiatore, persecutore e violento « . A sua volta, Paul fiducia il giovane battezzati tutti Salonicco che ha avuto poco tempo per provare se stessi ancora. Ma in realtà, non è solo a loro si fida, è a loro assistita dalla grazia di Dio … In sostanza, a fidarsi degli altri semplicemente ricordare che la grazia di Dio è . al lavoro in essi
Infine, la preghiera di Paolo è guidato da una sola certezza: « il Signore è fedele; egli vi confermerà e vi protegga dal male « ; il male che vuole proteggere il Tessalonicesi, non è la persecuzione in sé; egli sa che è parte della vita cristiana; e sappiamo che se egli stesso è rimasto a Salonicco che tre settimane è perché la persecuzione degli ebrei fu costretto a lasciare. Ma ciò che i Tessalonicesi hanno bisogno è il conforto del Signore per affrontare la persecuzione e tenere nel corso del tempo. Paolo insiste: «Prego che possiamo sfuggire alle persone perversi e il male, perché non tutti hanno la fede … » Fuggire qui, non vuol dire evitare: se voleva evitare la persecuzione, sarebbe cambiato lavoro ! Fuga significa « superare », avere il coraggio di stare fermo; l’unico obiettivo, ancora una volta, è che la diffusione del Vangelo (la gara, come dice lui), non è ostacolata.
E questo comfort, egli sa di poter contare su; la fedeltà è il nome di Dio « , il Dio di tenerezza e di fedeltà »; fu sotto questo nome che Dio ha rivelato a Mosè. Questa fedeltà di Dio, Paolo stesso ha sperimentato; per dimostrare la sua superba inizio frase: « Consolatevi da nostro Signore Gesù Cristo stesso e Dio nostro Padre, che ci ha amati e nella sua grazia ci sempre dato conforto e speranza gioiosa » . Comfort e gioiosa speranza, sembra che è sinonimo per lui. Lì ci fa dito come la speranza è radicata nel passato, o meglio in un esperimento. Per la speranza non è una questione di immaginazione; come se avessimo inventato giorni migliori, perché oggi è difficile; al contrario, la speranza è una questione di memoria (è la virtù della memoria), è la fede (o memoria) accoppiato con il futuro. Abbiamo visto, per esempio, con la storia dei sette martiri dei Maccabei: se fossero in grado di scoprire la fede nella risurrezione, perché hanno avuto l’esperienza della fedeltà di Dio.
deve ancora essere amichevole per la presenza di Dio; Questo è il motivo per cui Paolo ai Tessalonicesi suggerisce di lasciare « confortati dal Signore nostro Gesù Cristo » … abbiamo trovato ancora una volta qui la lezione del fariseo e del pubblicano nel fariseo, pieno di sé, non c’era posto per Dio; Il pubblicano invece, fu in grado di essere riempito perché il suo cuore era aperto.

COMMENTO A COR 5,17-21 DI MARIE-NOËLLE THABUT

http://www.eglise.catholique.fr/approfondir-sa-foi/la-celebration-de-la-foi/le-dimanche-jour-du-seigneur/commentaires-de-marie-noelle-thabut/

COMMENTAIRES DE MARIE-NOËLLE THABUT, DIMANCHE 6 MARS 2016

DEUXIEME LECTURE – DEUXIÈME LETTRE DE SAINT PAUL AUX CORINTHIENS  5, 17-21

(traduzione Google dal francese)

La difficoltà di questo testo è che siamo in grado di comprendere i due modi. Tutto può giocare sulla frase che si trova al centro Dio « cancellata per tutti gli uomini a causa dei loro peccati. » Questo può significare due cose: o prima ipotesi, fin dall’inizio del mondo, Dio contato i peccati degli uomini. Ma nella sua grande misericordia, ha ancora accettato di eliminare questo account a causa del sacrificio di Gesù Cristo. Questo è chiamato « sostituzione ». Gesù sarebbe venuto al nostro sito il peso di questo conto troppo pesante. Oppure, seconda ipotesi, Dio non ha mai fatto alcun conto del peccato dell’uomo e Cristo è venuto nel mondo per dimostrarlo. Per mostrarci che Dio è sempre amore e perdono. Come già detto il Salmo 102/103 ben prima della venuta di Cristo, « Dio mette via da noi i nostri peccati. » Ora tutto il lavoro della rivelazione biblica è proprio quello di farci passare dal primo al secondo ipotesi. Quindi dovremo porci tre domande: prima Dio mantiene i conti con noi? In secondo luogo, si può parlare di « sostituzione » per la morte di Cristo? In terzo luogo, se Dio non fa i conti con noi, se non possiamo parlare di « sostituzione » per la morte di Cristo, quindi come capire quale testo di Paolo? In primo luogo, non tiene conto di Dio con noi? Un contabile Dio è un’idea che nasce spontaneamente in mente probabilmente perché siamo un po ‘noi stessi contabili contro gli altri? Questa idea è stato senza dubbio quello del popolo eletti per la prima storia dell’Alleanza; non c’è da stupirsi: per che l’uomo scopre Dio col suo vero volto, Dio deve essere rivelato a lui. E vediamo Domenica dopo Domenica, il lavoro della rivelazione biblica. Cominciamo con Abramo, Dio non ha mai parlato di peccato con lui; Le disse Alleanza promessa di benedizione, progenie: troviamo la parola « merito » da nessuna parte. Le note della Bibbia « Abramo ebbe fede nel Signore e gli fu accreditato come giustizia » (Genesi 15: 6). La fede, la fiducia è l’unica cosa che conta. Il nostro comportamento seguirà. Dio non è nei conti: questo non significa che ora possiamo fare nulla; manteniamo la nostra piena responsabilità nella costruzione del Regno. Oppure, ricordiamo le successive rivelazioni di Dio a Mosè, in particolare il « Signore misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di grazia »; e poi David che ha scoperto (in occasione del suo peccato appunto) che il perdono di Dio precede anche il nostro pentimento. O quella magnifica frase in cui Isaia ci dice che Dio sarà sempre sorprende perché i suoi pensieri non sono i nostri pensieri, proprio perché è solo il perdono per i peccatori. (Is 55: 6-8) Impossibile elencare tutto, ma l’Antico Testamento già capito che Dio è la compassione e il perdono e non dimenticare che il popolo di Israele, chiamato Dio « Padre » di fronte a noi. La favola di Jonas esempio è stato scritto solo per noi, non dimenticare che Dio è interessato al destino di questi pagani di Ninive, nemici ereditari del suo popolo. Seconda domanda, si può parlare di « sostituzione » per la morte di Cristo? Ovviamente, Dio non tener conto, in modo da quindi non abbiamo nessun debito da pagare, non abbiamo bisogno di Gesù ci ha la precedenza; D’altra parte, quando i testi del Nuovo Testamento parla di Gesù, si parla di solidarietà, ma senza sostituzione; e inoltre, se qualcuno potesse fare per noi, dove sarebbe la nostra libertà? Gesù non agisce al posto nostro; non sostituisce noi; non è il nostro rappresentante; Gesù è il nostro fratello maggiore, il « primogenito », come dice Paolo, il nostro pioniere, egli apre la porta, va a nostra testa; si mescola con i peccatori che chiedono il battesimo di Giovanni; sulla Croce egli accetterà di morire a causa della odio per gli uomini: egli si avvicina a noi in modo che possiamo avvicinarci a lui. Terza domanda: ma allora, come capire il nostro testo Paolo oggi? Prima condanna, Dio non ha mai fatto alcun conto i peccati degli uomini; seconda convinzione, Cristo è venuto nel mondo per dimostrarlo. Come disse a Pilato: « Sono venuto nel mondo per rendere testimonianza alla verità ». Vale a dire, per mostrarci che Dio è sempre amore e perdono. Quando Paolo dice « cancellati tutti gli uomini a causa dei loro peccati », cioè nella nostra testa che cancella idee sbagliate circa il nostro Dio commercialista. I rimbalzi domanda: perché Gesù è morto? Cristo è venuto a testimoniare questo Dio d’amore tra i suoi contemporanei; si asciugò il rifiuto di quella rivelazione; e ha accettato di morire per aver troppo audaci, sono stato troppo imbarazzante per le autorità di posto che conoscevano meglio di lui era Dio. Morì di questo orgoglio degli uomini che hanno trasformato in odio, senza grazie. Anche all’interno di questo sfogo di orgoglio, ha sofferto l’umiliazione; in odio, aveva solo parole di perdono. Questo è il vero volto di Dio, infine, esposto allo sguardo degli uomini. « Chi ha visto me ha visto il Padre » (disse a Filippo, Giovanni 14: 9). Si capisce meglio allora la frase: « Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio per noi il peccato umano identificato, in modo che per mezzo di lui noi potessimo diventare giustizia di Dio. « Sul volto di Cristo sulla croce, contempliamo fino a che punto l’orrore del peccato umano; ma fino a che punto sarà la dolcezza e il perdono di Dio. E questo può anche contemplare la nostra conversione. « Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto » già detto Zaccaria (Zc 12,10), tratto da San Giovanni (Gv 19, 37). Così i nostri cuori di pietra finalmente diventano cuori di carne, come dice Ezechiele, vale a dire, piena di dolcezza e di perdono di simile. Per ora rivolgersi a diventare i nostri ambasciatori per il messaggio.

COMMENTAIRES DE MARIE-NOËLLE THABUT – 1COR 12, 12-30

http://www.eglise.catholique.fr/approfondir-sa-foi/la-celebration-de-la-foi/le-dimanche-jour-du-seigneur/commentaires-de-marie-noelle-thabut/#Deuxieme_lecture

COMMENTAIRES DE MARIE-NOËLLE THABUT, DIMANCHE 24 JANVIER 2016

PRIMA LETTERA DI SAN PAOLO AI CORINZI, 12, 12-30

(la traduzione non è buona, ma non ho trovato in italiano un buon commento, quelli di Marie Noelle sono molto belli secondo me)

In altre parole, « A ciascuno il suo lavoro; ma attenzione non disprezzare l’un l’altro, ricorda che tutti hanno bisogno di tutti « . (IN) Questo lungo sviluppo Paolo dimostra almeno una cosa è che la comunità di Corinto sapeva esattamente gli stessi problemi come noi. Per dare una lezione ai suoi fedeli, Paolo usa un metodo che funziona meglio di qualsiasi discorso, egli offre loro un confronto. In realtà, egli non ha completamente inventata, ma è ancora meglio: si utilizza una favola che tutti sapevano e si adatta il suo scopo. Questa favola chiamata « La Favola di membri e lo stomaco » (Esisteva già nel Esopo, 700 anni prima di Cristo ed era noto al momento di St. Paul. Dal momento che è raccontata in « Storia romana Livio « , più vicino a noi, del resto, La Fontaine messo in versi): come tutte le favole, si comincia con » C’era una volta « : » C’era una volta « Pertanto, un uomo come tutti gli altri … se non che, con lui, tutti i membri erano a parlare e discutere loro! E lo hanno fatto non tutti hanno un buon carattere, a quanto pare. E, probabilmente, un po ‘doveva avere l’impressione di essere meno ben trattata o leggermente sfruttato. Un giorno, durante una discussione, piedi e mani si ribellarono contro lo stomaco perché lui, lo stomaco, si accontenta di mangiare e bere quello che altri membri di fornire … Il piacere è per lui! Non è lui che è stanco di lavorare, coltivare la vite, per lo shopping, per tagliare la carne, masticare e mi dimenticare. Così abbiamo appena deciso di andare in sciopero. Ora nessuno si muove: stomach’ll vedere cosa succede a lui! E se lui muore di fame, ride bene chi ride ultimo … Avevamo dimenticato una cosa: se lo stomaco è affamato, non sarà l’unico. Quel corpo, come ogni altro, era un intero, e tutti hanno bisogno di tutti! San Paolo è tornato nella capitale culturale del suo tempo molto facile da capire il discorso. E nel caso in cui, nonostante tutto, non siamo riusciti a capire, ha preso la briga di spiegare la propria parabola del corpo e degli arti. E per lui, la morale di questa storia è: la nostra diversità è la nostra occasione, a condizione di fare gli strumenti di unità. Uno dei punti forti di questo sviluppo di San Paolo, è che non un momento, parla in termini di gerarchia o di superiorità! Giudei che Greci, schiavi o liberi, anche se tutte le nostre distinzioni umane, tutti sono innumerevoli: ora solo una cosa conta, il nostro battesimo nell’unico Spirito, la nostra partecipazione in questo corpo unico, il corpo di Cristo. Viste umani non sono più accettabili: non più superiorità o inferiorità. I punti di vista di Dio sono molto diversi: « Tra voi non ci deve essere così », disse Gesù ai suoi apostoli. Ma diciamo la verità, non più pensare in termini di superiorità, la gerarchia, la promozione, l’onore, è difficile. Paolo, al contrario, sottolinea il rispetto dovuto a tutti: semplicemente perché la più alta dignità, l’unica cosa importante è essere un membro di qualsiasi tipo del corpo di Cristo. Rispetto, nel senso etimologico, è una questione di rispetto: a volte la gente non sembra importante, non abbiamo nemmeno le vediamo, il nostro sguardo non indugia su di loro! Al contrario, tutti abbiamo misuriamo il nostro poca importanza agli occhi di qualcun altro: come se non ci fossero le sue diapositive sguardo su di noi! Sembra, dopo tutto, St. Paul qui ci dà una grande lezione di rispetto: rispetto per la diversità, da un lato, e il rispetto per la dignità di tutti, indipendentemente della sua funzione. ———- E ‘Isaia che ha questa splendida frase: « Quanto sono belli i piedi del messaggero di buone notizie! « Forse potremmo prendere spunto? E ‘vero che solo un piccolo sforzo per scoprire ciò che ognuno di noi porta originale nella vita delle nostre famiglie, le nostre imprese oi nostri gruppi di ogni tipo. Alcuni di noi sono i pensatori, ricercatori, inventori, organizzatori … Ci sono quelli che « naso », come si dice … c’è più esigenti … chi ha il dono della parola e quelli che sono meglio scritto … lì … e la lista potrebbe continuare all’infinito. Quelli di noi che hanno avuto la possibilità di vivere esperienze di riunioni di successo, proficue collaborazioni non possono più fare a meno. E se leggiamo la seconda Domenica (l’inizio del capitolo 12), piuttosto suonava come un appello per la diversità, lo sviluppo Oggi offriamo la seconda parte.

SECONDA LETTURA – PRIMA LETTERA DI SAN PAOLO AI CORINZI, 12, 4-11 – MARIE-NOËLLE THABUT

http://www.eglise.catholique.fr/approfondir-sa-foi/la-celebration-de-la-foi/le-dimanche-jour-du-seigneur/commentaires-de-marie-noelle-thabut/

COMMENTAIRES DE MARIE-NOËLLE THABUT, DIMANCHE 17 JANVIER 2016

SECONDA LETTURA – PRIMA LETTERA DI SAN PAOLO AI CORINZI, 12, 4-11

(traduzione Google dal francese)    

Le lettere ai Corinti risalgono venti secoli e non sono invecchiate di un po ‘? Piuttosto, è del tutto pertinente: come rimanere cristiani in un mondo che ha altri valori? Come ordinare le idee che circolano, quelli compatibili con la fede cristiana? Come convivere con i non cristiani senza venir meno alla carità? Ma non perdere la nostra anima, come si dice? Il mondo intorno a parlare di sesso e denaro … Come evangelizzare? Questi erano i problemi dei cristiani di Corinto recenti convertiti in un mondo prevalentemente pagana; sono nostri ormai vecchi cristiani o no, ma in una società che non è più sottolinea i valori cristiani. le risposte di Paolo ci riguardano quindi quasi tutti. Parla delle divisioni nella comunità, i problemi della vita coniugale, soprattutto quando i coniugi non condividono la stessa fede, il Capo di stare in mezzo a tutte le nuove idee commercianti: su tutti questi punti, mette la le cose al loro posto. Ma sempre, come quando parla di cose molto concrete, ha prima ricorda la fondazione delle cose, che è il nostro Battesimo: nelle parole di Giovanni Battista, mediante il Battesimo, siamo stati immersi nel fuoco dello Spirito (Mt. 3, 11), e ora è lo Spirito che si rifrange attraverso di noi secondo la nostra diversità. Paolo dice la stessa cosa: « Colui che agisce in tutto questo è uno e medesimo Spirito distribuisce i suoi doni a ciascuno secondo la sua volontà. « In Corinto, come in tutto il mondo ellenistico, l’intelligenza era adorato, abbiamo sognato di scoprire la saggezza, si è parlato ovunque filosofia. Per quelle persone che sognavano di saggezza scoprire da loro stessi e dal rigore delle loro argomentazioni, Paolo risponde: la vera saggezza, la conoscenza da sola che conta, non è la fine del nostro discorso: è un dono di Dio . « A uno viene concesso dallo Spirito, il linguaggio della sapienza di Dio; a un altro, sempre nello spirito, il linguaggio della conoscenza di Dio. « Non c’è niente di cui vantarsi, tutto è dono. La parola « donazione » è ripetuto sette volte! Nella Bibbia, questa non è una novità! Qui Paolo limita a ripetere i cristiani in termini che il suo popolo aveva da tempo scoperto, che solo Dio conosce e può trovare la vera saggezza. La novità del discorso di Paolo è altrove: consiste nel parlare dello Spirito come di una persona. Più profondamente, Paolo si distingue completamente dalla ricerca filosofica di ogni altro: non propone una nuova scuola di filosofia , un altro … Qualcuno ha annunciato. Perché i doni e distribuiti ai membri della comunità cristiana non sono all’ordine del potere o competenza, sono una presenza interiore: il nome dello Spirito è menzionato otto volte in questo brano. Infine, questo testo è rivolto ai Corinzi, ma non parla di loro, parla solo dello Spirito al lavoro nella comunità cristiana; . E che, con pazienza, senza sosta, ci conduce verso il nostro Padre (lui ci soffia a dire « Abbà » – Padre) e ci si gira verso i nostri fratelli Giusto per essere chiari, Paolo dice: « Ognuno riceve la manifestazione lo Spirito per il bene comune di tutti.  » Sappiamo che i Corinzi erano ansiosi di fenomeni spirituali straordinarie, ma San Paolo ricorda loro solo obiettivo: il bene di tutti. Ai fini dello Spirito non è altro dal momento che è l’amore personificato. E poi nelle sue mani, per così dire, diventiamo strumenti di una varietà infinita per la grazia di Dio che è Uno: « I doni di grazia sono molteplici, ma lo stesso Spirito. I servizi sono molteplici, ma lo stesso Signore. Le attività sono varie, ma è lo stesso Dio che agisce in tutto e in tutti. « Questa è la meraviglia della nostra diversità: ci fanno capaci, a loro modo, per dimostrare l’amore di Dio. Una delle lezioni del testo di St. Paul è sicuramente imparare a gioire per le nostre differenze. Sono le tante sfaccettature dell’amore che ci permette di fare secondo l’originalità di ciascuno. Rallegriamoci dunque la varietà di razze, colori, lingue, regali, arte, invenzioni … E ‘quello che fa la ricchezza della Chiesa e del mondo ha fornito vivete nell’amore. E ‘come un’orchestra: la stessa ispirazione … diversi e complementari espressioni dei diversi strumenti e qui una sinfonia … una sinfonia fornito per giocare tutti nella stessa chiave … è quando noi non giocano tutti nella stessa tonalità vi è una cacofonia! La sinfonia in questione qui è la canzone d’amore che la Chiesa è responsabile per il canto nel mondo dire « inno alla carità », come si suol dire « Inno alla gioia ‘di Beethoven. La nostra complementarietà nella Chiesa non è una questione di ruoli, funzioni, in modo che la Chiesa viva, con una organizzazione in atto … E ‘molto più grave e più bello di questo: è la missione affidato alla Chiesa per rivelare l’amore di Dio: questa è la nostra unica ragione d’essere.

 

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01