Archive pour la catégorie 'CHIESA (sulla)'

18 OTTOBRE: SAN LUCA, APOSTOLO ED EVANGELISTA

http://collegiogreco.blogspot.it/2011/10/18-ottobre-san-luca-apostolo-ed.html

18 OTTOBRE: SAN LUCA, APOSTOLO ED EVANGELISTA

L’evangelista Luca in un manoscritto bizantino del X secolo

San Luca Evangelista, autore del terzo Vangelo e degli Atti degli Apostoli, è chiamato « lo scrittore della mansuetudine del Cristo ». Paolo lo chiama « caro medico », compagno dei suoi viaggi missionari, confortatore della sua prigionia. Il suo Vangelo, che pone in luce l’universalità della salvezza e la predilezione di Cristo verso i poveri, offre testimonianze originali come il vangelo dell’infanzia, le parabole della misericordia e annotazioni che ne riflettono la sensibilità verso i malati e i sofferenti. Nel libro degli Atti delinea la figura ideale della Chiesa, perseverante nell’insegnamento degli Apostoli, nella comunione di carità, nella frazione del pane e nelle preghiere. Secondo la tradizione Luca nacque ad Antiochia da famiglia pagana e fu medico di professione, poi si convertì alla fede in Cristo. Divenuto compagno carissimo di san Paolo Apostolo, sistemò con cura nel Vangelo tutte le opere e gli insegnamenti di Gesù, divenendo scriba della mansuetudine di Cristo, e narrando negli Atti degli Apostoli gli inizi della vita della Chiesa fino al primo soggiorno di Paolo a Roma. Ma che c’entra Teofilo? E chi lo conosce? Da sempre ci pare un po’ abusivo questo personaggio ignoto, che vediamo riverito e lodato all’inizio del Vangelo di Luca e dei suoi Atti degli Apostoli. La risposta si trova nella formazione ellenistica dell’autore. Con la dedica fatta a Teofilo, che doveva essere un cristiano eminente, egli segue l’uso degli scrittori classici, che appunto erano soliti dedicare le loro opere a personaggi insigni. Luca, infatti, ha studiato, è medico e tra gli evangelisti è l’unico non ebreo. Forse viene da Antiochia di Siria (oggi Antakya, in Turchia). Un convertito, un ex pagano, cui Paolo di Tarso si associa nell’apostolato, chiamandolo « compagno di lavoro » (Filemone 24) e indicandolo nella Lettera ai Colossesi come « caro medico » (4,14). Il medico segue Paolo dappertutto, anche in prigionia: due volte. E durante la seconda, mentre in un duro carcere attende il supplizio, Paolo scrive a Timoteo che ormai tutti lo hanno abbandonato. Meno uno. « Solo Luca è con me » (2 Timoteo 4,11). E questa è l’ultima notizia certa dell’evangelista.
Luca scrive il suo vangelo per i cristiani venuti dal paganesimo. Non ha mai visto Gesù e si basa sui testimoni diretti, tra cui probabilmente alcune donne, che furono le prime a rispondere all’annuncio. C’è un’ampia presenza femminile nel suo vangelo, cominciando naturalmente dalla Madre di Gesù: Luca è attento alle sue parole, ai suoi gesti, ai suoi silenzi. Di Gesù egli sottolinea l’invitta misericordia e quella forza che uscendo da lui « sanava tutti »: Gesù medico universale, chino su tutte le sofferenze, Gesù onnipotente e “mansueto” come lo credeva Dante nelle parole di Luca.Gli Atti degli Apostoli raccontano il primo espandersi della Chiesa cristiana fuori di Palestina, con i problemi e i traumi di questa universalizzazione. Nella seconda parte è dominante l’attività apostolica di Paolo, dall’Asia all’Europa; qui Luca si mostra attraente narratore quando descrive il viaggio, la tempesta, il naufragio, le buone accoglienze e le persecuzioni, i tumulti e le dispute, gli arresti dal porto di Cesarea Marittima fino a Roma e alle sue carceri. Secondo un’antica leggenda, Luca sarebbe stato anche pittore e, in particolare, autore di numerosi ritratti della Madonna. Altre leggende dicono che, dopo la morte di Paolo, egli sarebbe andato a predicare fuori Roma e si parla di molti luoghi. Di troppi. In realtà, nulla sappiamo di lui dopo le parole di Paolo a Timoteo dal carcere. Ma il Vangelo di Luca continua a essere annunciato insieme a quelli di Matteo, Marco e Giovanni in tutto il mondo. E con esso anche gli Atti degli Apostoli.

IL CULTO DEGLI ANGELI NELLA LITURGIA BIZANTINA

http://www.miliziadisanmichelearcangelo.org/content/view/3100/93/lang,it/

IL CULTO DEGLI ANGELI NELLA LITURGIA BIZANTINA

La credenza nelle intelligenze immateriali, i messaggeri di Dio creati prima del mondo visibile, trova riscontro nell’Antico testamento (Gn. 3, 24; Es. 14, 19) e nel Nuovo Testamento (Mt. 1, 20; 2, 13; Lc 1, 11, 26). Nonostante i nove cori di angeli di Dionigi lo Pseudo Areopagita (+ca 500) che Tommaso d’Aquino ( + 1274) adotta in Occidente, potremmo dire che non esiste trattato sistematico sugli angeli in Oriente, anche se commenti e studi non mancano. I siriaci usano il termine malaka , mentre S. Efrem (+373) impiega ‘ira per esprimere la vigilanza dell’angelo. Gli Arcangeli primeggiano fra gli etiopi e g i copti che usano il termine mal’ak. Nelle differenti liturgie orientali gli angeli hanno funzioni importanti nella liturgia celeste (cf. Is 6,3; Lc 2, 13) e nel difendere gli esseri umani dai demoni (Mt. 13, 39- 43; 18,10) (escatologia); gli angeli sono venerati al pari dei santi. Che singole persone, nazioni, Chiese abbiano i loro angeli protettori è idea cara all’Oriente e fondata sulla Bibbia. Gli Angeli sono presenti nelle icone dei misteri della salvezza quali Annunciazione, Nascita, Battesimo , Morte e Risurrezione. …
… Dormizione della Theotokos e in altre icone relative ai santi. Nel calendario bizantino, s. Gabriele è celebrato il 26 marzo e insieme a s. Michele agli altri arcangeli, l’8 novembre ; entrambi gli arcangeli decorano le due porte laterali di un’incontrarsi ortodossa. S. Giovanni il Prodromos (Precursore) come è conosciuto il Battista fra gli ortodossi, è spesso dipinto con le ali come un angelo / messaggero. Analogamente la vita monastica è spesso definita “angelica”. Un’angelologia ortodossa di solito respiro speculativo è stata fornita da Sergij Bulgakov (+1944) nel suo La scala di Giacobbe (1929 in russo). La Sofia è rappresentata nell’icona di Novgorod come angelo femminile. La fede nell’esistenza degli angeli, la professiamo nel credo: “Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili ed invisibili”. Col termine “cielo” si intendono appunto gli angeli, spiriti invisibili. “Gli angeli sono simili agli uomini in quanto forniti di intelletto, sentimenti, forza e di un proprio nome… Differiscono dagli uomini in quanto sono incorporei e immortali. Alcuni di loro vengono chiamati “custodi”, perché hanno il compito di custodire gli uomini. Ciò è stato confermato da Cristo stesso con le parole: “Guardatevi dal disprezzare uno solo di questi piccoli, perché vi dico che i loro angeli nel cielo vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli” (Mt. 18,10).

NELLA LITURGIA
“Tutti gli angeli hanno la stessa natura, ma si distinguono nella gloria, nella potenza e nell’attività. Ci sono nove ordini: Troni, Cherubini, Serafini, Dominazioni, Virtù, Potestà, Principati, Arcangeli, Angeli. Nella Bibbia vengono spesso chiamati “milizie celesti” e “milizie del Signore”, perché sono l’esercito divino che lotta contro gli spiriti maligni, cioè quegli angeli che si sono allontanati da Dio e sono diventati nemici suoi e degli uomini…I nomi degli angeli sono in rapporto delle loro funzioni: Raffaele “Dio guarisce”; Gabriele “eroe di Dio”; Michele “Chi è come Dio?” (Dan. 10,13-21; 12,1). Nella Liturgia Bizantina, l’Arcangelo Michele viene commemorato una prima volta il 6 settembre (si ricorda il miracolo da lui operato a Colossi di Frigia, durante la costruzione di una chiesa in suo onore. I pagani, per distruggerla e far annegare il costruttore Archippo, deviarono con un macigno il fiume. Apparve S. Michele e fece ritornare le acque deviate nel loro letto naturale).

DAGLI INNI (stichirà) DEL VESPRO SI DEDUCE:
COMPITI
“Stare davanti a Dio uno e trino è il compito di S. Michele e di tutte le schiere celesti per proclamare l’unità e la trinità col canto “Aghios o theos, aghios ischiròs, aghuios athànatos”: Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale. E’ la liturgia celeste che viene svolta in continuazione dagli angeli e dai santi; la vita liturgica qui sulla terra non è altro che la manifestazione di questa liturgia celeste. Come dice il nome stesso “messaggero” (in greco angelo) gli angeli sono “spiriti celesti destinati a servire, inviati in missione per il bene di coloro che devono ereditare la salvezza” (Ebr. 1,14). “Il Principe Michele ubbidisce rapido ai tuoi cenni, e alla tua gloria canta l’inno “Tre volte santo…”. L’8 novembre del Calendario bizantino è dedicato al ricordo dei principi celesti Michele e Gabriele e di tutte le potenze angeliche”. Le letture bibliche presentano l’episodio di Giosuè “che presso Gerico incontra il “capo dell’esercito del Signore” che gli dice: “Togli i sandali dai tuoi piedi, perché il luogo dove tu stai è santo”. Giosuè viene così preparato dall’Arcangelo Michele per la conquista della terra promessa. “La seconda lettura è tratta dal libro dei Giudici. L’Arcangelo Michele appare a Gedeone e lo rincuora nella lotta contro i Madianiti”. “Nella terza lettura il profeta Daniele ha una visione che lo conforta: gli viene rivelato che l’Arcangelo Michele lo protegge e lo accompagna nella sua missione”.

CARATTERISTICHE
La Celebrazione dell’Arcangelo, nei diversi canti a lui vengono rivolti, fa risaltare alcune caratteristiche che sono presenti anche nel nostro modo di ricordarlo, ed in particolare:
1) La bellezza e il fulgore, straordinari anche per un Angelo: “Davanti a Dio dal triplice fulgore, Tu te ne stai circonfuso di luce e di splendore”; “…per proclamare la sua divinità”; “il tuo volto è di fuoco e stupenda è la tua bellezza”.
2) La completa aderenza alla volontà del Signore, in virtù della quale Egli percorre come fulmine il cielo, per portare a compimento l’incarico che gli è stato assegnato: “Tu percorri come folgore il cielo…”; “O Signore, Tu hai fatto Celesti i Tuoi messaggeri ed hai posto come loro capo Michele, che obbedisce al Tuo ordine…”.
3) La capacità di intercedere per gli uomini perché ottengano il perdono nel giorno del Giudizio. Questa qualità è simile a quella attribuitagli in Occidente quale “pescatore delle anime” e lo fa invocare come sicuro rifugio dai mali e dai dardi che il maligno scaglia continuamente contro il genere umano.

DALL’ORTHROS
E ci piace ricordare almeno nei concetti fondamentali, un inno, definito “ òrthros” perché nei tempi passati, quando si chiedeva aiuto contro il turco invasore, veniva recitato di mattina; che sintetizza tutte le proprietà dell’Arcangelo: “O grande condottiero degli spiriti celesti, Tu che rifletti la luce divina, liberami dalla tirannia del nemico, affinché ottenga la pace dell’animo…”.

PREGHIERE DELLA LITURGIA BIZANTINA
Nella mediazione della Parola di Dio proclamata nei Vespri e nelle Lodi, brevi inni liturgici cantano la fede della Chiesa e intessono il panegirico dell’Arcangelo Michele.
Gli “apòstica” – inni della seconda parte del Vespro – hanno il seguente contenuto:
1. Tutti noi fedeli che abitiamo in questo mondo, uniti agli Angeli di cui celebriamo la festa, cantiamo come loro l’inno al Dio che siede sul trono di gloria: Santo sei, o Padre celeste; Santo, o Figlio, eterno come lui; santo sei, o Spirito Santissimo.
- Egli fa i venti suoi messaggeri,
e i suoi ministri le fiamme del fuoco.
2. Tu che tieni il primo posto fra le schiere angeliche, e hai l’ardire di stare senza schermi davanti al trono di gloria dell’Altissimo, tu che sei a conoscenza dei misteri profondi e incomprensibili, salvaci con la tua intercessione, o Michele, principe celeste, poiché noi versiamo in gravi pericoli e miserie.
– Benedici il Signore, o anima mia;
Signore mio Dio, quanto sei grande!
3. Tu sei il primo degli Angeli immateriale, il ministro del divino splendore, di cui sei , di cui sei l’intimo e acuto conoscitore; salva, o Michele, principe celeste, noi che pienamente ti onoriamo in questa ricorrenza annuale, e con fede adoriamo la Trinità divina.
– Gloria al padre, al Figlio, e allo Spirito Santo.
4. O glorioso principe delle schiere celesti, come nostro difensore e condottiero degli Angeli, libera dalle infermità e dalla triste e tremenda caduta nel peccato, noi che ti lodiamo e ti supplichiamo. Tu sei immateriale, godi la chiara visione del Dio immateriale, e risplendi di luce inaccessibile della gloria del Signore, io quale, per nostro amore e per salvare l’umanità, prese carne umana dalla Vergine santa.
-Ora e sempre, e per i secoli dei secoli. Amen.
Oggi il vero tempio vivo di Dio, la Madre sua santissima, s’appresta a visitare il tempio materiale del Signore, e Zaccaria l’accoglie. La parte più santa del tempio, il Santo dei Santi, tripudia di gloria, e il coro degli Angeli misticamente fa festa; ci uniamo alla loro festa anche noi, e con Gabriele gridiamo: Salve, o piena di grazia, il Signore è con te, colui che possiede la grande misericordia.

L’APOLITICHION
In onore degli angeli chiude l’ufficiatura del Vespro; si chiama così perché viene cantato quando viene sciolta l’assemblea: O capi delle celesti schiere, noi indegni vi supplichiamo, affinché con le vostre preghiere ci difendiate, custodendoci sotto le ali della vostra gloria immateriale; mentre noi vi veneriamo con fervore e diciamo: Liberateci dai pericoli, voi che siete i condottieri delle forze celesti.
-Gloria al padre, al Figlio e allo Spirito Santo; ora e sempre e per i secoli dei secoli. Amen.
Il mistero nascosto da tutta l’eternità e sconosciuto agli stessi Angeli, per tuo mezzo, o Madre di Dio, è stato rivelato a noi mortali: che cioè Dio, unendo le due nature senza confonderle, si incarnò, e per noi accettò volontariamente la croce, con la quale risollevò il primo padre Adamo, e salvò dalla morte le anime nostre.
L’UFFICIATURA DELL’ORTHROS- mattutino- è tutta dedicata ai capi delle schiere angeliche Michele e Gabriele, che vengono invocati nei pericoli e nelle necessità del popolo cristiano, soprattutto nell’ora della morte.
STICHOLOGHIA – dopo il 1° salmo:
1. O grande condottiero degli spirituali ministri celesti, che stai davanti al trono di Dio e rifletti la vivida luce che da Lui scaturisce, illumina e santifica coloro che con fede ti cantano inni di lode; liberali dalla tirannia del nemico; chiedi per i nostri governanti una vita di pace, e così pure per tutte le genti.
Gloria al Padre…
2. Non taceranno mai i tuoi servi devoti, o Madre di Dio. Non cesseranno di lodare con gratitudine, dal profondo del cuore, la tua misericordia, o Regina, dicendo a gran voce: O Vergine, affrettati a liberarci dai nemici, visibili e invisibili, e da ogni male che ci minaccia, poiché Tu salvi sempre i tuoi servi da ogni genere di disgrazie.
- Dopo il 2° salmo:
1. I Cherubini e i Serafini dai molti occhi, le schiere degli Arcangeli, ministri celesti, Potestà e Troni, Dominazioni e Angeli, Potenze e Principati ti pregano, Creatore nostro, Dio e Signore: Non disprezzare la supplica di un popolo che ha peccato, o Cristo grandemente misericordioso.
Gloria al Padre…
DOPO IL POLI LEO
1) O condottieri celesti Michele e Gabriele,voi che siete schierati in prima fila davanti alla potente gloria divina, o Ministri del Signore, voi che insieme con tutti gli Spiriti celesti pregate continuamente per il mondo chiedete che noi possiamo trovare perdono dei peccati, misericordia e grazia nel giorno del giudizio.
– Gloria…
2) O vergine pura e benedetta, Tu che sei strapiena della grazia di Dio, insieme con le potenze dei cieli, con gli Arcangeli e con tutti gl’Incorporei, prega senza posa, per noi, Colui che, per la sua sviscerata misericordia, volle nascere da Te, affinché prima della fine ci conceda la sua clemenza e il perdono dei peccati, cosicché possiamo raddrizzare la nostra vita e trovare la sua misericordia.
3). O Condottieri delle schiere di Dio, Ministri della divina gloria, voi che accompagnate gli uomini nel cammino e guidate le Potenze dei cieli, chiedete a Dio ciò che è utile per noi e la sua grande misericordia, come Principati degli Spiriti Celesti.
4). Tu dicesti, o Amico dell’uomo, com’è scritto nel Vangelo, che la moltitudine degli Angeli fa festa nei cieli anche per un uomo solo che si converte a Te, o Dio immortale; è per questo che noi peccatori, pur nelle nostre iniquità, o Signore senza peccato e conoscitore di cuori, ogni giorno osiamo supplicarti, quale Dio dalle viscere compassionevoli, di avere pietà di noi, indegni tuoi servi, e di mandarci la grazia della compunzione del cuore e il tuo perdono: per noi tutti ti pregano, infatti, i Principati degli spiriti celesti.

EXAPOSTILARIO
1) Iddio Creatore ti costituì difensore a guida della nostra stirpe, e validissimo e provvido nostro custode, o divino Arcangelo, e ti diede onore e gloria indescrivibile, affidandoti il compito di cantare instancabilmente l’inno sublime di vittoria, tre volte santo.
2) Tu sei più onorabile, o Vergine purissima, dei gloriosi Serafini, e senza paragone più gloriosa dei potenti Cherubini, e più santa di tutti i santi Angeli: in modo ineffabile, infatti, hai dato corporalmente alla luce il Creatore dell’universo. Ed ora pregalo, Madre di Dio, di concedere ai tuoi servi il perdono dei peccati.

ENI= LODI
Lodatelo per le sue opere potenti, lodatelo secondo l’immensità della sua grandezza.
1. Ti celebriamo con fede, o grande Arcangelo Michele, come primo condottiero delle schiere celesti, e sulla terra, forte difensore degli uomini, custode e protettore di noi, che cantiamo l’inno e ti preghiamo di liberarci da ogni dolore e da ogni male.
Lodatelo con suono di tromba,
lodatelo con l’arpa e la cetra.
2. Il Condottiero delle divine ed eccelse Potenze chiama oggi a raccolta le schiere dei mortali ad applaudire e celebrare, insieme con gli Angeli, la splendida festa del loro santo ricordo, e a cantare a Dio l’inno tre volte santo
Lodatelo con cembali armoniosi,
lodatelo con cembali di acclamazione.
Ogni spirito lodi il Signore.
3. Sotto le tue sante ali, ci rifugiamo con fede, o Arcangelo Michele, spirito eccelso: custodiscici e proteggici durante tutta la vita; assistici nell’ora della morte e sii benevolo con noi.
Gloria…
4. Dove si estende l’ombra della tua grazia, o Arcangelo Michele, di là fugge la forza del maligno: Lucifero infatti, l’angelo precipitato, non resiste di fronte alla tua luce. Perciò noi ti preghiamo: spegni i dardi infuocati che egli scaglia contro di noi, e con la tua intercessione, liberaci dalle insidie di lui, o celebratissimo Arcangelo Michele.
Ora e sempre, e nei secoli dei secoli.
Amen.
5. Ti chiamiamo giustamente beata, noi fedeli, o Madre di Dio, e ti glorifichiamo come città indistruttibile, muro imbattibile, sicura protezione e rifugio delle anime nostre.
“Questi sono tropari” cioè piccoli inni liturgici che, meditando la Parola divina proclamata, cantano la fede della Chiesa e insieme tessono il panegirico dell’Arcangelo Michele e di tutte le schiere angeliche. Un panegirico composto dei temi della fede che proviene dalla Parola. All’inizio ho sottolineato alcuni di questi temi, ora termino con il tema che ricorre di continuo in tutti gli inni: il popolo santo di Dio, tutti noi fedeli. Siamo deboli, ci riconosciamo bisognosi, nella continua situazione di necessità di aiuto. Ma con fede speriamo e supplichiamo di ricevere anzitutto la luce del Vangelo e la potente salvezza divina. E nel nostro amore a Dio la nostra fede, la nostra speranza e la nostra carità, procedendo come Famiglia di Dio verso la Casa del Padre, celebrandone la gloria e la lode, sotto lo sguardo misericordioso della “tuttasanta” Madre di Dio , inneggiando dagli angeli: a Lui noi diamo gloria, onore e adorazione, al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo, ora e sempre e nei secoli dei secoli. Amen”.

Publié dans:ANGELI ED ARCANGELI, CHIESA BIZANTINA |on 29 septembre, 2015 |Pas de commentaires »

IL PROBLEMA DELLA CHIESA COME POPOLO DI DIO E CORPO DI CRISTO (anche Paolo)

http://web.tiscali.it/cattolici/salvezza_sacrificio.htm

(non trovo la firma, ma mi sembra un studio fatto bene)

IL PROBLEMA DELLA CHIESA COME POPOLO DI DIO E CORPO DI CRISTO

La parola « popolo » per indicare il « popolo di Dio », il popolo che appartiene a Dio e che Egli salva, ricorre solo cinque volte nel Nuovo Testamento (Tt 2, 14; Eb 4, 9; 10, 30; 1 Pt 2, 9-10; Ap 18, 4). L’espressione è conservata nell’ecclesiologia patristica, sia per indicare la dignità sacerdotale dei cristiani (Origene), sia per concepire dinamicamente e storicamente la Chiesa pellegrina sulla terra.
Ma è solo nel XX secolo che tale espressione ha avuto un grande sviluppo e una grande affermazione, sia nelle opere di teologi (come Cerfaux, Schmaus, Congar, Colombo, Semeraro tra i cattolici; Schlier, Schnackenburg, Oepke tra i protestanti), sia nei documenti del Magistero.
In un recente libro di ecclesiologia, Casale afferma che « tutto ciò che si può e si deve dire della Chiesa – storicamente e sovrastoricamente – si riferisce al « popolo di Dio » come al suo oggetto ». 1 E più avanti: « Dio raccoglie un’Ekklesia, un popolo, il che avviene già in questa storia ». 2
L’idea di Chiesa come popolo di Dio è privilegiata in due documenti importantissimi del Magistero cattolico: la costituzione dogmatica del concilio Vaticano II Lumen Gentium (1964) e il Catechismo della Chiesa cattolica (1992).
Ma è proprio da un attento esame di questi due documenti che nasce quello che si può chiamare il problema della Chiesa come popolo di Dio. Problema che viene fuori anche dall’esame di alcuni passi di altri importanti documenti della Chiesa, come l’enciclica di Pio XII Mystici Corporis (1943), la dichiarazione conciliare Nostra Aetate (1965) e l’esortazione apostolica di Paolo VI Evangelii nuntiandi (1975).
Partiamo da due passi della Sacra Scrittura. In At 10, 35 Pietro afferma che « Dio non fa preferenze di persone, ma chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque popolo appartenga, è a lui accetto ». Da notare che queste parole escono proprio dalla bocca di Pietro, il Vicario di Cristo, il primo papa. E in Gal 3, 28 Paolo afferma: « Non c’è Giudeo né Greco; non c’è schiavo né libero; non c’è maschio né femmina, poiché tutti voi siete una sola persona in Cristo Gesù ». Vi è in essi la chiara attestazione che l’uomo buono, che fa la volontà di Dio, a qualunque popolo appartenga, è in Cristo e Dio lo salva.
E così è chiaro perché il Concilio Vaticano II possa dire che « quelli che senza colpa ignorano il Vangelo di Cristo e la sua Chiesa, e che tuttavia cercano sinceramente Dio, e coll’aiuto della grazia si sforzano di compiere con le opere la volontà di Lui, conosciuta attraverso il dettame della coscienza, possono conseguire la salvezza eterna » (LG n. 16).
La domanda che a questo punto ci si deve porre è questa: se un ebreo, o un musulmano, o un induista, o un buddista, o qualunque uomo ignora il Vangelo di Cristo, oppure è stato chiamato ad entrare nella Chiesa cattolica e non vi è entrato, però compie con le opere la volontà di Dio, costui fa parte o no del popolo di Dio?
Se la Chiesa è definita « popolo di Dio », questa domanda è ineludibile, non si può evitare di dare una risposta.
La stessa domanda sorge se si considera la Chiesa come corpo di Cristo.
La definizione della Chiesa come corpo di Cristo ha un fondamento biblico nel corpus paolino. San Paolo afferma, infatti, che Cristo è un solo corpo che ha molte membra (1 Cor 12, 12), che noi siamo membra del corpo di Cristo (1 Cor 6, 15; 12, 27; Ef 5, 30), che formiamo un solo corpo (Rm 12, 5; 1 Cor 10, 17; 12, 13; Ef 4, 4; Col 3, 15) e che questo corpo di Cristo è la Chiesa (Ef 1, 22-23; Col 1, 18.24).
Anche il Magistero cattolico definisce in diversi documenti la Chiesa come corpo di Cristo: nell’enciclica di Pio XII Mystici Corporis (nn. 13-61); nel decreto conciliare Unitatis Redintegratio al n. 3; nel decreto conciliare Ad Gentes al n. 6; nel Catechismo della Chiesa cattolica al n. 830; nell’esortazione apostolica postsinodale di Giovanni Paolo II Ecclesia in Asia al n. 16.
Poiché i pagani « sono chiamati in Cristo Gesù, a partecipare alla stessa eredità, a formare lo stesso corpo » (Ef 3, 6), e poiché Cristo è il salvatore di tutti, cristiani e non cristiani, è inevitabile porsi la domanda se i non cristiani fanno parte o no del corpo di Cristo.
Le risposte possibili alle due domande, relative al popolo di Dio e al corpo di Cristo, sono evidentemente solo due: o sì o no.
Facciamo l’ipotesi di rispondere no.
In tal caso ci troviamo di fronte a due possibilità conseguenti. Se quest’uomo, che non fa parte del popolo di Dio, non è salvato, allora occorrerà ammettere che solo gli appartenenti alla Chiesa cattolica, il popolo di Dio e corpo di Cristo, si salvano. Ma ciò è negato dalla stessa Chiesa cattolica, quando afferma nella Lumen Gentium che la persona, non cattolica, di cui stiamo parlando è uno tra quelli che « possono conseguire la salvezza eterna » (n. 16).
L’altra possibilità è che quest’uomo è salvato da Dio senza che appartenga al popolo di Dio o e salvato da Cristo senza appartenere al corpo di Cristo. Il che è assurdo.
Come è improponibile la possibilità che quest’uomo mentre è in vita non appartiene al popolo di Dio, e subito dopo morto vi apparterrà. Quest’ultima possibilità è contraddetta peraltro dalla stessa Lumen Gentium, quando afferma: « Alcuni dei suoi discepoli sono pellegrini sulla terra, altri, passati da questa vita, stanno purificandosi, e altri godono della gloria contemplando « chiaramente Dio uno e trino, qual è »; tutti però, […] formano una sola Chiesa » (n. 49).
La risposta alla domanda che ci siamo posti non può dunque essere negativa. Occorre ammettere e accettare che l’appartenenza al popolo di Dio e al corpo di Cristo non è limitata agli aderenti alla Chiesa cattolica oggi visibile. Se, come afferma Ratzinger, « appartiene al popolo di Dio chi appartiene a Cristo », 3 se, come attesta il Concilio Vaticano II, Cristo « si è unito in certo modo ad ogni uomo » (GS n. 22) e se, come sostiene Giovanni Paolo II, compito fondamentale della Chiesa è di « far sì che una tale unione possa continuamente attuarsi e rinnovarsi » (RH n. 13), allora occorre anche ammettere che la « Chiesa di Dio » (1 Cor 10, 32; 11, 22; 15, 9; Gal 1, 13; 1 Tm 2, 5) abbraccia l’universale popolo di Dio, nel quale si entra per l’accoglienza dei doni dello Spirito di Cristo donati a tutti, dei quali « più grande è la carità » (1 Cor 13, 13). E ancora, come afferma Füglister, che l’ecclesiologia « tratta dell’unico « corpus Ecclesiae », dell’unico e indiviso popolo di Dio ». 4 Del resto, è lo stesso Magistero cattolico ad attestare, nel decreto conciliare Ad Gentes (1965), che Cristo si è incarnato, è morto ed è risorto perché « tutto il genere umano costituisca un solo popolo di Dio » (AG n. 7).
A questo punto, però, nasce un problema. Se una parte del popolo di Dio è fuori della Chiesa cattolica, questa costituisce solo una parte dell’universale popolo di Dio, e non è, come vogliono la Lumen Gentium (n. 13) e il Catechismo della Chiesa cattolica (nn. 782-783), « il popolo di Dio »; né in essa è presente la Chiesa universale. Si dovrebbe cioè accettare che la Chiesa cattolica è solo un’istituzione, è una Chiesa particolare e non universale; e così ridurre la sua cattolicità o a totalità o a missionarietà.
La cattolicità comprende la totalità nel senso che la Chiesa è cattolica anche perchè costituita dalla totalità delle Chiese locali, che sono essenzialmente identiche in ogni luogo e in ogni tempo, perché hanno tutte lo stesso Dio, la stessa fede, lo stesso Vangelo, gli stessi sacramenti (battesimo, eucaristia). « Soltanto tutte le Chiese sono la Chiesa totale, – scrive Küng – e ciò non in quanto addizionate o associate esternamente, ma in quanto interiormente unite nello stesso Dio, Signore e Spirito, attraverso lo stesso Vangelo, lo stesso battesimo, lo stesso banchetto eucaristico e la stessa fede ». 5
La totalità è sottolineata in alcuni passi del Magistero cattolico: « Cristo istituì questo nuovo patto, cioè la nuova alleanza nel suo sangue (cfr. 1 Cor 11, 25), chiamando gente dai Giudei e dalle nazioni, perché si fondesse in unità non secondo la carne, ma nello Spirito e costituisse il nuovo Popolo di Dio » (LG n. 9); « Il popolo di Dio si raccoglie da diversi popoli » (LG n. 13); « Questa varietà di Chiese locali tendenti all’unità, dimostra con maggiore evidenza la cattolicità della Chiesa indivisa » (LG n. 23).
Ma la cattolicità non può esaurirsi nella totalità, perché se così fosse tutte le Chiese (ortodosse, luterane, calviniste, ecc.) sarebbero cattoliche, avendo lo stesso Dio, la stessa fede, lo stesso Vangelo e gli stessi sacramenti. La Chiesa cattolica, invece, è tale proprio perché cattolicità è qualcosa in più rispetto a totalità.
Se il presupposto della cattolicità fosse solo l’identità di tutte le Chiese locali, la Chiesa cattolica non sarebbe più pienamente tale, in quanto diversa dalle altre. Ciò è riconosciuto dallo stesso Magistero quando afferma: « Le divisioni dei cristiani impediscono che la Chiesa stessa attui la pienezza della cattolicità » (UR n. 4).
La cattolicità comprende anche la missionarietà della Chiesa, e ciò risulta da diverse affermazioni del Magistero. Leggiamo nella Lumen Gentium che « il popolo di Dio, pur restando uno e unico, si deve estendere a tutto il mondo e a tutti i secoli » (LG n. 13); qui è chiaro che l’espressione « si deve estendere » non può intendersi nel senso di « si deve considerare esteso », bensì nel senso di « deve essere esteso ». Anche il decreto Ad Gentes collega, in due passi, cattolicità e missionarietà: « La Chiesa, per le esigenze più profonde della sua cattolicità e obbedendo all’ordine del suo fondatore, si sforza di annunciare il Vangelo a tutti gli uomini » (AG n. 1); « Per quanto riguarda gli uomini, i gruppi e i popoli, solo gradatamente la Chiesa li raggiunge e li penetra, e li assume così nella pienezza cattolica » (AG n. 6). E il Catechismo della Chiesa cattolica sostiene che la Chiesa « è cattolica perché è inviata in missione da Cristo alla totalità del genere umano » (CCC n. 831).
Ma questo legame tra cattolicità e missionarietà, che nessuno nega, non esaurisce la cattolicità della Chiesa. La Chiesa, infatti, ha da sempre, fin dalla sua fondazione, concepito se stessa come Chiesa universale, Chiesa di Cristo, Chiesa di Dio. « I cristiani – scrive U. Casale – hanno avuto fin dall’inizio il senso di appartenenza a un corpo unico di estensione universale ». 6
Già Paolo, rivolgendosi ai Corinzi, indica la Chiesa come « Chiesa di Dio che è in Corinto » (2 Cor 1, 2), non come la Chiesa « di Corinto ». E nella Lettera ai Galati parla delle « Chiese della Giudea che sono in Cristo » (Gal 1, 22). Abbiamo già parlato della teologia paolina della Chiesa come corpo di Cristo.
Giovanni, anche se non usa mai il termine « ekklesia », vede nella Chiesa un rapporto di comunione dei credenti fra loro e con il Padre e il Figlio (cfr. 1 Gv 1, 1-3). E nell’Apocalisse l’immagine della « Donna vestita di sole » e coronata « di dodici stelle » (Ap 12, 1) rappresenta la Chiesa come popolo messianico di Dio.
Nell’età subapostolica, Origene vede nella Chiesa « l’universo dell’universo » (In Ioh. 6, 59, 301), e parla di un Adamo spezzato riunito nel Cristo. Secondo la celebre formula di Cipriano, la Chiesa è « un popolo adunato nell’unità del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo » (De Dom. Orat. 23).
L’età patristica conosce la grandiosa ecclesiologia di Agostino, che applica alla Chiesa l’immagine di « città di Dio », pur considerandola sempre « il corpo di Cristo » (Sermo 45). Si tratta di una visione universalistica, come risulta chiaramente anche dal seguente passaggio: « Tutti siamo insieme membra e corpo di Cristo, non solo quanti ci troviamo in questo luogo, ma quanti siamo sparsi in tutto il mondo; né solamente quelli che esistono oggi, ma addirittura quanti sono esistiti o esisteranno da Abel e sin alla fine del mondo » (Sermo 341). Secondo Agostino, inoltre, « tutti quelli che fin dalle origini furono giusti, hanno per capo Cristo » (Ennar. In Ps., 36, 3, 4).
Nei secoli tra il VI e l’XI non vengono elaborate trattazioni sulla Chiesa che non ripetano l’impostazione agostiniana.
Con la scolastica (secoli XII-XV), insieme all’avvento di un nuovo paradigma culturale, l’aristotelismo, si apre una fase di nuova riflessione teologica. Si fa strada l’idea che la vera Chiesa è la « communio sanctorum », che non coincide con la Chiesa esteriore visibile, il che implica una critica (o autocritica) nei riguardi della Chiesa esistente.
Tommaso d’Aquino, restando nell’ambito del modello ecclesiologico della Chiesa come corpo di Cristo animato e vivificato dallo Spirito, sottolinea l’unità e l’universalità della Chiesa. « Abbracciando tutti i tempi, – egli scrive – Cristo è capo di tutti gli uomini, ma secondo gradi diversi. Prima e principalmente è capo di coloro che sono uniti a lui nella gloria, poi di coloro che gli sono uniti in atto mediante la carità, poi di coloro che gli sono uniti attualmente mediante la fede, poi di coloro che gli sono uniti soltanto in potenza » (Sum. Theol. III, 8, 1). Da notare in questo passo che, secondo l’aquinate, prima sono uniti a Cristo coloro che praticano la carità, e solo dopo coloro che hanno la fede; non solo, ma vi sono alcuni che anche se « in potenza » tuttavia « gli sono uniti ».
Dopo la riforma protestante e l’ecclesiologia luterana, che, partendo dall’oppo-sizione biblica natura/grazia, la identifica sostanzialmente nell’opposizione sensibile/spirituale o esteriore/interiore, e giunge a negare che un organismo sensibile e visibile come la Chiesa possa essere legato, o in relazione, alla grazia, cioè a qualcosa che Dio comunica liberamente e gratuitamente all’uomo, e ad affermare che nella parola di Dio c’è « tutta la vita e la sostanza della Chiesa » (M. Lutero, W. A. 7, 721), concependo l’essenza della Chiesa come comunione dei santi spirituale e invisibile, in cui si entra solo attraverso la fede, il Concilio di Trento (1545-1564) concepisce la Chiesa come « popolo sparso per l’universo » (cfr. D. S. 1544), in cui non si entra solo con la fede, ma anche con la speranza e la carità (cfr. D. S. 1531).
Dopo l’inevitabile chiusura della Chiesa in se stessa (« la cittadella assediata ») seguita alla costituzione dogmatica del Concilio Vaticano I Pastor Aeternus (1870), incentrata sul primato del pontefice e sul suo infallibile Magistero, che garantirebbe l’unità della Chiesa, Pio XII, con l’enciclica Mystici Corporis (1943), dà un importantissimo contributo all’autocomprensione della Chiesa cattolica come corpo mistico di Cristo, organico e unitivo di visibilità e invisibilità. Scrive Pio XII: « La Chiesa non consta soltanto di elementi e argomenti sociali e giuridici. Essa è certamente molto più eccellente di qualunque altra società umana e la supera come la grazia supera la natura e come le cose immortali trascendono tutte le cose caduche » (MC n. 61). E ancora: « Nessuna vera opposizione o ripugnanza può esistere tra la missione invisibile dello Spirito Santo e l’ufficio giuridico che i Pastori e i Dottori hanno ricevuto da Cristo » (MC n. 64).
Il Concilio Vaticano II, con la Lumen Gentium, accentra il carattere di universalità della Chiesa cattolica, che si apre alla prospettiva dell’universale popolo di Dio. Leggiamo alcuni passi che evidenziano questa apertura. « Tutti i giusti a partire da Adamo, dal giusto Abele fin all’ultimo eletto, saranno riuniti presso il Padre nella Chiesa universale » (n. 2); « La società costituita di organi gerarchici e il corpo mistico di Cristo, la comunità visibile e quella spirituale, la Chiesa terrestre e la Chiesa ormai in possesso dei beni celesti, non si devono considerare come due cose diverse, ma formano una sola complessa realtà » (n. 8); « Questa unica Chiesa di Cristo sussiste nella Chiesa cattolica » (n. 8); « Questo carattere di universalità che adorna e distingue il Popolo di Dio, è dono dello stesso Signore » (n. 13); « Tutti gli uomini sono chiamati a questa cattolica unità del popolo di Dio, che prefigura e promuove la pace universale, e alla quale in vario modo appartengono e sono ordinati sia i fedeli cattolici, sia gli altri credenti in Cristo, sia, infine, tutti gli uomini, che dalla grazia di Dio sono chiamati alla salvezza » (n. 13).
Secondo l’ecclesiologia conciliare, dunque, l’universalità della Chiesa è sia sincronica che diacronica, ne fonda la cattolicità ed è fondata sull’universale volontà salvifica di Dio.
Successive affermazioni magisteriali dell’universalità della Chiesa si trovano in altri documenti. Nell’esortazione apostolica Evangelii nuntiandi (1975) Paolo VI afferma che « la Chiesa è universale per vocazione e per missione » (n. 62). Nel Catechismo della Chiesa cattolica (1992), promulgato da Giovanni Paolo II, si afferma che nella Chiesa cattolica « sussiste la pienezza del Corpo di Cristo » (n. 830). E nell’enciclica dello stesso Giovanni Paolo II Ut Unum Sint (1995) si legge che « questa unità, che il Signore ha donato alla sua Chiesa e nella quale egli vuole abbracciare tutti, non è un accessorio, ma sta al centro stesso della sua opera. […] Appartiene all’essere stesso di questa comunità. Dio vuole la Chiesa, perché egli vuole l’unità. […] Volere la Chiesa significa volere la comunione di grazia che corrisponde al disegno del Padre da tutta l’eternità » (n. 9).
Al termine di questa essenziale rassegna sulla cattolicità della Chiesa come universalità, non si può non notare che essa è stata, nel corso della sua storia, affermata, se si esclude Origene, da apostoli, santi, papi e concili, che costituiscono e rappresentano istituzionalmente alcuni tra i momenti più importanti della storia della Chiesa (Paolo, Giovanni, Cipriano, Agostino, Tommaso d’Aquino, Concilio di Trento, Pio XII, Concilio Vaticano II, Paolo VI, Giovanni Paolo II).
La Chiesa di Cristo è cattolica e universale essenzialmente per due motivi. Perché il corpo di Cristo è uno, come attestano i dati biblici che abbiamo visto. Non c’è un « altro corpo » dove siano altri, ma tutti sono nel « solo » corpo di Cristo. Poiché questo corpo è la Chiesa (lo dicono i dati biblici e le attestazioni magisteriali che abbiamo visto) e poiché in questo corpo sono anche i non cristiani, la Chiesa comprende tutti. L’altro motivo per cui la Chiesa di Cristo è cattolica e universale e la sua cattolicità non si esaurisce nella missionarietà è che Cristo non è solo nei cristiani, ma è in tutti; e ciò perché, come attestano i numerosi dati biblici e magisteriali che abbiamo già visto, lo Spirito Santo donato a tutti gli uomini è lo Spirito di Cristo. Se Cristo è in tutti, anche nei non cristiani, la Chiesa di Cristo comprende tutti.
Abbiamo fin qui visto da un lato che la Chiesa cattolica costituisce di fatto solo una parte dell’universale popolo di Dio, dall’altro che la sua cattolicità non si esaurisce né nella sua totalità-identità, né nella sua missionarietà; e che essa si è da sempre autocompresa come Chiesa di Dio Padre di tutti gli uomini, unica Chiesa di Cristo, Chiesa dell’universale popolo di Dio.
Il problema a questo punto è evidente. Come può un organismo che è legato a una parte di un tutto dire di essere legato al tutto? La Chiesa visibile si autocomprende come popolo di Dio, mentre il popolo di Dio è in gran parte nella Chiesa invisibile. La Chiesa visibile si autocomprende come Chiesa cattolica, ma non può legare la sua cattolicità alla Chiesa invisibile, perché allora la cattolicità sarebbe altrove ed essa riconoscerebbe di fatto di non essere pienamente cattolica. Né il visibile e l’invisibile si possono identificare, perché la libertà di Dio verrebbe legata a quella dell’uomo e quasi delimitata da un’istituzione. Dev’esservi allora una continua tensione del visibile verso l’invisibile, e cioè una permanente capacità e disponibilità delle forme istituzionali visibili a rinnovarsi per l’impulso dello Spirito.
Se Cristo si è incarnato, è morto ed è risorto perché « tutto il genere umano costituisca un solo popolo di Dio » (AG n. 7), come può la Chiesa essere fino in fondo di Cristo e al servizio di Cristo, rimanendo la Chiesa di una parte del genere umano? É un problema che il cattolicesimo non può evitare né nascondere. Esso viene fuori, del resto, come abbiamo visto, dall’esame dei documenti del Magistero stesso. É un problema cruciale che occorre affrontare e tentare di risolvere.

La soluzione a mio avviso c’è. E sarà articolata nelle pagine successive sotto due aspetti: uno relativo all’aderenza alla verità (biblico), l’altro relativo alla fattibilità (storico).

NOTE
Casale U., Il mistero della Chiesa. Saggio di ecclesiologia, Elle Di Ci, Leumann (TO), 1998, pag. 160.
Ibidem, pag. 195.
Ratzinger J., Le Sel de la terre, Flammarion – Éditions du Cerf, Paris, 1997; trad. it., Il sale della terra, ediz. San Paolo, Cinisello Balsamo, 1997, pag. 213.
Füglister N., Strutture dell’ecclesiologia veterotestamentaria, in Mysterium Salutis VII, pag. 112.
Küng H., Die Kirche, 1967, trad. it., La Chiesa, Queriniana, Brescia, 1972, pag. 347.
Casale U., cit., pag. 258.

Publié dans:CHIESA (sulla) |on 12 février, 2015 |Pas de commentaires »

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01