Archive pour la catégorie 'BIBLE SERVICE (sito francese)'

Isaia 63,16-17.19 ; 64,2-7 (da Bible-Service)

dal sito:

http://www.bible-service.net/site/431.html

(ho avuto un po’ di difficoltà nella traduzione)

Isaïe 63,16-17.19 ; 64,2-7

Le prophète et les croyants qu’il représente ont de sérieux motifs à leur révolte. Revenus de Babylone après l’exil, ils ne trouvent (ou retrouvent) plus rien dans leur pays d’origine sinon la misère, le chaos, l’affrontement. Où sont les promesses faites là-bas ? On leur avait annoncé une nouvelle vie qui serait comme une re-création merveilleuse. Le prophète commence par un magnifique cri de foi : “ Tu es Seigneur, notre Père, notre Rédempteur ; tel est ton nom depuis toujours ”. Il peut ensuite passer à l’attaque : “ Pourquoi nous laisses-tu errer loin de ton chemin ? ”. S’ils sont revenus au pays, c’est au tour de Dieu de revenir vers eux ! Le prophète et tous les croyants savent au fond d’eux-mêmes, en s’appuyant sur les aventures de leur peuple, qu’ils ne peuvent être déçus par le Seigneur. Ils reconnaissent que le Seigneur est déjà revenu : “ Il vient à la rencontre de celui qui pratique la justice avec joie et qui suit son chemin ”. On rencontre Dieu non pas dans les richesses ou la puissance, mais dans les relations construites avec des frères. Dieu est Sauveur et ne cache pas son visage. Il est “ notre Père ” et nous sommes l’ouvrage de ses mains. Le texte prophétique réveille et appelle à la confiance. Un rédempteur est celui qui paie le prix de la rançon exigée pour la libération d’un parent prisonnier. Or Dieu est notre Père et notre Rédempteur.

Isaia 63,16-17.19 ; 64,2-7

Il profeta e i credenti, che egli rappresenta hanno dei seri motivi per la loro rivolta. Ritornati da Babilonia dopo l’esilio, essi non trovano (o ritrovano) più nulla nel loro paese di origine se non la miseria, il caos, confronto. Dove sono promesse fatte laggiù? Gli era sta annunciata una nuova vita che sarebbe come una meravigliosa ri-creazione. Il profeta inizia con un magnifico grido di fede: « Tu sei il Signore, nostro Padre, nostro Redentore; » questo è il tuo nome da sempre « . Egli può poi procedere ad attaccare (a provocare): « Perché ci lascia vagare lontano dalle tue vie? ». Se sono ritornati in patria, è la volta di Dio  tornare a loro! Il profeta e tutti i credenti conoscono nel profondo di se stessi, appoggiandosi sulle avventure del loro popolo, che non possono essere delusi dal Signore. Essi riconoscono che il Signore è già ritornato (e presente): « Tu vai incontro a quelli che praticano con gioia la giustizia
e si ricordano delle tue vie. ». Incontriamo Dio non non nella ricchezza o nel potere, ma nei rapporti costruiti con i fratelli. Dio è il Salvatore e non nasconde la sua faccia. È ‘il « nostro Padre » e noi siamo l’opera delle sue mani. Il testo profetico sveglia e chiede la fiducia. Un Redentore è colui che paga il prezzo del riscatto per il rilascio di un genitore prigioniero. Eppure Dio è nostro Padre e nostro Redentore.

Proverbi 31,10-13.19-20.30-31 – prima lettura di domenica 13 novembre (sito Bible-Service)

dal sito:

http://www.bible-service.net/site/435.html

Proverbes 31,10-13.19-20.30-31
Le portrait qui nous est donné dans ce dernier chapitre du livre des Proverbes est celui d’une femme qui a bien fait fructifier ses talents. Ce livre est en fait une collection de pièces d’origine et de dates très diverses. Il faut lire ce portrait en entier, car la liturgie ne nous en donne que des petits morceaux. C’est un poème dit “ alphabétique ” comportant 22 versets, autant qu’il y a de lettres dans l’alphabet hébreu, chaque verset commençant par une lettre différente dans l’ordre des lettres. Ce n’est pas un cas isolé dans la bible, en particulier dans les psaumes. Notre passage se termine par cette mention : “ (…) la femme qui craint le Seigneur est seule digne de louange… ”. La crainte de Dieu : cette expression est souvent mal comprise. Il ne s’agit pas de la peur de Dieu, mais du sentiment d’admiration éprouvé en découvrant à quel point nous sommes aimés par ce Dieu de l’Alliance. Ce serait la “ peur ” de ne pas répondre d’une façon adéquate à cet amour ! Il est permis de voir en cette femme la personnification de la Sagesse dont il était question dimanche dernier. Le grand souci des auteurs des livres de Sagesse – dont fait partie le livre des Proverbes – était de montrer la valeur de la pensée morale et religieuse inspirée par la Parole de Dieu en face des valeurs trompeuses des philosophies étrangères très en vogue à l’époque (deuxième siècle avant J.C.)

Proverbi 31,10-13.19-20.30-31
Il ritratto che ci è dato in quest’ultimo capitolo del Libro dei Proverbi è quello di una donna che ha fatto fruttare bene suoi talenti. Questo libro è in realtà una raccolta di parti d’origine e di date molto diverse (traduco come il testo, ma vuol dire che il capitolo ha una « natura composita e redazionale » (Marco Nobile, Introduzione all’Antico Testamento). Occorre leggere questo ritratto in totalità, poiché la liturgia ce ne da soltanto piccoli pezzi. È una poesia detta “alfabetica„ che comporta 22 versetti, quante sono le lettere dell’alfabeto ebraico, ogni versetto comincia con una lettera diversa nell’ordine delle lettere. Non è un caso isolato nella Bibbia, in particolare nei Salmi. Il nostro passaggio si conclude con questa citazione: “(…) la donna che teme il Signore è solo degna di lode… »Il timore di Dio : questa espressione è spesso mal compresa. Non si tratta di paura di Dio, ma della sensazione d’ammirazione provata scoprendo a quale punto siamo amati da questo Dio dell’Alleanza. Si tratta della “… paura„  di non rispondere in modo adeguato a quest’amore! È possibile vedere in questa donna la personificazione della saggezza, (vedi il libro della Sapienza) argomento di domenica scorsa. La grande preoccupazione degli autori dei libri Sapienziali – di cui fa parte il Libro dei Proverbi – era di mostrare il valore del pensiero morale e religioso ispirato dalla parola di Dio di fronte ai valori ingannevoli delle filosofie straniere molto in voga nel secondo secolo prima di  Cristo.

Commento alla seconda lettura di domenica 6 novembre 2011: 1Tessalonicesi 6,12-16

dal sito:

http://www.bible-service.net/site/1261.html

1 Thessaloniciens 4,13-18
Les chrétiens de Thessalonique croyaient proche le retour du Christ. D’où impatience, déceptions et doutes atteignant la foi. Paul lui aussi, dans un premier temps, partageait cette attente. Le retour du Seigneur n’intervenant pas, les Thessaloniciens se posent des questions sur leurs frères morts. Manqueront-ils la venue du Seigneur ? – Non, dit Paul. Puisque le Christ est venu pour sauver tous les hommes, il y aura un moyen d’accueillir le Seigneur pour ceux qui sont déjà morts et un moyen pour les croyants qui seront encore en vie.
Tout est dans la mort-Résurrection du Christ. La puissance de cet événement entraîne tous les croyants dans le même mystère. S’ils sont morts, comme le Christ ils ressusciteront. Et ceux qui seront encore vivants passeront, aussi, par cette mort et résurrection. Comme toujours pour Paul, l’essentiel c’est le Christ et la vie avec lui.

1Tessalonicesi 4, 13-18
I cristiani di Tessalonica credevano molto vicino il ritorno di Cristo.  Di qui impazienza, delusioni e dubbi che raggiungono la fede. Paolo, lui stesso, in un primo tempo, condivideva quest’attesa. Il ritorno del Signore non arriva. I Tessalonicesi ssi pongono il problema dei loro fratelli morti. Mancheranno l’arrivo del Signore? – No, dice Paolo. Poiché Cristo è venuto a salvare tutti gli uomini, ci sarà un mezzo per accogliere il Signore per coloro che sono già morti (NOTA) ed un mezzo per i credenti che saranno ancora in vita. Tutto è nella morte-Resurrezione di Cristo. La potenza di quest’evento trascina tutti nello stesso mistero. Se sono morti, come Cristo risusciteranno. E coloro che saranno ancora vivi passeranno, così, per questa morte e resurrezione. Come sempre per Paolo, l’essenziale è Cristo e la vita con lui.

NOTA MIA:

ossia quelli che sono già morti in qualche modo avranno un mezzo « particolare » per accogliere Cristo, non l’avevo interpretata così, bello mi sembra;

I Lettura di domenica 6 novembre 2011 Sapienza 6, 12-16 – commento

dal sito Bible-Service:

http://www.bible-service.net/site/434.html

Sagesse 6,12-16
Le petit passage du livre de la Sagesse ne décrit pas la Sagesse en tant que telle, ni sa relation à Dieu. L’auteur affirme simplement sa conviction de foi : la Sagesse est bienfaisante pour l’homme, et elle vient à la rencontre de ceux qui la cherchent, de ceux qui l’aiment.  La Sagesse se donne sans cesse, elle est disponible “ dès l’aurore ”. La communion avec cette Sagesse donne une liberté qui permet de dépasser tous les soucis. L’auteur du livre déploie son raisonnement en décrivant ce que peut faire la Sagesse à celui ou celle qui la recherche. Mais finalement, qui donc est cette Sagesse ? Le passage lu ce dimanche ne le dit pas explicitement, mais si l’on parcourt le livre qui porte son nom, il n’y a aucune ambiguïté : elle est Dieu lui-même, en tant qu’il s’offre à nous, les croyants. La Sagesse, c’est Dieu qui veut séduire l’homme pour qu’il vienne à Lui et soit heureux. Par sa Sagesse, Dieu a créé le monde et le fait vivre, et c’est cette vie qu’il nous communique.

Sapienza 6,12-16
Il piccolo passaggio del libro della Sapienza non descrive la saggezza come tale, né la sua relazione a Dio. L’autore afferma semplicemente la sua convinzione di fede: la saggezza è benefica per l’uomo, e viene incontro a quelli che la cercano, a quelli che la amano. La Sapienza (Sagesse) si dona incessantemente, è disponibile “fin dall’aurora ». La comunione con questa saggezza dà una libertà che permette di superare tutte le preoccupazioni. L’autore del libro spiega il suo ragionamento descrivendo ciò che può fare la saggezza a quello o quella che la ricerca. Ma finalmente, che dunque è questa saggezza? Il passaggio letto questa domenica non dice esplicitamente, ma se si percorre il libro che porta il suo nome, non c’è nessun’ambiguità: è Dio stesso, come si offre a noi, i credenti. La saggezza è Dio che vuole sedurre l’uomo perché venga a lui e sia felice. Con la sua Sapienza, Dio ha creato il mondo e lo fa vivere, ed è questa vita che ci comunica.

23 OTTOBRE 2011 – XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

23 OTTOBRE 2011 -  XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

MESSA DEL GIORNO LINK:

http://www.maranatha.it/Festiv2/ordinA/A30page.htm

MESSA DEL GIORNO

Seconda Lettura  1 Ts 1,5c-10
Vi siete convertiti dagli idoli, per servire Dio e attendere il suo Figlio.

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicési
Fratelli, ben sapete come ci siamo comportati in mezzo a voi per il vostro bene.
E voi avete seguito il nostro esempio e quello del Signore, avendo accolto la Parola in mezzo a grandi prove, con la gioia dello Spirito Santo, così da diventare modello per tutti i credenti della Macedònia e dell’Acàia.
Infatti per mezzo vostro la parola del Signore risuona non soltanto in Macedònia e in Acàia, ma la vostra fede in Dio si è diffusa dappertutto, tanto che non abbiamo bisogno di parlarne.
Sono essi infatti a raccontare come noi siamo venuti in mezzo a voi e come vi siete convertiti dagli idoli a Dio, per servire il Dio vivo e vero e attendere dai cieli il suo Figlio, che egli ha risuscitato dai morti, Gesù, il quale ci libera dall’ira che viene.

http://www.bible-service.net/site/377.html

1 Thessaloniciens 1,5-10
Paul parle de l’accueil de la Parole de Dieu et de l’effet de cet accueil.
Un des aspects les plus importants de cet effet, c’est que l’accueil se transforme immédiatement en envoi, voilà le « modèle pour tous les croyants », dit Paul : « À partir de chez vous la Parole du Seigneur a retenti. » C’est la contagion de la foi : témoignage de la grâce de Dieu, témoignage aussi de la conversion effective réalisée. La Parole accueillie « avec joie » même au milieu des épreuves, voire à cause des épreuves, est un thème qui revient souvent dans le Nouveau Testament.
L’attente de Jésus, « qui nous délivre de la colère qui vient », c’est-à-dire du jugement, était très forte en ces débuts de l’Église. Paul y reviendra plus loin dans sa lettre (4 – 5) et dans la seconde lettre.

1Tessalonicesi
Paolo parla dell’accoglienza della parola di Dio e dell’effetto di quest’accoglienza.
Uno degli aspetti più importanti di quest’effetto, è che l’accoglienza si trasforma immediatamente in missione, ecco “il modello per tutti i credenti„; dice Paolo “Infatti per mezzo vostro la parola del Signore risuona non soltanto in Macedonia e in Acaia, ma la vostra fede in Dio si è diffusa dappertutto, tanto che non abbiamo bisogno di parlarne.„ È il contagio della fede: prova della grazia di Dio, testimonianza anche della conversione effettiva realizzata. La parola accolta “con gioia„ anche in mezzo alle prove, o a causa delle prove, è un tema che ritorna spesso nel nuovo Testamento. L’attesa di Gesù, “che…„, cioè del giudizio, era molto forte in quest’inizi della Chiesa. Paolo vi ritornerà più avanti nella sua lettera (4 – 5) e nella seconda lettera.

UFFICIO DELLE LETTURE

Prima Lettura
Dal libro della Sapienza 1, 1-15

Elogio della sapienza di Dio
Amate la giustizia, voi che governate sulla terra,
rettamente pensate del Signore,
cercatelo con cuore semplice.
Egli infatti si lascia trovare da quanti non lo tentano,
si mostra a coloro che non ricusano di credere in lui.
I ragionamenti tortuosi allontanano da Dio;
l’onnipotenza, messa alla prova, caccia gli stolti.
La sapienza non entra in un’anima che opera il male
né abita in un corpo schiavo del peccato.
Il santo spirito, che ammaestra,
rifugge dalla finzione,
se ne sta lontano dai discorsi insensati,
è cacciato al sopraggiungere dell’ingiustizia.
La sapienza è uno spirito amico degli uomini;
ma non lascerà impunito chi insulta con le labbra,
perché Dio è testimone dei suoi sentimenti,
e osservatore verace del suo cuore
e ascolta le parole della sua bocca.
Difatti lo spirito del Signore riempie l’universo
abbracciando ogni cosa, conosce ogni voce.
Per questo non gli sfuggirà
chi proferisce cose ingiuste,
la giustizia vendicatrice non lo risparmierà.
Si indagherà infatti sui propositi dell’empio,
il suono delle sue parole giungerà fino al Signore
a condanna delle sue iniquità;
poiché un orecchio geloso ascolta ogni cosa,
perfino il sussurro delle mormorazioni
non gli resta segreto.
Guardatevi pertanto da un vano mormorare,
preservate la lingua dalla maldicenza,
perché neppure una parola segreta sarà senza effetto,
una bocca menzognera uccide l’anima.
Non provocate la morte con gli errori della vostra vita,
non attiratevi la rovina
con le opere delle vostre mani,
perché Dio non ha creato la morte
e non gode per la rovina dei viventi.
Egli infatti ha creato tutto per l’esistenza;
le creature del mondo sono sane,
in esse non c’è veleno di morte,
né gli inferi regnano sulla terra,
perché la giustizia è immortale.

Responsorio    Pro 3, 13. 15. 17; Gc 3, 17
R. Beato l’uomo che ha trovato la sapienza: è più preziosa delle perle; * le sue vie sono deliziose, e tutti i suoi sentieri conducono alla pace.
V. La sapienza che viene dall’alto è pura, pacifica, mite, arrendevole; piena di misericordia e di buoni frutti;
R. le sue vie sono deliziose, e tutti i suoi sentieri conducono alla pace.
 
Seconda Lettura
Dalla «Lettera ai Corinzi» di san Clemente I, papa
(Capp. 19, 2 – 20, 12; Funk, 1, 87-89)

Dio ordina il mondo con armonia e concordia e fa del bene a tutti
Fissiamo lo sguardo sul padre e creatore di tutto il mondo e immedesimiamoci intimamente con i suoi magnifici e incomparabili doni di pace e con i suoi benefici. Contempliamolo nella nostra mente e scrutiamo con gli occhi dell’anima il suo amore così longanime. Consideriamo quanto si dimostri benigno verso ogni sua creatura.
I cieli, che si muovono sotto il suo governo, gli sono sottomessi in pace; il giorno e la notte compiono il corso fissato da lui senza reciproco impedimento. Il sole, la luce e il coro degli astri percorrono le orbite prestabilite secondo la sua disposizione senza deviare dal loro corso, e in bell’armonia. La terra, feconda secondo il suo volere, produce a suo tempo cibo abbondante per gli uomini, le bestie e tutti gli esseri animati che vivono su di essa, senza discordanza e mutamento alcuno per rapporto a quanto egli ha stabilito. Gli stessi ordinamenti regolano gli abissi impenetrabili e le profondità della terra. Per suo ordine il mare immenso e sconfinato si raccolse nei suoi bacini e non oltrepassa i confini che gli furono imposti, ma si comporta così come Dio ha ordinato. Ha detto: «Fin qui giungerai e non oltre e qui si infrangerà l’orgoglio delle tue onde» (Gb 38, 11). L’oceano invalicabile per gli uomini e i mondi che si trovano al di là di esso sono retti dalle medesime disposizioni del Signore.
Le stagioni di primavera, d’estate, d’autunno e d’inverno si succedono regolarmente le une alle altre. Le masse dei venti adempiono il loro compito senza ritardi e nel tempo assegnato. Anche le sorgenti perenni, create per il nostro godimento e la nostra salute, offrono le loro acque ininterrottamente per sostentare la vita degli uomini. Persino gli animali più piccoli si stringono insieme nella pace e nella concordia. Tutto questo il grande creatore e Signore di ogni cosa ha comandato che si facesse in pace e concordia, sempre largo di benefici verso tutti, ma con maggiore abbondanza verso di noi che ricorriamo alla sua misericordia per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo. A lui la gloria e l’onore nei secoli dei secoli. Amen
.

DOMENICA 2 OTTOBRE – XXVII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

DOMENICA 2 OTTOBRE – XXVII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

MESSA DEL GIORNO LINK:

http://www.maranatha.it/Festiv2/ordinA/A27page.htm

MESSA DEL GIORNO

Seconda Lettura  Fil 4,6-9
Mettete in pratica queste cose e il Dio della pace sarà con voi.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi
Fratelli, non angustiatevi per nulla, ma in ogni circostanza fate presenti a Dio le vostre richieste con preghiere, suppliche e ringraziamenti.
E la pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù.
In conclusione, fratelli, quello che è vero, quello che è nobile, quello che è giusto, quello che è puro, quello che è amabile, quello che è onorato, ciò che è virtù e ciò che merita lode, questo sia oggetto dei vostri pensieri.
Le cose che avete imparato, ricevuto, ascoltato e veduto in me, mettetele in pratica. E il Dio della pace sarà con voi!

http://www.bible-service.net/site/1261.html

Philippiens 4,6-9
Paul a une tendresse particulière pour les chrétiens de la ville de Philippes. Le passage de ce dimanche se situe vers la fin de la lettre. C’est parce que « le Seigneur est proche » que les Philippiens n’ont aucune raison d’être inquiets. La proximité du Royaume proclamée dans les évangiles (Matthieu 3,2) devient la proximité du Seigneur lui-même. Les chrétiens sont porteurs de la paix du Christ.
Peut-être est-ce cette allusion à la paix de Dieu qui pousse Paul à faire l’hommage de ce qu’il voit chez les païens de « vrai et noble, juste et pur, digne d’être aimé et qui mérite des éloges, de ce qui s’appelle vertu ». Veut-il suggérer à ses amis de Philippes que les païens sont eux aussi détenteurs, à leur manière, de la paix de Dieu ?

Filippesi 4,6-9
Paolo ha una particolare predilezione per i cristiani della città di Filippi. Il passaggio di questa Domenica si situa verso la fine della lettera. Questo perché « il Signore è vicino » rispetto ai Filippesi non ha motivo di essere preoccupato. La prossimità del Regno annunciato nei Vangeli (Matteo 3,2) diviene la prossimità al Signore stesso. I cristiani sono portatori della pace di Cristo. Forse è questa alla pace di Dio. Forse è questa allusione alla pace di Dio che spinge Paolo a fare l’omaggio di quello che vede ai pagani: di vero e di nobile, giusto e puro, degno di essere amato e che merita degli elogi di quello che si chiama virtù. Vuole suggerire ai suoi amici di Filippi che i pagani siano così detentori, al loro modo, della pace di Dio?

AGGIUNGO IO LA NOTA DELLA BBIBBIA CEI A 4,8-9:
Paolo raccomanda (v.8) un’ideale di condotta di cui tutti i termini erano correnti presso i moralisti greci del suo tempo (è la sola volta che usa la parola « virtù », ma inviita (v.9) a metterlo in pratica secondo gli insegnamenti e soprattutto l’esempio che egli ne ha dato (3,17; cf 2Ts 3,7+)

UFFICIO DELLE LETTURE

Prima Lettura
Dalla prima lettera a Timoteo di san Paolo, apostolo 1, 1-20

La missione di Timoteo.  Paolo ministro del Vangelo
Paolo, apostolo di Cristo Gesù, per comando di Dio nostro salvatore e di Cristo Gesù nostra speranza, a Timòteo, mio vero figlio nella fede: grazia, misericordia e pace da Dio Padre e da Cristo Gesù Signore nostro.
Partendo per la Macedonia, ti raccomandai di rimanere in Efeso, perché tu invitassi alcuni a non insegnare dottrine diverse e a non badare più a favole e a genealogie interminabili, che servono più a vane discussioni che al disegno divino manifestato nella fede. Il fine di questo richiamo è però la carità, che sgorga da un cuore puro, da una buona coscienza e da una fede sincera. Proprio deviando da questa linea, alcuni si sono volti a fatue verbosità, pretendendo di essere dottori della legge mentre non capiscono né quello che dicono, né alcuna di quelle cose che danno per sicure.
Certo, noi sappiamo che la legge è buona, se uno ne usa legalmente; sono convinto che la legge non è fatta per il giusto, ma per gli iniqui e i ribelli, per gli empi e i peccatori, per i sacrileghi e i profanatori, per i parricidi e i matricidi, per gli assassini, i fornicatori, i pervertiti, i trafficanti di uomini, i falsi, gli spergiuri e per ogni altra cosa che è contraria alla sana dottrina, secondo il vangelo della gloria del beato Dio che mi è stato affidato.
Rendo grazie a colui che mi ha dato la forza, Cristo Gesù Signore nostro, perché mi ha giudicato degno di fiducia chiamandomi al ministero: io che per l’innanzi ero stato un bestemmiatore, un persecutore e un violento. Ma mi è stata usata misericordia, perché agivo senza saperlo, lontano dalla fede; così la grazia del Signore nostro ha sovrabbondato insieme alla fede e alla carità che è in Cristo Gesù.
Questa parola è sicura e degna di essere da tutti accolta: Cristo Gesù è venuto nel mondo per salvare i peccatori e di questi il primo sono io. Ma appunto per questo ho ottenuto misericordia, perché Gesù Cristo ha voluto dimostrare in me, per primo, tutta la sua magnanimità, a esempio di quanti avrebbero creduto in lui per avere la vita eterna.
Al Re dei secoli incorruttibile, invisibile e unico Dio, onore e gloria nei secoli dei secoli. Amen.
Questo è l’avvertimento che ti do, figlio mio Timoteo, in accordo con le profezie che sono state fatte a tuo riguardo, perché, fondato su di esse, tu combatta la buona battaglia con fede e buona coscienza, poiché alcuni che l’hanno ripudiata hanno fatto naufragio nella fede; tra essi Imeneo e Alessandro, che ho consegnato a satana perché imparino a non più bestemmiare.

Responsorio    1 Tm 1, 14. 15; Rm 3, 23
R. La grazia del Signore nostro ha sovrabbondato, insieme alla fede e alla carità. * Cristo Gesù è venuto nel mondo per salvare i peccatori.
V. Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio.
R. Cristo Gesù è venuto nel mondo per salvare i peccatori.

Seconda Lettura
Dalla «Regola pastorale» di san Gregorio Magno, papa
(Lib. 2, 4 PL 77, 30-31)

Il pastore sia accorto nel tacere, tempestivo nel parlare
Il pastore sia accorto nel tacere e tempestivo nel parlare, per non dire ciò ch’è doveroso tacere e non passare sotto silenzio ciò che deve essere svelato. Un discorso imprudente trascina nell’errore, così un silenzio inopportuno lascia in una condizione falsa coloro che potevano evitarla. Spesso i pastori malaccorti, per paura di perdere il favore degli uomini, non osano dire liberamente ciò ch’è giusto e, al dire di Cristo ch’è la verità, non attendono più alla custodia del gregge con amore di pastori, ma come mercenari. Fuggono all’arrivo del lupo, nascondendosi nel silenzio.
Il Signore li rimprovera per mezzo del Profeta, dicendo: «Sono tutti cani muti, incapaci di abbaiare» (Is 56, 10), e fa udire ancora il suo lamento: «Voi non siete saliti sulle brecce e non avete costruito alcun baluardo in difesa degli Israeliti, perché potessero resistere al combattimento nel giorno del Signore» (Ez 13, 5). Salire sulle brecce significa opporsi ai potenti di questo mondo con libertà di parola per la difesa del gregge. Resistere al combattimento nel giorno del Signore vuol dire far fronte, per amor di giustizia, alla guerra dei malvagi.
Cos’è infatti per un pastore la paura di dire la verità, se non un voltar le spalle al nemico con il suo silenzio? Se invece si batte per la difesa del gregge, costruisce contro i nemici un baluardo per la casa d’Israele. Per questo al popolo che ricadeva nuovamente nell’infedeltà fu detto: «I tuoi profeti hanno avuto per te visioni di cose vane e insulse, non hanno svelato le tue iniquità, per cambiare la tua sorte» (Lam 2, 14). Nella Sacra Scrittura col nome di profeti son chiamati talvolta quei maestri che, mentre fanno vedere la caducità delle cose presenti, manifestano quelle future.
La parola di Dio li rimprovera di vedere cose false, perché, per timore di riprendere le colpe, lusingano invano i colpevoli con le promesse di sicurezza, e non svelano l’iniquità dei peccatori, ai quali mai rivolgono una parola di riprensione.
Il rimprovero è una chiave. Apre infatti la coscienza a vedere la colpa, che spesso è ignorata anche da quello che l’ha commessa. Per questo Paolo dice: «Perché sia in grado di esortare con la sua sana dottrina e di confutare coloro che contraddicono» (Tt 1, 9). E anche il profeta Malachia asserisce: «Le labbra del sacerdote devono custodire la scienza e dalla sua bocca si ricerca l’istruzione, perché egli è messaggero del Signore degli eserciti» (Ml 2, 7).
Per questo il Signore ammonisce per bocca di Isaia: «Grida a squarciagola, non aver riguardo; come una tromba alza la voce» (Is 58, 1).
Chiunque accede al sacerdozio si assume l’incarico di araldo, e avanza gridando prima dell’arrivo del giudice, che lo seguirà con aspetto terribile. Ma se il sacerdote non sa compiere il ministero della predicazione, egli, araldo muto qual’è , come farà sentire la sua voce? Per questo lo Spirito Santo si posò sui primi pastori sotto forma di lingue, e rese subito capaci di annunziarlo coloro che egli aveva riempito.

DOMENICA 7 AGOSTO – XIX DEL TEMPO ORDINARIO

DOMENICA 7 AGOSTO – XIX DEL TEMPO ORDINARIO

MESSA DEL GIORNO LINK:

http://www.maranatha.it/Festiv2/ordinA/A19page.htm

Seconda Lettura  Rm 9, 1-5
Vorrei essere io stesso anàtema, separato da Cristo, a vantaggio dei miei fratelli.
 
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Romani.
Fratelli, dico la verità in Cristo, non mento, e la mia coscienza me ne dà testimonianza nello Spirito Santo: ho nel cuore un grande dolore e una sofferenza continua.
Vorrei infatti essere io stesso anàtema, separato da Cristo a vantaggio dei miei fratelli, miei consanguinei secondo la carne.
Essi sono Israeliti e hanno l’adozione a figli, la gloria, le alleanze, la legislazione, il culto, le promesse; a loro appartengono i patriarchi e da loro proviene Cristo secondo la carne, egli che è sopra ogni cosa, Dio benedetto nei secoli. Amen.

http://www.bible-service.net/site/377.html

Romains 9,1-5
Un nouveau développement commence. Pourquoi donc le peuple qui a attendu et porté le Messie ne l’a-t-il ni reconnu ni accueilli ? L’expression folle de Paul (devenir anathème, être séparé du Christ) exprime sa douleur en même temps que son amour profond pour son peuple (cf. Exode 32, 32). Force des liens de la chair et du sang avec « les Juifs, mes frères de race », aux « fils d’Israël », titre d’honneur qui désigne le peuple de Dieu comme tel. Il suffit de rappeler l’immense histoire de la promesse que Paul détaille.

Le Christ est nommé trois fois, au centre et au sommet de toute cette histoire et de cette contemplation. Le Christ, vrai fils d’Israël « selon la chair », dont la divinité est ici clairement affirmée.

UFFICIO DELLE LETTURE

Seconda Lettura
Dal «Dialogo della Divina Provvidenza» di santa Caterina da Siena, vergine
(Cap. 13, libero adattamento; cfr. ed. I. Taurisano, Firenze, 1928, I, pp. 43-45)
 
Dio, abisso di carità
Signore mio, volgi l’occhio della tua misericordia sopra il popolo tuo e sopra il corpo mistico della santa Chiesa. Tu sarai glorificato assai più perdonando e dando la luce dell’intelletto a molti, che non ricevendo l’omaggio da una sola creatura miserabile, quale sono io, che tanto t’ho offeso e sono stata causa e strumento di tanti mali.
Che avverrebbe di me se vedessi me viva, e morto il tuo popolo? Che avverrebbe se, per i miei peccati e quelli delle altre creature, dovessi vedere nelle tenebre la Chiesa, tua Sposa diletta, che è nata per essere luce?
Ti chiedo, dunque, misericordia per il tuo popolo in nome della carità increata che mosse te medesimo a creare l’uomo a tua immagine e somiglianza.
Quale fu la ragione che tu ponessi l’uomo in tanta dignità? Certo l`amore inestimabile col quale hai guardato in te medesimo la tua creatura e ti sei innamorato di lei. Ma poi per il peccato commesso perdette quella sublimità alla quale l’avevi elevata.
Tu, mosso da quel medesimo fuoco col quale ci hai creati, hai voluto offrire al genere umano il mezzo per riconciliarsi con te. Per questo ci hai dato il Verbo, tuo unico Figlio. Egli fu il mediatore tra te e noi. Egli fu nostra giustizia, che punì sopra di sé le nostre ingiustizie. Ubbidì al comando che tu, Eterno Padre, gli desti quando lo rivestisti della nostra umanità. O abisso di carità! Qual cuore non si sentirà gonfio di commozione al vedere tanta altezza discesa a tanta bassezza, cioè alla condizione della nostra umanità?
Noi siamo immagine tua, e tu immagine nostra per l’unione che hai stabilito fra te e l’uomo, velando la divinità eterna con la povera nube dell’umanità corrotta di Adamo. Quale il motivo? Certo l’amore.
Per questo amore ineffabile ti prego e ti sollecito a usare misericordia alle tue creature.

12345...7

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01