« NON SAPETE CHE IL VOSTRO CORPO E’ TEMPIO DELLO SPIRITO SANTO? » (1 COR 6,19)

https://digilander.libero.it/rinnovamento/documenti/cate_101.html

« NON SAPETE CHE IL VOSTRO CORPO E’ TEMPIO DELLO SPIRITO SANTO? » (1 COR 6,19)

Don Mario Cascone

Siamo tempio dello Spirito Santo, dimora sacra dove Dio abita. Nel nostro essere, costituito dalla totalità unificata del corpo e dello spirito, realizziamo la nostra vocazione alla santità, mediante l’azione incessante dello Spirito di Dio, che spinge tutte le nostre energie al bene, nel clima della verità, che Egli comunica costantemente al nostro cuore.
Anche la vita sessuale rientra in questa vocazione alla santità: nel “tempio” del nostro corpo noi esprimiamo le meraviglie d’amore suscitate da Dio, ci relazioniamo con i nostri fratelli in uno spirito di donazione reciproca, lodiamo il Signore nella gioia dell’incontro d’amore e nella stupenda possibilità di trasmettere la vita ad altri esseri umani.
In questi termini di esaltante bellezza dobbiamo intendere il dono di Dio, che è la sessualità, avvertendo la chiamata a viverla come linguaggio dell’amore e quale strada che conduce alla santità.
Ci avvaliamo di un testo biblico tratto dall’epistolario paolino per vedere ora alcune indicazioni concrete del nostro agire morale in questo delicato campo della nostra vita.

La “vivace” comunità di Corinto
Fondiamo tutta questa riflessione su una bella espressione di S. Paolo, “Non sapete che il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo?”, che si trova in un brano importante della Prima Lettera ai Corinti e non può essere estrapolata da esso. Il brano che vogliamo esaminare è 1 Cor 6, 12-20. Esso va letto nel contesto più ampio dei cc. 5-6-7 della Prima Lettera ai Corinti, nei quali si parla prima di un incestuoso, ossia di un cristiano che convive con la sua matrigna (5, 1-13), poi di una serie di casi riguardanti il celibato e la continenza sessuale (cap.7).
I casi affrontati da Paolo in questi capitoli si situano in un preciso clima culturale in cui vive la comunità cristiana di Corinto. Si tratta di un ambiente fortemente segnato da uno spiritualismo gnostico, che esalta a tal punto l’eccellenza della conoscenza spirituale da far ritenere del tutto ininfluente sull’uomo la realtà mondana e materiale.
Questo clima culturale è ancora più marcato dal fatto che la comunità ha sperimentato con entusiasmo la bellezza dei carismi, giungendo ad un’esaltazione trionfalistica e fanatica dei doni dello Spirito: un vero e proprio carismatismo, che, portato alle estreme conseguenze, faceva approdare a due conclusioni opposte nei confronti della sessualità: da un lato il libertarismo più sfrenato, espresso dallo slogan “Tutto mi è lecito” ( 6,12); dall’altro lato la posizione ascetica radicale, che riteneva necessaria l’astinenza sessuale totale: “E’ bene per l’uomo che non tocchi donna” (7,1).
San Paolo giudica sbagliate entrambe queste posizioni, che si fondano su un’unica radice ideologica: l’entusiasmo spiritualistico di chi ritiene di essere ormai un cristiano perfetto e maturo, al punto tale da poter vivere indifferentemente una pratica sessuale selvaggia o, all’estremo opposto, una totale continenza sessuale. In questo secondo caso, che viene affrontato nel cap.7, Paolo mette in evidenza la bellezza del celibato e della consacrazione verginale al Signore, ma fa comprendere che questa è una vocazione rivolta da Dio ad alcuni, ai quali viene donato uno speciale carisma. San Paolo dice: “Certo, io vorrei che tutti gli uomini fossero come me, ma ognuno ha il proprio carisma da Dio” (7,3); e poi con sano realismo aggiunge: “Ai non sposati e alle vedove io dico: è bene per loro se restano come me, però se non riescono a contenersi si sposino: è meglio sposarsi che bruciare di passione” (7,8-9).

“Tutto mi è lecito!”
Esaminiamo ora il brano di 1 Cor 6,12-20, che riguarda la licenziosità sessuale (in greco: pornèia). Fin dall’inizio si evince che il costume sessuale licenzioso dei Corinti pretende di avere una giustificazione ideologica, che in parte è quella di cui abbiamo parlato precedentemente. Paolo cita subito uno slogan, che sicuramente circolava fra i cristiani di Corinto: “Tutto mi è lecito”. Questo slogan si può definire come il manifesto dei boriosi spiritualisti di Corinto, i quali ritenevano che la loro fede consolidata e la loro alta spiritualità non poteva essere contaminata dal contatto con le cose materiali, ivi compreso il rapporto sessuale con prostitute o l’uso licenzioso della sessualità.
L’Apostolo si oppone con vigore a quest’idea, affermando che non tutto ciò che si ritiene lecito risulta essere poi utile e costruttivo per la persona. Tante volte, anzi, può condurre l’individuo a vere e proprie forme di “schiavitù”: “Tutto mi è lecito: sì, ma non tutto è vantaggioso. Tutto mi è lecito: sì, ma non voglio lasciarmi schiavizzare da nulla” (6,12). La libertà come la intendevano i Corinti era in realtà un libertarismo di tipo individualistico, che non metteva in luce l’essenziale dimensione relazionale della persona e, di conseguenza, sganciava la libertà dalla verità e dalla responsabilità morale. Era una libertà ridotta a pura licenza, a soggettivistico arbitrio individuale: non una libertà intesa come compito morale, ma come potere illimitato dell’individuo.
È questa un’idea molto presente anche nella nostra cultura attuale, la quale è fortemente segnata da un individualismo libertaristico, che si colora facilmente di sentimentalismo, facendo ritenere come vero, autentico e buono tutto ciò che sgorga dalle scelte spontaneistiche dell’individuo. La libertà, staccata dalla verità morale, si riduce a scelta provvisoria del singolo uomo, che la pone senza interrogarsi più di tanto sul significato della sua decisione. Si tratta quindi di una serie di scelte fatte nel qui ed ora del vivere quotidiano, le quali vengono ritenute tutte valide e buone, a patto che scaturiscano dalla spontanea decisione dell’individuo. Una tale impostazione è il rovesciamento dell’insegnamento evangelico, in cui si afferma invece che senza verità non c’è libertà, perché solo la verità ci può fare liberi (Gv 8,32). Un pensatore contemporaneo, Uberto Scarpelli, afferma testualmente: “Nell’etica non c’é verità. I valori di vero e falso convengono alle proposizioni del discorso descrittivo-esplicativo, ma non a quelle del discorso prescrittivo-valutativo. Nell’etica non ci sono principi autoevidenti, ma principi che sono il frutto di processi culturali, sociali e personali. L’etica é dunque sempre e radicalmente individuale”.
San Paolo rifiuta quest’idea di libertà di un individuo che agisce solo per se stesso, chiuso nel suo splendido isolamento, noncurante della verità morale. Una tale concezione può degenerare facilmente in schiavitù verso questa o quella realtà, di cui ci si vanta di poter disporre pienamente. Noi siamo certamente in grado di dominare le cose del mondo, ma altrettanto certamente possiamo esserne dominati, specialmente quando non prendiamo atto del fatto che la nostra libertà non è qualcosa di assoluto, ma è un dono che ci è stato fatto per realizzare il bene e vivere nell’amore.
Paolo non concepisce la persona né in senso spiritualistico, né in senso dualistico; egli ritiene che l’uomo sia una persona incarnata, una corporeità stabilmente unita allo spirito. In quanto tale, l’uomo deve sempre disporre di se stesso nell’ambito di una libertà segnata dai limiti dell’istinto, della carnalità, del “ferimento” operato in lui dal peccato originale. Per questo motivo Paolo avverte che non tutte le decisioni individuali sono utili per la costruzione della persona, soprattutto se si discostano dalla verità del suo essere e si fondano principalmente su un “sentire” spontaneistico.

“Il cibo è per il ventre e il ventre per il cibo”
Dopo aver esaminato lo slogan ideologico, che sorreggeva tutta la concezione di morale sessuale della comunità, l’Apostolo prende in considerazione un altro slogan, che sicuramente circolava tra i cristiani di Corinto: “Il cibo è per il ventre e il ventre per il cibo” (6,13). Il significato di questa proposizione è molto evidente: l’atto sessuale è un fatto puramente fisiologico, come il mangiare o il bere; il rapporto sessuale non è qualcosa di diverso dal consumare un pasto…
Anche questa è una concezione oggi largamente diffusa: l’idea che il sesso sia una “cosa” da consumare, una realtà puramente materiale che non coinvolge la totalità della persona, circola abbondantemente nella nostra attuale cultura. Molti messaggi vengono indirizzati alle persone per considerare l’attività sessuale un fatto meramente fisiologico, che si colloca nel clima generalmente consumistico dell’ “usa e getta”…
Paolo si oppone energicamente a quest’idea, negando con decisione l’equiparazione tra consumazione di alimenti e atto sessuale. Dove si fonda la differenza tra il prendere cibo e il vivere un rapporto sessuale? Nel fatto che nel secondo caso è impegnato il corpo , inteso non come semplice apparato biochimico, ma come dimensione totale della persona, considerata nella sua capacità di proiettarsi all’esterno da sé e di relazionarsi con gli altri. “Corpo” nel linguaggio biblico non esprime solo una parte della persona, ma l’intero uomo, visto come essere dialogico, capace di manifestarsi all’esterno e di entrare in relazione con le altre persone e col mondo; “corpo” non esprime la persona come “io interiore e cosciente”, ma indica soprattutto il soggetto visto nella sua visibilità esterna, capace di manifestare al di fuori di sé ciò che coltiva nell’intimità del suo cuore e della sua mente.
San Paolo spiega che nel rapporto sessuale l’uomo si trova impegnato con tutta la sua persona. L’atto sessuale, perciò, non è come consumare un pasto, ma è un incontro interpersonale di donazione reciproca. Per questo motivo esso non è indifferente alla costruzione della persona, la quale è da intendersi sempre come uno “spirito incarnato” e come un “corpo animato dallo spirito”. Di conseguenza la sessualità non può essere ridotta a “cosa”, a bene di consumo…

“Il corpo è per il Signore e il Signore e per il corpo”
A questo punto l’Apostolo esprime un bellissimo concetto di appartenenza tra noi e il Signore: “Il corpo non è per l’immoralità, ma per il Signore e il Signore è per il corpo” (6,13). Noi come persone incarnate (= corpo), apparteniamo a Cristo: siamo totalmente suoi! (cfr. anche 1 Cor. 3,22-23). E Cristo è per noi, dal momento che si è donato totalmente a noi per la nostra salvezza! Egli non ha salvato solo la nostra anima, ma tutto il nostro essere, tant’è vero che il nostro corpo è destinato alla resurrezione! La nostra corporeità non è destinata a scomparire, ma è segnata per l’eternità. Di conseguenza “il corpo non è fatto per l’immoralità”, cioè per la “porneia”, ma per la santità! Vivere la sessualità in modo licenzioso non è un fatto indifferente, ma compromette l’intera nostra persona, che appartiene a Cristo e partecipa della sua risurrezione.
Proseguendo in questa interessantissima descrizione del rapporto tra Cristo e il nostro corpo, San Paolo riprende un tema a lui caro, affermando che noi siamo membra del corpo di Cristo : “Non sapete che i vostri corpi sono membra di Cristo? Strapperò dunque le membra di Cristo per farne membra di una prostituta?” (6,15). Per avvalorare ancora di più quest’affermazione l’Apostolo cita Gen.2,24: “I due diventeranno una sola carne”, cioè un solo essere. La sessualità non è qualcosa di esterno alla persona, ma una dimensione fondamentale, mediante la quale la persona mette in gioco se stessa ed entra in relazione profonda con un’altra persona. Non si può vivere la sessualità solo come una passione istintiva, un cedimento egoistico alla “carnalità” della propria esistenza.
In questa luce comprendiamo anche la frase seguente, che risulta piuttosto sorprendente: “Invece chi si unisce al Signore forma con lui un solo spirito” (6,17). Noi ci aspetteremmo che Paolo, in coerenza con quanto aveva detto prima, avesse ora concluso “chi si unisce al Signore forma con lui un solo corpo”. Egli invece utilizza l’espressione “un solo spirito”, facendo capire così che l’unione col Signore non viene vissuta nella carnalità, ma “nello spirito”, cioè nella donazione d’amore tipica di chi si lascia guidare dallo Spirito di Dio e non vive le sue relazioni con gli altri a livello puramente materiale e carnale.
Di questo San Paolo parla in Efesini 5, descrivendo il rapporto tra Cristo e la Chiesa quale fondamento della sacramentalità del matrimonio. C’è fra noi e il Signore un rapporto di reciproca appartenenza: noi siamo per il Signore e il Signore è per noi; noi siamo le sue membra e non possiamo staccarci da Lui, dissacrando il tempio del nostro corpo con una maniera immorale di vivere la sessualità. Questa relazione di reciproca appartenenza tra l’uomo e Cristo trova una splendida manifestazione sacramentale nel rapporto sponsale tra il marito e la moglie, chiamati ad essere “una sola carne” nella relazione d’amore che li lega l’uno all’altra “nel Signore”.

“Tempio dello Spirito Santo”
Il testo si chiude con lo sviluppo di questo tema pneumatologico: i cristiani sono “tempio dello Spirito Santo!” (6,19). Nel loro essere corporeo essi sono abitazione santa e consacrata a Dio. Di conseguenza vivono in una costante relazione d’amore col Signore, la quale non può prescindere dalla loro corporeità, ma anzi trova proprio in essa la struttura su cui fondare , anche con gesti concreti e visibili, il proprio rapporto con Dio. Il corpo ci è dato per esprimere all’esterno la nostra appartenenza al Signore e la glorificazione del suo nome. La relazione sessuale è una modalità sublime di questa manifestazione, che per volere di Dio acquista anche forza sacramentale, ossia esprime il legame di Cristo con la sua Chiesa e ne diffonde efficacemente la grazia santificante su tutto il Corpo mistico del Signore!
Poggiando su questa base concettuale, il brano si chiude con una meravigliosa esortazione liturgica: “Glorificate dunque Dio con il vostro corpo” (6,20). Questo corpo, che “è stato riscattato dalla schiavitù a caro prezzo”, deve esprimere la lode al Signore, Salvatore e Redentore dell’uomo. La liturgia non viene intesa così come qualcosa di vuoto e formale, ma come una celebrazione che si incarna in tutta la nostra esistenza. Il culto cristiano non ci distoglie dal mondo e dai rapporti con gli altri, ma anzi si esprime in un’esistenza donata agli altri e animata costantemente dall’amore del Signore.

Sessualità: linguaggio d’amore o fonte di schiavitù?
E’ in questa luce che noi dobbiamo considerare la nostra identità sessuale, in qualunque stato di vita e in qualunque età ci troviamo a viverla. La sessualità non è un bene dell’individuo, ma della persona intesa nella sua unitotalità, ossia nella ricchezza globale del suo essere, nel quale il corpo non può mai essere scisso dallo spirito. Una persona che si autoriconosce come dono di Dio e che, proprio per questo, non può chiudersi in una orgogliosa autosufficienza. Dire persona significa dire relazione con Dio e con i fratelli, una relazione che viviamo non a prescindere dalla nostra corporeità, ma proprio grazie ad essa. Il corpo infatti dice la nostra identità sessuale e rende visibili all’esterno i moti del nostro cuore, le interiorità più nascoste del nostro io. Il corpo agisce così in modo quasi “sacramentale”, perché rende visibile ciò che per sua natura è misterioso ed invisibile: l’amore!
La corporeità e l’identità sessuale ci vengono dati da Dio come linguaggio d’amore: per questo non si può né banalizzare, né cosificare il sesso; non lo si può vivere a…buon mercato, in modo consumistico; né lo si può interpretare come semplice ricerca del piacere, in un rapporto passeggero, non impegnativo, di natura privatistica, pensando che tutto questo non abbia ripercussioni sulla maturazione della nostra persona e sul nostro impegno a camminare nella fede.
Le “ ferite” lasciate dentro di noi da una sessualità vissuta nel peccato sono in genere profonde, sia perché la sessualità è una dimensione fondamentale del nostro io personale, sia perché il maligno opera spesso a questo livello “carnale” della nostra esistenza, scompaginando il nostro equilibrio interiore e rendendo disarmonico il nostro essere, creato ad immagine e somiglianza di Dio.
Siamo oggi tentati da più parti a vivere la sessualità in modo edonistico e consumistico. Ciò che abbiamo visto verificarsi nella comunità di Corinto risulta nel nostro tempo mille volte amplificato da una cultura, che induce a comportamenti sessuali licenziosi, in cui lo stesso concetto di “porneia” viene esaltato quale conquista di un uomo talmente emancipato da potersi porre al di sopra di ogni regola. Le conseguenze di una simile concezione sono sotto gli occhi di tutti: il presunto uomo “maggiorenne” del nostro tempo risulta molte volte minacciato da schiavitù che si annidano nel suo stesso cuore, conducendolo ad abitudini e a scelte che sono libere solo in apparenza, mentre in realtà lo rendono “omologato”, costruito sui modelli standardizzati che vengono manovrati da ingenti interessi economici e sono fatti diabolicamente apposta per spegnere la felicità nel suo cuore.

Sessualità redenta
Davvero non possiamo essere presuntuosi in questa materia, pensando che questo tesoro meraviglioso noi lo custodiamo “in vasi di creta” (2 Cor 4,7): fragili, delicati, bisognosi di molta cura e premura.
Siamo però persuasi che Gesù ha redento anche la nostra corporeità e la nostra sessualità, e ci dona la grazia di viverla nel quadro dell’amore, riversato nei nostri cuori dallo Spirito Santo (Rom 5,5). Lo Spirito di Gesù risorto ci rende capaci di vivere anche la sessualità secondo il progetto di Dio, quale ci viene indicato nella Sacra Scrittura e nel Magistero della Chiesa.
Guardiamo perciò a Gesù e agli insegnamenti della Chiesa per conoscere la verità anche in questo campo così prezioso e delicato. Gesù infatti conosce meglio di chiunque l’altro il cuore dell’uomo e può istruirci in maniera autentica. Quando i farisei si rivolgono a lui per chiedergli cosa ne pensa del divorzio (Mt 19,1-9), Gesù fa comprendere che la concessione di Mosè in questo campo è stata solo un “adattamento” della legge di Dio, dovuto alla “durezza di cuore” (“sklerokardìa”) dei suoi connazionali, ma “al principio” non fu così: il progetto originario di Dio era ed è quello dell’unione indissolubile dell’uomo e della donna. A questo riguardo Gesù cita testualmente i testi del libro della Genesi, che si riferiscono a questo progetto del Creatore.
Solo Gesù conosce l’uomo fin dallo “inizio”, ossia fin dal “principio senza principio”, che affonda le sue radici nell’eternità di Dio. A Lui, Divino Maestro, noi guardiamo per conoscere la verità sull’uomo, poiché Egli è l’uomo perfetto, il primogenito dell’umanità rinnovata, Colui che svela pienamente l’uomo all’uomo e gli fa nota la sua altissima vocazione (G.S. 22). Dinanzi a Lui, Via Verità e Vita dell’uomo, crollano tutti i pretesti per non vivere secondo il progetto di Dio e tutti i tentativi di “adattare” la sua legge alla debolezza dell’uomo. Egli ha redento tutto il nostro essere, donandoci la grazia di vivere in pienezza il suo disegno d’amore, senza bisogno di fare “sconti” alla verità, ivi compresa la verità che riguarda la vita sessuale.

Gesù, Sposo verginale dell’umanità
Pur non essendosi preoccupato specificamente di istruirci in modo dettagliato circa i comportamenti da assumere in campo sessuale, Gesù ci offre i principi fondamentali del nostro agire nell’amore, sulla base della ricchezza globale del nostro essere. Egli ci testimonia in modo particolare la bellezza dell’atteggiamento verginale nei confronti di ogni persona, il valore di una relazione che non si pone come rapporto di possesso, ma di donazione gratuita e disinteressata.
I suoi dialoghi con le donne, in particolare, manifestano questa dimensione verginale del suo cuore e ce lo fanno conoscere come lo Sposo purissimo dell’umanità rinnovata nella potenza del suo amore. I dialoghi con la Samaritana, la peccatrice in casa di Simone il fariseo, la Maddalena, l’adultera anche quando toccano tasti delicati ed intimi della vita di queste donne, mettono in evidenza una capacità grande di amore puro, che nasce da un cuore in grado di donarsi a tutti senza nulla pretendere e di valorizzare la ricchezza di essere che c’è in ogni persona. La delicatezza del tratto e la maniera singolare con cui Gesù si pone nei confronti di queste donne, non gli impediscono di insegnare la verità nel campo del comportamento sessuale e di stigmatizzare i comportamenti peccaminosi di queste donne. In maniera davvero sublime, Gesù è capace di distinguere il peccato dal peccatore, bollando in modo fermo i comportamenti peccaminosi, ma esercitando grande misericordia nei confronti delle persone che sono cadute nel peccato. In questo modo egli riesce a recuperare la dignità di queste donne e ad imprimere nella loro vita un radicale cambiamento di rotta.
Dal Signore Gesù, Sposo verginale dell’umanità, impariamo a coltivare il valore della purezza, che rende autentici i nostri rapporti con gli altri, sottraendoli alla bramosia di possesso e all’egoismo sempre incombente. Impariamo il valore della castità, intesa positivamente come l’energia spirituale capace di liberare l’amore dalla mera ricerca del piacere e di condurre al pieno dominio di sé per amare l’altro in modo autentico. Quando non si esercita la virtù della castità è facile che l’altro venga ridotto ad “oggetto”, a strumento da utilizzare per il proprio egoistico godimento; è facile anche che noi stessi ci dimostriamo incapaci di agire da soggetti ragionevoli e precipitiamo nel disordine dei sensi e dell’istinto.

Tutti chiamati alla castità
Da Gesù, vero Amico dell’uomo, gli sposi imparano ad amarsi con cuore puro, vivendo la castità coniugale come capacità costante di vedere nel corpo del proprio coniuge la bellezza e la preziosità della persona, sottraendosi così alla tentazione di dominarla o di farne uso… Gli sposi cristiani sperimentano in questo modo che l’armonia sessuale è un cammino, che non è tanto il frutto di tecniche, quanto piuttosto dell’amore totale, fedele, fecondo, definitivo: un amore che si esprime in queste stesse dimensioni non solo nel rapporto sessuale, ma in tutti gli altri ambiti della vita.
In questa luce i giovani e i fidanzati imparano la castità pre-matrimoniale, intesa come proposito di riservare al sacramento del matrimonio la pienezza di donazione, quale avviene nel rapporto sessuale completo, e di vivere gli altri gesti di affettuosità nel quadro della verità dell’amore: gesti, dunque, che esprimano con sincerità l’amore per l’altro, più che il desiderio di utilizzarlo per il proprio piacere; gesti che conoscano la legge della gradualità e si pongano nel cammino di crescita della coppia: un cammino che non fa crescere l’amore, se si ferma solo ai gesti fisici e non si sforza di far crescere anche l’affetto, la sintonia spirituale, il dialogo, la capacità di costruire insieme qualcosa di bello non solo per sé, ma anche per gli altri. In una società che spinge al sesso in chiave consumistica e fa sentire quasi anormali i giovani che vivono la castità, diventa un’autentica provocazione profetica la scelta di arrivare vergini al matrimonio e di interpretare il fidanzamento come tempo di grazia per crescere nell’amore reciproco e attrezzarsi a vivere in modo autentico il prezioso dono della sessualità.
Imitando Cristo, Sposo verginale dell’umanità, anche gli uomini e le donne chiamati alla verginità consacrata apprendono il significato e lo stile della loro presenza nel mondo: una presenza che si pone non come disprezzo del matrimonio e della sessualità, bensì come loro sublimazione nel quadro di un amore che si riversa su tutti, proprio perché non appartiene a nessuno in particolare; un amore esercitato con cuore indiviso, capace di spendersi con instancabile generosità per il bene dei fratelli e di amare semplicemente tutti, ivi compresi quelli che nessuno ama o di cui non è facile innamorarsi; un amore che, sull’esempio di quello testimoniato da Gesù, si traduce in anticipazione profetica dell’amore che noi tutti potremo sperimentare nel Regno di Dio, dove non ci saranno più moglie e marito, ma “saremo tutti come angeli nel cielo” (Mt 22,30; Mc 12,25).

 

 

Publié dans : Lettera ai Corinti - prima |le 6 septembre, 2018 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez répondre, ou faire un trackback depuis votre site.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01