Archive pour décembre, 2017

Buon Natale a tutti

2

Publié dans:immagini sacre |on 24 décembre, 2017 |Pas de commentaires »

Presepio a Schönleinplatz

la mia e paolo Christmas crib at Schönleinplatz ... - Copia

Publié dans:immagini sacre |on 22 décembre, 2017 |Pas de commentaires »

NATALE DEL SIGNORE – MESSA DEL GIORNO (25/12/2017)

https://www.qumran2.net/parolenuove/commenti.php?mostra_id=41515

Pazienza nel guardare

dom Luigi Gioia

NATALE DEL SIGNORE – MESSA DEL GIORNO (25/12/2017)

L’atmosfera che avvolge la celebrazione eucaristica del giorno di Natale è quella di un calmo stupore dopo le tante emozioni della notte, una lenta ruminazione di quello che è avvenuto. Nella liturgia della notte tutto ruota intorno a un bambino, in quella del giorno le letture ci propongono una meditazione sulla identità del messia con termini che ci possono sembrare astratti: irradiazione della sua gloria e impronta della sua sostanza (Eb 1,3), verbo, luce, vita. Ci sono voluti secoli di discernimento perché la comunità dei credenti penetrasse il senso di queste espressioni. Siamo giustificati dunque se ci sentiamo sprovveduti di fronte ad esse, se preferiamo l’immagine dei vangeli dell’infanzia rispetto a quella proposta dal prologo di Giovanni e dalla lettera agli Ebrei.
Eppure, la fede non può fare a meno di questo approfondimento, bisogna che gli occhi si aprano per vedere il ritorno del Signore a Sion (Is 52,7-8), per capire quale sia la pienezza dalla quale tutti abbiamo ricevuto, per contemplare la sua gloria (Gv 1,16).
Attraverso il suo silenzio, la sua vulnerabilità, questo bambino ci parla: è un messaggero che annuncia la pace (Is 52,7). Dio conversava con Adamo ed Eva nel giardino prima della loro trasgressione, ma non cessa di farlo anche dopo che si sono allontanati da lui. Tutto l’Antico Testamento testimonia della straordinaria inventiva dispiegata dal Signore per continuare a mantenere il dialogo con noi anche nel paese lontano nel quale ci eravamo smarriti: molte volte e in diversi modi nei tempi antichi Dio ha parlato ai padri per mezzo dei profeti (Eb 1,1). Come un amante respinto ha continuato a credere alla possibilità di risvegliare il nostro primo amore per lui, ha cercato in tutti i modi di parlare al nostro cuore (Os 2,16).
Ha dovuto cominciare con l’incuterci timore, parlandoci da un roveto ardente (Es 3,4) o nel tuono e nel fulmine, al punto che abbiamo avuto paura di lui: Tutto il popolo percepiva i tuoni e i lampi, il suono del corno e il monte fumante. Il popolo vide, fu preso da tremore e si tenne lontano. Allora dissero a Mosè: «Parla tu a noi e noi ascolteremo; ma non ci parli Dio, altrimenti moriremo!» (Es 20,18-19). Usava un linguaggio così terrificante perché era il solo che eravamo in grado di percepire allora. Ma senza che ce ne rendessimo conto, lentamente il Signore ci educava a percepire il vero suono della sua voce, come quando incontra Elia non nell’uragano, nel terremoto o nel fuoco, ma nel mormorio di una brezza leggera (1Re 19,12). Il senso di questa rivelazione era che per distinguere la vera voce di Dio occorre fermarsi, tacere e contemplare, come lo afferma Giovanni: E il Verbo si fece carne?e venne ad abitare in mezzo a noi;?e noi abbiamo contemplato la sua gloria (Gv 1,14). ‘Verbo’ qui vuol dire ‘parola’, ‘Dio che ci parla’ e potremmo dunque parafrasare questa frase affermando: “Nel suo desiderio di parlarci, di farci udire la sua voce Dio si è fatto uno di noi, è venuto da abitare in mezzo a noi e progressivamente ci ha insegnato a riconoscere la sua vera identità, a contemplare la sua bellezza”. Gesù è chiamato ‘verbo’ perché è colui che ‘dice’ il Padre, che lo fa conoscere, lo rivela: Dio, nessuno lo ha mai visto: il Figlio unigenito, che è Dio ed è nel seno del Padre,?è lui che lo ha rivelato (Gv 1,18).
Giovanni e l’autore della lettera agli Ebrei concordano poi nel parlare di Gesù usando l’immagine biblica della ‘gloria’. La lettera agli Ebrei paragona Dio al sole e Gesù ai raggi che scaturiscono da esso e ci raggiungono per riscaldarci ed illuminarci quando dice: Gesù è l’irradiazione della gloria del Padre (Eb 1,3). Questa gloria, questa bellezza, questa grandezza vanno ‘contemplate’ dice Giovanni: noi abbiamo contemplato la sua gloria (Gv 1,14), esattamente come va contemplato il sole: se lo guardessimo direttamente saremmo accecati. Occorrono filtri, un lento adattamento degli occhi alla intensità della sua luminosità. Giovanni usa la parola ‘contemplazione’ per indicare una maniera di guardare che richiede tempo, pazienza, amorevole e perseverante applicazione.
Il solo modo di accogliere Dio che ci parla, ci visita, pianta la sua tenda tra di noi è dunque ascoltarlo e contemplarlo. Solo lasciandoci istruire da lui, solo tenendo lo sguardo fisso su di lui, siamo trasformati a sua immagine, diventiamo simili a lui, come lui, figli di Dio: A quanti lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio (Gv 1,12). Per questo la liturgia di Natale ci fa percorrere prima i racconti dell’infanzia e poi l’elaborazione teologica della lettera agli Ebrei e di Giovanni. In questo modo, progressivamente, impariamo a riconoscere la grazia e la verità che il Figlio è venuto a condividere con noi: viene dal Padre pieno di grazia e di verità e la grazia e la verità vengono per mezzo di Gesù (Gv 1,14). Il Padre ci fa grazia non solo perdonandoci, ma rivelandosi e, di riflesso, facendoci conoscere la verità su noi stessi, sul senso della nostra esistenza e della storia. Per accedere a questa rivelazione basta continuare a contemplare il bambino nato per noi: il suo silenzio parla, la sua debolezza diventa pienezza dalla quale tutti riceviamo (Gv 1,16), in lui Dio compie la sua promessa di restare per sempre con noi.

Angelo dell’Annunciazione

la mia e paolo - Copia

Publié dans:immagini sacre |on 21 décembre, 2017 |Pas de commentaires »

IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO B) (24/12/2017)

https://www.qumran2.net/parolenuove/commenti.php?mostra_id=41505

Una casa

don Luciano Cantini

IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO B) (24/12/2017)

Quando si fu stabilito
Bisogna distinguere tra realtà storica e racconto; il secondo Libro di Samuele ci parla di un Re Davide idealizzato, il cui regno assume – ne secoli a venire – l’immagine del regno messianico, del regno ideale.
La realtà è molto diversa, è vero che ebbe riposo da tutti i suoi nemici all’intorno, ma è anche vero che il suo regno era lontano dall’essere consolidato, lo si deduce dal testo biblico che testimonia diverse consacrazioni come re in ambiti diversi (2Sam 2,1-4; 5,1 -3;5,6-8) lontani da essere un’unica realtà. Davide aveva conquistato la città di Gerusalemme dai Gebusei e ne aveva fatto la capitale. L’arca della Alleanza e la tenda del Convegno era ancora in Samaria, là dove era il pozzo di Giacobbe. Davide progetta il suo trasferimento a Gerusalemme: una mossa politica, un sussulto religioso? È molto difficile poterlo dire in un’epoca in cui non c’era distinzione tra sacro e profano (siamo appena nell’età del ferro).
Quello che colpisce è la forza del progetto assecondato da Natan, profeta di corte.

Ma quella stessa notte
L’uomo progetta ma, come dice il proverbio, l’uomo propone e Dio dispone. Davide non ricorda quando fu consacrato re da Samuele, ultimo dei fratelli, dimenticato al pascolo: non era il più imponente né il più bello perché io (Dio)non guardo ciò che guarda l’uomo (1Sam 16,7). Adesso cosa sta guardando Davide? Davvero è in ansia perché l’arca di Dio sta sotto i teli di una tenda? Quanti dei nostri progetti, anche religiosi, nascondono una aspirazione alla grandezza e al prestigio. Cosa fanno i nostri politici se non assecondare i desiderata della gente senza neanche cercare di capire. La politica è un grande applausometro (Jovanotti, Lorenzo Cherubini). Oggi abbiamo coniato il termine populismo ma è una realtà vecchia come il genere umano. La notizia dell’ordinanza del sindaco di Como di impedire di aiutare i poveri nel periodo natalizio a motivo del decoro della città sta facendo il giro di tutti i giornali. Si danno disposizioni, si fanno leggi, costruiamo fili spinati ma intanto la storia va avanti per il suo corso, inderogabilmente, lontano dalle aspettative degli uomini e dalle prospettive dei politici. Si possono cancellare dal vocabolario parole sgradite ma non modificare la realtà delle cose. Dio ha il suo progetto di salvezza mentre noi annaspiamo tra i nostri progetti destinati a travolgerci.

Forse tu mi costruirai una casa
La parola che irrompe nella notte è forte, Dio non si lascia chiudere in una costruzione umana secondo un modello di potere. Il Dio d’Israele è Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe (cfr Es 3,6 e Mc 12,26), Dio degli uomini non dei territori o dei luoghi. Davide è costretto a confrontarsi con un Dio che cammina in mezzo al suo popolo, nella precarietà dell’uomo, tenda tra le tende. In questo contesto nasce anche la promessa. Non sarà il re a costruire una casa a Dio, ma sarà Dio stesso a donare una discendenza, una casa a Davide. La presenza di Dio è da ricercare nel volto di qualcuno, nel cuore nascosto del divenire della storia, che non è mai come appare. Se guardiamo bene la vita di Davide è impastata di peccato ma Dio non lo abbandona; anche dopo Salomone la storia del regno sarà un disastro, ma Dio non smette di accompagnare il suo popolo.

Un tuo discendente dopo di te
Luca rilegge questo capovolgimento dei progetti di Davide, vede in Gesù la realizzazione della promessa: il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine (Lc 1,32-33). Colui che nascerà sarà re, ma non secondo i criteri di potere degli uomini, lontano dalle logiche di consenso, piuttosto come colui che serve (Lc 22,26), nato da una serva (Lc 1, 38), in modo precario, solidale, vicino a chi dei poteri umani sono le vittime.
Maria è davvero il Tempio vivo della nuova alleanza, casa per Dio, custode della sua presenza: Lo Spirito santo verrà su di te, e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra; e perciò quello che nascerà santo sarà chiamato figlio di Dio (Lc 1,35).

 

 

Publié dans:OMELIE, PREDICHE E ☻☻☻ |on 21 décembre, 2017 |Pas de commentaires »

IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO B) (24/12/2017)

https://www.qumran2.net/parolenuove/commenti.php?mostra_id=41505

Una casa

don Luciano Cantini

IV DOMENICA DI AVVENTO (ANNO B) (24/12/2017)

Quando si fu stabilito
Bisogna distinguere tra realtà storica e racconto; il secondo Libro di Samuele ci parla di un Re Davide idealizzato, il cui regno assume – ne secoli a venire – l’immagine del regno messianico, del regno ideale.
La realtà è molto diversa, è vero che ebbe riposo da tutti i suoi nemici all’intorno, ma è anche vero che il suo regno era lontano dall’essere consolidato, lo si deduce dal testo biblico che testimonia diverse consacrazioni come re in ambiti diversi (2Sam 2,1-4; 5,1 -3;5,6-8) lontani da essere un’unica realtà. Davide aveva conquistato la città di Gerusalemme dai Gebusei e ne aveva fatto la capitale. L’arca della Alleanza e la tenda del Convegno era ancora in Samaria, là dove era il pozzo di Giacobbe. Davide progetta il suo trasferimento a Gerusalemme: una mossa politica, un sussulto religioso? È molto difficile poterlo dire in un’epoca in cui non c’era distinzione tra sacro e profano (siamo appena nell’età del ferro).
Quello che colpisce è la forza del progetto assecondato da Natan, profeta di corte.

Ma quella stessa notte
L’uomo progetta ma, come dice il proverbio, l’uomo propone e Dio dispone. Davide non ricorda quando fu consacrato re da Samuele, ultimo dei fratelli, dimenticato al pascolo: non era il più imponente né il più bello perché io (Dio)non guardo ciò che guarda l’uomo (1Sam 16,7). Adesso cosa sta guardando Davide? Davvero è in ansia perché l’arca di Dio sta sotto i teli di una tenda? Quanti dei nostri progetti, anche religiosi, nascondono una aspirazione alla grandezza e al prestigio. Cosa fanno i nostri politici se non assecondare i desiderata della gente senza neanche cercare di capire. La politica è un grande applausometro (Jovanotti, Lorenzo Cherubini). Oggi abbiamo coniato il termine populismo ma è una realtà vecchia come il genere umano. La notizia dell’ordinanza del sindaco di Como di impedire di aiutare i poveri nel periodo natalizio a motivo del decoro della città sta facendo il giro di tutti i giornali. Si danno disposizioni, si fanno leggi, costruiamo fili spinati ma intanto la storia va avanti per il suo corso, inderogabilmente, lontano dalle aspettative degli uomini e dalle prospettive dei politici. Si possono cancellare dal vocabolario parole sgradite ma non modificare la realtà delle cose. Dio ha il suo progetto di salvezza mentre noi annaspiamo tra i nostri progetti destinati a travolgerci.

Forse tu mi costruirai una casa
La parola che irrompe nella notte è forte, Dio non si lascia chiudere in una costruzione umana secondo un modello di potere. Il Dio d’Israele è Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe (cfr Es 3,6 e Mc 12,26), Dio degli uomini non dei territori o dei luoghi. Davide è costretto a confrontarsi con un Dio che cammina in mezzo al suo popolo, nella precarietà dell’uomo, tenda tra le tende. In questo contesto nasce anche la promessa. Non sarà il re a costruire una casa a Dio, ma sarà Dio stesso a donare una discendenza, una casa a Davide. La presenza di Dio è da ricercare nel volto di qualcuno, nel cuore nascosto del divenire della storia, che non è mai come appare. Se guardiamo bene la vita di Davide è impastata di peccato ma Dio non lo abbandona; anche dopo Salomone la storia del regno sarà un disastro, ma Dio non smette di accompagnare il suo popolo.

Un tuo discendente dopo di te
Luca rilegge questo capovolgimento dei progetti di Davide, vede in Gesù la realizzazione della promessa: il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine (Lc 1,32-33). Colui che nascerà sarà re, ma non secondo i criteri di potere degli uomini, lontano dalle logiche di consenso, piuttosto come colui che serve (Lc 22,26), nato da una serva (Lc 1, 38), in modo precario, solidale, vicino a chi dei poteri umani sono le vittime.
Maria è davvero il Tempio vivo della nuova alleanza, casa per Dio, custode della sua presenza: Lo Spirito santo verrà su di te, e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra; e perciò quello che nascerà santo sarà chiamato figlio di Dio (Lc 1,35).

 

Annunciazione

en e paolo - Copia

Publié dans:immagini sacre |on 19 décembre, 2017 |Pas de commentaires »
12345

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01