III DOMENICA DI AVVENTO (ANNO B) – GAUDETE (17/12/2017)

https://www.qumran2.net/parolenuove/commenti.php?mostra_id=41463

Cercare e conoscere – don Luciano Cantini

III DOMENICA DI AVVENTO (ANNO B) – GAUDETE (17/12/2017)

Giovanni rispose loro
Sono estremamente forti le parole del Battista che afferma: In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete. Possiamo limitarle al racconto del dialogo con i sacerdoti e leviti, come risposta contingente alla domanda dei suoi interlocutori: Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. Più tardi Gesù sarà perentorio nei confronti dei farisei: «Voi non conoscete né me né il Padre mio; se conosceste me, conoscereste anche il Padre mio» (Gv 8,19).
Forse però dobbiamo accoglierle come un messaggio universale che arriva fino a noi, oggi.
Questa affermazione non è una condanna senza via di uscita piuttosto un invito a cercare e conoscere.
Se noi andiamo verso la fine del Vangelo secondo Giovanni ritroviamo la stessa realtà affermata dal Battista che riguarda non un gruppo di ignoti farisei ma proprio gli apostoli, i suoi discepoli.

In mezzo a voi
Lo stesso giorno della risurrezione, Giovanni racconta dei discepoli rinchiusi nel Cenacolo pieni di paura mentre venne Gesù, stette in mezzo (Gv 20,19). Le parole utilizzate sono le stesse dell’affermazione del Battista. Nel divenire incerto dell’uomo l’evangelista racconta del cenacolo con una certa forza verbale – lo ripete due volte – la stabilità di Gesù che si pone “in mezzo”. Davvero Gesù è l’Emmanuele, il Dio con noi profetizzato da Isaia (7,14).
Questa affermazione diventa un invito a cercare in mezzo alle persone, siamo chiamati a mescolarci con la gente se vogliamo incontrare Gesù; se guardiamo bene è il contrario di quello che facciamo quando lo cerchiamo nell’oscurità di un santuario o nel chiuso della propria casa. Il ritirarci nella propria famiglia, nel proprio gruppo sociale, tra i nostri simili, nel circolo che ci siamo costruiti è limitante e privo di prospettiva. L’affermazione del Battista è un invito a guardare a coloro che stava battezzando: una folla variegata di peccatori, emarginati, cercatori di futuro. Siamo chiamati a mischiarci, metaforicamente, con il popolo lungo il Giordano per condividere da vicino le sofferenze di tanti.

Che voi non conoscete
Conoscere il Signore e Maestro è un cammino lungo che sembra non compiersi mai: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo?» (Gv 14,9); averlo frequentato, ascoltato, aver mangiato con lui, osservato i suoi segni (miracoli) sembra non bastare. Nel cenacolo i discepoli fanno fatica a riconoscerlo, come lungo le rive del lago: E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore (Gv 21,12).
Gli apostoli sono meravigliati e sconcertati allo stesso tempo, vedono colui che hanno sempre visto come un uomo nuovo pur sapendo che è lo stesso di prima.
C’è in colui che sta in mezzo a noi qualcosa che conosciamo e che dobbiamo scoprire, c’è qualcosa che desideriamo imparare se vogliamo riconoscerlo. La ricerca che facciamo di Gesù molto spesso è dovuta a situazioni particolari; raramente è il frutto di una scelta per un cammino di fede fondato sulla conoscenza del Vangelo.

A lui io non sono degno
Il Battista sa bene qual è la differenza tra lui e Gesù: Io non sono… il Cristo, Elia, il profeta, ha preso coscienza di se stesso tanto da affermare a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo.
Nonostante il progredire della scienza e della conoscenza sembra che continuiamo a brancolare nel buio sulla nostra realtà umana malata di onnipotenza. Ma questa non è vita, verità, giustizia, sapienza, neppure umanità. Conoscere chi non si è ci permette di riconoscere colui che è via, verità e vita (Gv 14,6).

Publié dans : OMELIE, PREDICHE E ☻☻☻ |le 15 décembre, 2017 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez répondre, ou faire un trackback depuis votre site.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01