FILIPPESI 3, 8-14

http://www.eglise.catholique.fr/approfondir-sa-foi/la-celebration-de-la-foi/le-dimanche-jour-du-seigneur/commentaires-de-marie-noelle-thabut/

COMMENTAIRES DE MARIE-NOËLLE THABUT, DIMANCHE 13 MARS 2016

DEUXIEME LECTURE – LETTRE DE SAINT PAUL AUX PHILIPPIENS  3, 8 – 14

(traduzione Google dal francese)

Qui troviamo l’immagine della corsa che san Paolo usa più volte nelle sue lettere. E in gara, è l’obiettivo che conta! Il punto di partenza, si deve fare in fretta a dimenticare! Immaginate un corridore che avrebbe trasformato senza fermarsi, è garantito da perdere, « Solo una cosa questioni: dimenticando ciò che sta dietro e proteso in avanti verso la parte anteriore, corro verso la meta per il premio … » Abbiamo bisogno di sapere voltare le spalle in qualche modo: e da quando è stato « sequestrato » da Cristo, come dice lui, Paul voltò le spalle a molte cose, in molte certezze. La parola « sequestrato » è molto forte nel linguaggio di Paolo: la sua vita era in realtà abbastanza sconvolto dal giorno in cui Cristo fu letteralmente lo prese sulla via di Damasco. Di solito, però, Paolo ha presentato la sua fede cristiana come la continuazione logica della sua fede ebraica. Ai suoi occhi, Gesù Cristo veramente soddisfatto le aspettative del Vecchio Testamento e non vi è continuità tra l’Antico e il Nuovo Testamento: per esempio, durante il suo processo davanti al tribunale romano a Cesarea, ha detto:  » Mosè ei profeti hanno previsto quello che doveva accadere (vale a dire che Gesù è il Messia) e non dico altro … « (At 26, 22). Ma qui, Paolo sottolinea la novità portata da Gesù Cristo: « Tutti i vantaggi che avevo prima, li considerano ora come un perdita di fronte alla sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio ??Signore.  » La novità portata da Gesù Cristo, è radicale: ora siamo veramente una « nuova creazione »; questa espressione, ci siamo incontrati Domenica scorsa nella seconda lettera ai Corinzi; Qui, Paolo dice il contrario: « Grazie a lui, ho perso tutto; Considero tutto come rifiuti, per l’unico vantaggio, Cristo, nel quale Dio mi riconosce come diritto. « Tradurre: » ciò che prima mi sembrava più importanti, i miei vantaggi, i miei privilegi, ora non importa più a me che lo sterco « . Questi « benefici » di cui egli parla: era l’orgoglio di appartenenza al popolo d’Israele; era la fede, la fedeltà, inestirpabile, la speranza di questo popolo; è stata la pratica regolare, scrupolosa di tutti i comandamenti, che egli chiama « l’obbedienza alla legge di Mosè ». Ma ora, Gesù Cristo ha preso tutto lo spazio nella sua vita: « Tutto io reputo una rifiutare per un guadagno di Cristo ». Ora possiede la proprietà che supera tutto, l’unica ricchezza in tutto il mondo ai suoi occhi: « conoscenza » di Cristo; per parlare di questo, Gesù impiegato parabole: per esempio ha detto « il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo, il quale un uomo ha scoperto: lo nasconde di nuovo, e nella sua gioia che se ne va, vende tutti i suoi averi e compra quel campo. « (Mt 13, 44). Il vero tesoro della nostra vita, dice San Paolo, è quello di aver scoperto Cristo; e sa di che parla, lui che è stato il primo persecutore degli apostoli! La sua vita è stata sconvolta da questa scoperta, da questa « conoscenza » di Cristo. Una conoscenza che non è intellettuale: in senso biblico, sapendo che qualcuno sta vivendo nella sua intimità, è quello di amare e condividere la sua vita. E ‘in questo senso di intimità condivisa che Paolo parla del legame che unisce la società, e con lui tutti i battezzati in Gesù Cristo. Perché è così insistente su di esso? Perché siamo nel contesto di un conflitto molto grave che ha attraversato la comunità Filippesi sulla circoncisione; abbiamo già incontrato qualche settimana fa: alcuni cristiani di origine ebraica ci avrebbe voluto imporre la circoncisione a tutti i cristiani prima del battesimo; è la circoncisione che pensa quando parla di « obbedienza alla Legge di Mosè »; in che modo sappiamo Apostoli affrontato la questione che minacciava di dividere le comunità, nel corso di un incontro a Gerusalemme, un mini-consiglio: nella Nuova Alleanza, la Legge di Mosè viene superato; Battesimo nel Nome di Gesù ‘ci ha fatti figli di Dio: « Sei stato battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo », ha detto Paolo in Galati (Gal 3, 27). La circoncisione non è più necessario per servire il popolo della Nuova Alleanza, dal momento che l’Alleanza è permanentemente sigillato una volta per tutte in Gesù Cristo: «In Gesù Cristo, Dio mi riconosce come diritto. Questa giustizia non di me stesso è, vale a dire dalla mia obbedienza alla Legge di Mosè, ma della fede in Cristo: è la giustizia che viene da Dio e si basa sulla fede. « Una delle grandi scoperte di Paolo è che la nostra salvezza non è la fine dei nostri meriti, i nostri sforzi … la salvezza di Dio è gratis! Questo è lo stesso significato di « grazia », ??se ci pensi … Il libro della Genesi era già dicendo: « Abramo ebbe fede nel Signore e il Signore è sembrato giusto. « (Gen 15: 6). In altre parole, la nostra giustizia viene solo da Dio, solo credere! Ma il motivo per cui egli parla di « comunione delle sofferenze della Passione di Cristo, riprodurre la sua morte, con la speranza di risurrezione dai morti »? E ‘, ovviamente, non per accumulare meriti per buona misura! Paul ha appena detto esattamente il contrario! Vuol dire che questa nuova vita che stiamo conducendo ora, in Cristo Gesù, innestato su di lui (per usare l’immagine della vite a San Giovanni) ci porta a prendere la stessa strada come lui. « Comunicare con la passione della sofferenza di Cristo » è quello di accettare di riprodurre il comportamento di Cristo, accetta gli stessi rischi, che sono i rischi per l’annuncio del Vangelo; Gesù aveva detto: « Nessuno è profeta in patria », e lui è stato ben avvertito i suoi apostoli che essi non sarebbero stati trattati meglio di loro padrone. La questione è se saremmo stati in grado di dire con St. Paul che l’unico possesso che conta per noi è la conoscenza di Cristo? Tutto il resto è solo « feccia »!

complemento – Una delle idee principali di San Paolo è che Cristo è venuto a compiere la Scrittura: il rapporto tra l’Antico Testamento e il Nuovo Testamento, tra l’Alleanza e la Nuova Alleanza è fatta di continuità e rottura: è perché Paolo è un Ebreo che è cristiano, e che la continuità … ma ora dobbiamo abbandonare pratiche ebraiche per consentire « cattura » da Cristo, e che la rottura.

Vous pouvez répondre, ou faire un trackback depuis votre site.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01