COMMENTAIRES DE MARIE-NOËLLE THABUT – 1COR 12, 12-30

http://www.eglise.catholique.fr/approfondir-sa-foi/la-celebration-de-la-foi/le-dimanche-jour-du-seigneur/commentaires-de-marie-noelle-thabut/#Deuxieme_lecture

COMMENTAIRES DE MARIE-NOËLLE THABUT, DIMANCHE 24 JANVIER 2016

PRIMA LETTERA DI SAN PAOLO AI CORINZI, 12, 12-30

(la traduzione non è buona, ma non ho trovato in italiano un buon commento, quelli di Marie Noelle sono molto belli secondo me)

In altre parole, « A ciascuno il suo lavoro; ma attenzione non disprezzare l’un l’altro, ricorda che tutti hanno bisogno di tutti « . (IN) Questo lungo sviluppo Paolo dimostra almeno una cosa è che la comunità di Corinto sapeva esattamente gli stessi problemi come noi. Per dare una lezione ai suoi fedeli, Paolo usa un metodo che funziona meglio di qualsiasi discorso, egli offre loro un confronto. In realtà, egli non ha completamente inventata, ma è ancora meglio: si utilizza una favola che tutti sapevano e si adatta il suo scopo. Questa favola chiamata « La Favola di membri e lo stomaco » (Esisteva già nel Esopo, 700 anni prima di Cristo ed era noto al momento di St. Paul. Dal momento che è raccontata in « Storia romana Livio « , più vicino a noi, del resto, La Fontaine messo in versi): come tutte le favole, si comincia con » C’era una volta « : » C’era una volta « Pertanto, un uomo come tutti gli altri … se non che, con lui, tutti i membri erano a parlare e discutere loro! E lo hanno fatto non tutti hanno un buon carattere, a quanto pare. E, probabilmente, un po ‘doveva avere l’impressione di essere meno ben trattata o leggermente sfruttato. Un giorno, durante una discussione, piedi e mani si ribellarono contro lo stomaco perché lui, lo stomaco, si accontenta di mangiare e bere quello che altri membri di fornire … Il piacere è per lui! Non è lui che è stanco di lavorare, coltivare la vite, per lo shopping, per tagliare la carne, masticare e mi dimenticare. Così abbiamo appena deciso di andare in sciopero. Ora nessuno si muove: stomach’ll vedere cosa succede a lui! E se lui muore di fame, ride bene chi ride ultimo … Avevamo dimenticato una cosa: se lo stomaco è affamato, non sarà l’unico. Quel corpo, come ogni altro, era un intero, e tutti hanno bisogno di tutti! San Paolo è tornato nella capitale culturale del suo tempo molto facile da capire il discorso. E nel caso in cui, nonostante tutto, non siamo riusciti a capire, ha preso la briga di spiegare la propria parabola del corpo e degli arti. E per lui, la morale di questa storia è: la nostra diversità è la nostra occasione, a condizione di fare gli strumenti di unità. Uno dei punti forti di questo sviluppo di San Paolo, è che non un momento, parla in termini di gerarchia o di superiorità! Giudei che Greci, schiavi o liberi, anche se tutte le nostre distinzioni umane, tutti sono innumerevoli: ora solo una cosa conta, il nostro battesimo nell’unico Spirito, la nostra partecipazione in questo corpo unico, il corpo di Cristo. Viste umani non sono più accettabili: non più superiorità o inferiorità. I punti di vista di Dio sono molto diversi: « Tra voi non ci deve essere così », disse Gesù ai suoi apostoli. Ma diciamo la verità, non più pensare in termini di superiorità, la gerarchia, la promozione, l’onore, è difficile. Paolo, al contrario, sottolinea il rispetto dovuto a tutti: semplicemente perché la più alta dignità, l’unica cosa importante è essere un membro di qualsiasi tipo del corpo di Cristo. Rispetto, nel senso etimologico, è una questione di rispetto: a volte la gente non sembra importante, non abbiamo nemmeno le vediamo, il nostro sguardo non indugia su di loro! Al contrario, tutti abbiamo misuriamo il nostro poca importanza agli occhi di qualcun altro: come se non ci fossero le sue diapositive sguardo su di noi! Sembra, dopo tutto, St. Paul qui ci dà una grande lezione di rispetto: rispetto per la diversità, da un lato, e il rispetto per la dignità di tutti, indipendentemente della sua funzione. ———- E ‘Isaia che ha questa splendida frase: « Quanto sono belli i piedi del messaggero di buone notizie! « Forse potremmo prendere spunto? E ‘vero che solo un piccolo sforzo per scoprire ciò che ognuno di noi porta originale nella vita delle nostre famiglie, le nostre imprese oi nostri gruppi di ogni tipo. Alcuni di noi sono i pensatori, ricercatori, inventori, organizzatori … Ci sono quelli che « naso », come si dice … c’è più esigenti … chi ha il dono della parola e quelli che sono meglio scritto … lì … e la lista potrebbe continuare all’infinito. Quelli di noi che hanno avuto la possibilità di vivere esperienze di riunioni di successo, proficue collaborazioni non possono più fare a meno. E se leggiamo la seconda Domenica (l’inizio del capitolo 12), piuttosto suonava come un appello per la diversità, lo sviluppo Oggi offriamo la seconda parte.

Vous pouvez répondre, ou faire un trackback depuis votre site.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01