SECONDA LETTURA – PRIMA LETTERA DI SAN PAOLO AI CORINZI, 12, 4-11 – MARIE-NOËLLE THABUT

http://www.eglise.catholique.fr/approfondir-sa-foi/la-celebration-de-la-foi/le-dimanche-jour-du-seigneur/commentaires-de-marie-noelle-thabut/

COMMENTAIRES DE MARIE-NOËLLE THABUT, DIMANCHE 17 JANVIER 2016

SECONDA LETTURA – PRIMA LETTERA DI SAN PAOLO AI CORINZI, 12, 4-11

(traduzione Google dal francese)    

Le lettere ai Corinti risalgono venti secoli e non sono invecchiate di un po ‘? Piuttosto, è del tutto pertinente: come rimanere cristiani in un mondo che ha altri valori? Come ordinare le idee che circolano, quelli compatibili con la fede cristiana? Come convivere con i non cristiani senza venir meno alla carità? Ma non perdere la nostra anima, come si dice? Il mondo intorno a parlare di sesso e denaro … Come evangelizzare? Questi erano i problemi dei cristiani di Corinto recenti convertiti in un mondo prevalentemente pagana; sono nostri ormai vecchi cristiani o no, ma in una società che non è più sottolinea i valori cristiani. le risposte di Paolo ci riguardano quindi quasi tutti. Parla delle divisioni nella comunità, i problemi della vita coniugale, soprattutto quando i coniugi non condividono la stessa fede, il Capo di stare in mezzo a tutte le nuove idee commercianti: su tutti questi punti, mette la le cose al loro posto. Ma sempre, come quando parla di cose molto concrete, ha prima ricorda la fondazione delle cose, che è il nostro Battesimo: nelle parole di Giovanni Battista, mediante il Battesimo, siamo stati immersi nel fuoco dello Spirito (Mt. 3, 11), e ora è lo Spirito che si rifrange attraverso di noi secondo la nostra diversità. Paolo dice la stessa cosa: « Colui che agisce in tutto questo è uno e medesimo Spirito distribuisce i suoi doni a ciascuno secondo la sua volontà. « In Corinto, come in tutto il mondo ellenistico, l’intelligenza era adorato, abbiamo sognato di scoprire la saggezza, si è parlato ovunque filosofia. Per quelle persone che sognavano di saggezza scoprire da loro stessi e dal rigore delle loro argomentazioni, Paolo risponde: la vera saggezza, la conoscenza da sola che conta, non è la fine del nostro discorso: è un dono di Dio . « A uno viene concesso dallo Spirito, il linguaggio della sapienza di Dio; a un altro, sempre nello spirito, il linguaggio della conoscenza di Dio. « Non c’è niente di cui vantarsi, tutto è dono. La parola « donazione » è ripetuto sette volte! Nella Bibbia, questa non è una novità! Qui Paolo limita a ripetere i cristiani in termini che il suo popolo aveva da tempo scoperto, che solo Dio conosce e può trovare la vera saggezza. La novità del discorso di Paolo è altrove: consiste nel parlare dello Spirito come di una persona. Più profondamente, Paolo si distingue completamente dalla ricerca filosofica di ogni altro: non propone una nuova scuola di filosofia , un altro … Qualcuno ha annunciato. Perché i doni e distribuiti ai membri della comunità cristiana non sono all’ordine del potere o competenza, sono una presenza interiore: il nome dello Spirito è menzionato otto volte in questo brano. Infine, questo testo è rivolto ai Corinzi, ma non parla di loro, parla solo dello Spirito al lavoro nella comunità cristiana; . E che, con pazienza, senza sosta, ci conduce verso il nostro Padre (lui ci soffia a dire « Abbà » – Padre) e ci si gira verso i nostri fratelli Giusto per essere chiari, Paolo dice: « Ognuno riceve la manifestazione lo Spirito per il bene comune di tutti.  » Sappiamo che i Corinzi erano ansiosi di fenomeni spirituali straordinarie, ma San Paolo ricorda loro solo obiettivo: il bene di tutti. Ai fini dello Spirito non è altro dal momento che è l’amore personificato. E poi nelle sue mani, per così dire, diventiamo strumenti di una varietà infinita per la grazia di Dio che è Uno: « I doni di grazia sono molteplici, ma lo stesso Spirito. I servizi sono molteplici, ma lo stesso Signore. Le attività sono varie, ma è lo stesso Dio che agisce in tutto e in tutti. « Questa è la meraviglia della nostra diversità: ci fanno capaci, a loro modo, per dimostrare l’amore di Dio. Una delle lezioni del testo di St. Paul è sicuramente imparare a gioire per le nostre differenze. Sono le tante sfaccettature dell’amore che ci permette di fare secondo l’originalità di ciascuno. Rallegriamoci dunque la varietà di razze, colori, lingue, regali, arte, invenzioni … E ‘quello che fa la ricchezza della Chiesa e del mondo ha fornito vivete nell’amore. E ‘come un’orchestra: la stessa ispirazione … diversi e complementari espressioni dei diversi strumenti e qui una sinfonia … una sinfonia fornito per giocare tutti nella stessa chiave … è quando noi non giocano tutti nella stessa tonalità vi è una cacofonia! La sinfonia in questione qui è la canzone d’amore che la Chiesa è responsabile per il canto nel mondo dire « inno alla carità », come si suol dire « Inno alla gioia ‘di Beethoven. La nostra complementarietà nella Chiesa non è una questione di ruoli, funzioni, in modo che la Chiesa viva, con una organizzazione in atto … E ‘molto più grave e più bello di questo: è la missione affidato alla Chiesa per rivelare l’amore di Dio: questa è la nostra unica ragione d’essere.

 

Vous pouvez répondre, ou faire un trackback depuis votre site.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01