XXXII DOMENICA TEMPO ORDINARIO “B” – 8 NOVEMBRE 2015

http://www.donmarcoceccarelli.it/html/omelie.htm

XXXII DOMENICA TEMPO ORDINARIO “B” – 8 NOVEMBRE 2015

I Lettura: 1Re 17,10-16
II Lettura: Eb 9,24-28
Vangelo: Mc 12,38-44

- Testi di riferimento: Es 22,22; Dt 10,18; 24,6; Gb 22,25; Sal 68,6; Is 1,17.23; 10,1-4; Mt 6,7.19- 21; Mc 10,20-21.28; 12,30; 14,3.8; Lc 4,25-26; Rm 12,1-2; 1Cor 7,32; 2Cor 8,2-3; Fil 3,8; 1Tm 5,5-6

1. Prima lettura: la vedova di Sarepta e l’importanza del “tutto”. Quello della totalità è un concetto biblico non irrilevante, soprattutto quando si parla della relazione con Dio. In questa lettura si parla di una vedova del villaggio di Sarepta alla quale non rimaneva che il minimo essenziale di soprav- vivenza per se stessa e per il figlio. Nessuno avrebbe potuto ragionevolmente chiederle nulla. Nes- suno poteva pretendere che lei si privasse di ciò che era strettamente indispensabile per sopravvive- re. Eppure Elia lo chiede. E lo chiede in nome di Dio, vale a dire, come qualcosa che Dio stesso comanda alla donna di fare. La richiesta è assolutamente irragionevole. La donna si trova in una si- tuazione di estrema emergenza. C’è in corso una grande carestia; il cibo non si trova da nessuna parte. In queste condizioni, in cui se qualcuno rubasse per vivere sarebbe giustificato, quale Dio può comandare di rinunciare al proprio alimento, e in base a quale ragione? La necessità di conservarsi in vita supera ogni altra esigenza; e quel pugno di farina che le è rimasto rappresenta la vita. Eppure quel Jahvè che da altre parti nella Bibbia è chiamato padre degli orfani e difensore delle vedove, ora pare diventato un aguzzino proprio di un orfano e di una vedova. Quel Jahvè chiede la vita.
2. La vedova del Vangelo.
- Anche in Mc la “totalità” è quasi un concetto teologico. Lo abbiamo già visto nelle domeniche precedenti. Al ricco che assicurava di avere osservato “tutti” i comandamenti (10,20), Gesù lo invita a lasciare tutto e seguirlo (10,21). A Pietro che ricorda che essi hanno lasciato “tutto” (10,28), Gesù dichiara la loro ricompensa. Il comandamento più grande è quello di amare Dio con la totalità di se stessi (12,30). La donna che unge Gesù con l’olio profumato lo fa versando tutto il liquido (giacché rompe il vasetto che lo conteneva: 14,3). Così, anche nel brano di Vangelo odierno, abbiamo una vedova che dà tutto quanto ha per vivere.
- L’abbondanza dei ricchi e la mancanza della vedova (v. 44). Al tempo di Gesù una vedova riceve- va, come altri poveri, la razione giornaliera che le serviva per il proprio sostentamento. Mentre mol- ti versano nel tesoro del tempio il loro superfluo, la vedova dà «tutto il suo vitto» (il termine è bios, “vita”). Ella infatti ha versato quello che le veniva dato come sua razione quotidiana di sopravvi- venza. Quel giorno si è privata (volontariamente) di quanto le serviva per vivere, facendo un segno con cui mostra di voler mettere tutta la sua fiducia in Dio. Quanto lei ha dato serve ben poco per ar- ricchire il Tempio, ma è un atto con il quale riconosce Dio come fonte della sua esistenza. Gesù quindi afferma che dà veramente colui che dà la “vita”, che dà ciò che gli permette di vivere. Chi è “mancante”, indigente, l’unica cosa che possiede è la vita. È l’offerta della vita il vero contributo per l’edificazione di quel tempio di Dio che è la Chiesa.
- In Mc 14,3-9 si racconta di una donna che versa dell’olio profumato, di grande valore, su Gesù. Lo versa tutto, giacché addirittura rompe il vaso che conteneva il profumo. In questo contesto Gesù si presenta come il vero “mancante”, il vero povero (vv. 6-8) che offre la sua vita per gli uomini. Ma egli è anche il nuovo tempio a cui va dato tutto ciò che si ha. Sia questa donna anonima che la ve- dova del tempio mostrano cosa significhi compiere il più grande dei comandamenti, l’amare Dio con la totalità della nostra vita. La donna versa tutto l’olio, addirittura rompendo il vasetto; e tutti sono scandalizzati della “perdita” (Mc 14,4), perché si ritiene una perdita inutile, uno spreco, dare a Dio tutto. Ma questa donna, senza proclamarlo, come farà invece il centurione più tardi (Mc 15,39), mostra di riconoscere in Cristo il figlio di Dio e lo ama senza tenere nulla per sé, come la vedova.
SPUNTI DI OMELIA PER LA MESSA DOMENICALE DI DON MARCO CECCARELLI – WWW.DONMARCOCECCARELLI.IT
- La religiosità e la fede. Nei capitoli 11, 12 e 13 di Mc appare un’alternanza fra discorsi relativi alla fede e altri relativi al tempio. Il tempio è un simbolo della religiosità naturale. Si va al tempio per offrire a Dio, ma fuori del tempio ognuno si considera dio della propria vita, ritiene di gestirsi la vi- ta come crede. Inoltre la religiosità si pasce di apparenza, di esteriorità, di culti esteriori, indipen- dentemente dall’atteggiamento interiore; ed è questo che Gesù critica nell’atteggiamento degli scri- bi, oltre al fatto di usare la religiosità per il proprio vantaggio, anche a costo di sfruttare gli altri. L’atteggiamento degli scribi biasimato da Gesù funge da chiaro contrasto con quello della vedova. È il contrasto fra religiosità e fede, fra il culto esteriore e la vita. Nel cristianesimo non c’è una se- parazione fra sacro e profano. Tutto è santo, e il tempio è il corpo del cristiano offerto interamente a Dio. Per questo il cristiano offre a Dio un culto spirituale con tutto se stesso e in tutta la sua vita (Rm 12,1-2; Gv 4,23-24). L’uomo religioso offre a Dio molte cose, ma non la vita. Egli offre a Dio per ricevere da Dio ciò che lui desidera; Dio è in funzione sua, perché lui è al centro, non Dio. E il suo offrire è spesso spinto dalla paura. Chi invece ama è disposto a dare tutto; infatti «nell’amore non c’è timore, al contrario l’amore perfetto scaccia il timore, perché il timore suppone un castigo e chi teme non è perfetto nell’amore» (1Gv 4,18). La totalità è costitutiva dell’amore. Dio vuole tutto perché vuole che amiamo, perché sa che solo l’amore ci fa felici. Il cristiano offre a Dio la sua vita, riconoscendo che la vita non gli appartiene e perché Dio faccia con la sua vita ciò che vuole. Chi è pervenuto alla fede ha capito che egli in realtà non ha nulla da offrire, ma è Dio che offre tutto a lui, a partire dal bene primario della vita.
3. Altra possibile interpretazione. Secondo alcuni quello che a prima vista potrebbe sembrare una lode nei confronti della vedova in realtà non sarebbe così. Gesù non starebbe lodando la donna, ma rivolgendo un’ulteriore critica verso il sistema templare e la teologia degli scribi. È vero che versare offerte in favore del tempio faceva parte delle opere di ogni pio israelita. Tuttavia, come Gesù aveva criticato l’insegnamento illegittimo degli scribi e dei farisei che spingevano le persone a fare offerte anche contravvenendo a norme fondamentali della Legge divina (Mc 7,5-13), così in questo episo- dio Gesù di nuovo starebbe vedendo nell’obolo della vedova – per quanto ammirabile in se stesso – una biasimevole forzatura proveniente dall’insegnamento dei capi religiosi. Gli scribi contravven- gono in questo caso alla Legge divina che prescrive di avere a cuore gli orfani e le vedove (cfr. Es 22,22) per seguire invece la propria tradizione (come appunto Gesù ha detto in Mc 7). La vedova non era assolutamente tenuta a versare ciò che le serviva per vivere, ma avrebbe fatto quel gesto perché spinta dall’avidità degli scribi (che nel v. 40 sono descritti come divoratori delle case delle vedove), i quali avrebbero disprezzato quelle due monete se non fossero state tutto quanto aveva. Le parole di Gesù sarebbero dunque un’attestazione dell’estrema spietatezza degli scribi e un lamento nei confronti di una religiosità diventata ormai così depravata e corrotta che non risparmia nemme- no i più poveri (in questo caso tale lamento continuerebbe e troverebbe il suo epilogo nel proseguo del Vangelo con la predizione della distruzione del tempio).
4. La vedova cristiana. Secondo san Paolo la vedova cristiana «quella che è veramente vedova … ha riposto la sua speranza in Dio e si dedica alla preghiera giorno e notte» (1Tm 5,5). La vedova del Vangelo, con il suo gesto di estremo abbandono nella braccia di Dio, può così facilmente raffigura- re la vedova cristiana, chiamata a porre la sua fiducia in Dio, Padre delle vedove. Lungi dal commi- serarsi per la sua sorte, per la sua miseria, ella offre tutta se stessa al Signore, sapendo che «la donna non sposata si preoccupa delle cose del Signore» (1Cor 7,34).Q

Publié dans : OMELIE, PREDICHE E ☻☻☻ |le 6 novembre, 2015 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez répondre, ou faire un trackback depuis votre site.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01