LC 24:35-48 – L’APPARIZIONE AI DISCEPOLI A GERUSALEMME (ed Emmaus)

http://thoughtstoliveby.wordpress.com/2009/04/26/lk-2435-48-sunday-gospel-reflection/

(è il Vangelo di oggi, traduzione Google dall’inglese)

LC 24:35-48 – L’APPARIZIONE AI DISCEPOLI A GERUSALEMME (ed Emmaus)

III Domenica di Pasqua

Domenica Gospel Riflessione

La Chiesa nel suo Catechismo insegna: « La risurrezione di Gesù è la verità culminante della fede cristiana in Cristo, una fede creduta e vissuta come verità centrale dalla prima comunità cristiana; trasmessa come fondamentale dalla Tradizione; stabilito dal documento del Nuovo Testamento; e predicata come parte essenziale del Mistero pasquale insieme con la croce « (cfr CCC 638).
In parole povere, la risurrezione di Gesù è così centrale per la nostra fede cristiana, perché se Cristo non è risorto dalla morte, la nostra fede è inutile, i nostri insegnamenti e predicazione sono inutili (cfr. 1 Cor 15,17). La risurrezione di Gesù è anche così centrale per la salvezza ci sforziamo, la speranza e pregare per perché siamo salvati non solo quando ci confessiamo con le labbra che Gesù è il Signore, ma anche quando crediamo nei nostri cuori che Gesù ha sofferto ed è morto sulla Croce risorto il terzo giorno (cfr. Rm 10,9). Se Cristo non è risorto dai morti, allora, la salvezza non è possibile. Infine, la risurrezione di Gesù è così centrale per la costruzione, diffusione e la continuazione della Chiesa istituita da Cristo sulla terra. Se Cristo non è risorto dai morti non ci sarebbero più i discepoli a sinistra ora. Non ci sarebbe più Chiesa ora.
La risurrezione di Gesù è così rilevante e significativo per la nostra fede cristiana, la salvezza e la costruzione, diffusione e la continuazione della Chiesa, ma ci sono teorie che erano state fatte cercando di dimostrare che la risurrezione di Gesù era una frode o un mito architettata dai discepoli molti anni dopo.
Uno tra questi è la teoria risurrezione spirituale . Questa è la visione che la risurrezione di Cristo non era una vera resurrezione fisica. I fautori di questa teoria sostengono che il corpo di Cristo rimase nel sepolcro e la sua vera risurrezione era di natura spirituale. E ‘stato detto solo questo modo per illustrare la verità della risurrezione spirituale, cioè, che Gesù risorto solo nei cuori e nelle menti dei credenti, in virtù della fede.
Come possiamo confutare questa? E ‘chiaramente sbagliato affermare che il corpo morto di Gesù rimase nel sepolcro e come qualsiasi altro corpo umano morto subito il naturale processo di decomposizione. Considerando il racconto biblico, il corpo fisico di Gesù fece sparire dalla tomba. Se vi ricordate ancora la prima visita di Maria Maddalena prime ore del mattino di Domenica, ha trovato solo una tomba vuota. Ha però che qualcuno ha rubato il corpo di Gesù.
Quando questo è stato segnalato per Pietro e Giovanni sono venuti subito a vedere la tomba di Gesù. Hanno trovato la tomba vuota e le bende di lino indisturbati che copriva il corpo di Gesù e anche il soudavrion, il pezzo di stoffa che aveva coperto la testa di Gesù ‘, non per terra con le altre bende, ma piegato in un luogo a parte. Ma non hanno mai trovato il corpo di Gesù..
Fondamentalmente la questione riguarda il posizionamento dei graveclothes come visto da Pietro e dall’altro discepolo, quando sono entrati nel sepolcro. Alcuni hanno cercato di dimostrare che i discepoli, vedendo le bende erano disposti proprio come lo erano quando in tutto il corpo, in modo che quando la resurrezione è avvenuta il corpo risorto di Gesù passò attraverso di loro, senza riorganizzare o disturbarli. In questo caso il link sui soudavrion essere arrotolato non fa riferimento al suo essere piegato, ma crollata nella forma che aveva quando avvolto intorno alla testa.
Tutto ciò che la condizione dei graveclothes indicato era che il corpo di Gesù non era stato rubato dai ladri. Chi era venuto a rimuovere il corpo (se le autorità o chiunque altro) non si sarebbero preoccupati di scartarlo prima di portarlo fuori. E anche se si potrebbe immaginare che avevano (forse in cerca di oggetti di valore come anelli o gioielli ancora indossati dal cadavere), avrebbero certamente non si sono preoccupati di prendere tempo per arrotolare il facecloth e lasciare gli altri involucri in modo ordinato!
Dopo Peter è andato avanti ed entrò nel sepolcro, il discepolo prediletto, che era arrivato per primo, è entrato anche. Quando vide le bende nella condizione descritta nel versetto precedente, vide e credette. Cos’è che Discepolo Amato ha creduto (dal v. 7 descrive ciò che ha visto)? l’evangelista ci vuole a capire che quando il discepolo prediletto entrò nel sepolcro dopo Pietro e vide lo stato delle graveclothes, credeva nella risurrezione, cioè, che Gesù era risorto dai morti.
Se fosse solo una resurrezione spirituale, allora, cosa è successo al corpo? Qualcuno ha scoperto e ottenere la custodia di uno dei resti di Gesù? La storia mostra c’era un corpo lì e scomparve. Nessuno era in grado di produrre il corpo né smentire la risurrezione.
Di per sé, la tradizione della « tomba vuota » non prova nulla. Ma quando legato alle apparenze del Cristo risorto, è conferma della risurrezione (cf. CCC 640). Infatti, le apparizioni personali di Cristo dopo la Sua risurrezione sono un’altra prova storica schiacciante. Le donne ed i discepoli videro, sentirono, e anche toccato il Signore. Infatti, 500 fratelli lo videro in una sola volta (1 Cor. 15:06). Inoltre, il Signore risorto anche mangiato con loro per due volte come riportato dal Vangelo.
Vangelo di oggi narrazione è circa l’apparizione di Gesù ai due discepoli sulla strada di Emmaus. I due discepoli che erano in cammino verso Emmaus venuti da Gerusalemme dove Gesù fu arrestato, imprigionato, punito, crocifisso e morto sulla croce. Ci erano pieni di dolore, dolore, paura, disperazione e disillusione per la morte di Gesù, che consideravano di essere il Messia promesso che li ha liberati dal dominio e l’oppressione dell’Impero Romano. Fu in questo momento di crisi, quando Gesù apparve improvvisamente e si unì a loro nel loro cammino verso Emmaus.
Mentre erano in cammino verso Emmaus, Gesù spiegò loro che tutto quello che era successo (passione, morte e risurrezione di Gesù) nella vita di Gesù è un adempimento di profezie bibliche e in conformità con le Scritture. Siero di latte hanno raggiunto il posto, hanno invitato Gesù a stare con loro, perché si fa sera e il giorno è quasi finita. Così Gesù entrò per rimanere con loro. Lì per lì mentre era con loro a tavola prese il pane, lo spezzò e lo diede loro. Con che aprirono loro gli occhi e lo riconobbero, ma lui sparì dalla loro vista.
I discepoli cuori bruciavano dentro quando Gesù parlò loro sulla strada e gli occhi erano solo completamente aperto e riconosciuto il Signore durante la frazione del pane. E ‘stato durante la frazione del pane che i discepoli tristezza, la paura, la disperazione e la lentezza di comprensione si trasformano in gioia, senza paura ed entusiasta impegno verso la persona, la vita, le opere e la missione di Gesù. Infatti, il Cristo risorto è presente e riconosciuta quando le Scritture viene proclamato, quando il pane è rotto.
Il viaggio dei due discepoli verso Emmaus è, in un primo momento, un percorso di dolore, il dolore, la paura e la disperazione. Ma quando riconobbero Gesù, il Signore risorto, attraverso la rottura della parola e spezzare il pane del cammino verso Emmaus è un viaggio di incontrare, scoprire e accogliere il Signore risorto nei loro cuori nella fede. Diventa un viaggio dal dolore alla gioia, dalla paura al coraggio, dall’ignoranza alla fede, dalla disperazione alla speranza.
Gesù aveva con i suoi discepoli tutta la strada, e non hanno riconoscerlo. Non è questa la nostra vita troppo. Non riusciamo a riconoscere quanto vicino il Signore è per noi tutto il tempo. Forse non abbiamo nemmeno lo riconosciamo nello spezzare del Pane, l’Eucaristia e la rottura della Parola. Forse non abbiamo nemmeno lo riconosciamo nella persona del sacerdote e le persone intorno a noi, soprattutto i poveri, i bisognosi e sofferenti. Forse non abbiamo nemmeno lo riconosciamo nel Pane che mangiamo durante la comunione e il Santissimo Sacramento all’interno del Tabernacolo.
Ogni volta che celebriamo il sacrificio eucaristico del corpo e del sangue di Cristo, che affidò alla Chiesa di perpetuare il suo sacrificio salvifico sulla croce e per applicare i frutti della redenzione di tutti gli uomini e le donne di tutte le età e di tutte le nazioni, chiediamo a Dio di aprire i nostri occhi in modo che possiamo essere in grado di riconoscerlo nella persona del sacerdote, nelle parole di essere proclamata, nel pane eucaristico e il vino in particolare durante l’elevazione del corpo e del sangue di Cristo, la comunione, ora santa e l’adorazione eucaristica, e, infine, nel nostro prossimo specialmente nei poveri, i bisognosi e sofferenti.
Poi dobbiamo anche esercitare tutti i nostri sforzi per rendere la nostra celebrazione eucaristica attiva, consapevole e completo, al fine di renderla significativa e fruttuosa nella misura in cui saremo nutriti, rafforzati e autorizzata dalle parole di Dio e l’Eucaristia, che è un memoriale della sua morte e risurrezione: sacramento di pietà, segno di unità, vincolo di carità, convito pasquale ‘in cui Cristo si consuma, la mente è piena di grazia, e un pegno della gloria futura ci è dato « ( SC 47).

Vous pouvez répondre, ou faire un trackback depuis votre site.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01