SECONDA LETTURA – ROMANI 1, 1-7 – DOMENICA 22 DICEMBRE: MARIE NOËLLE COMMENTA THABUT

http://translate.google.com/translate?u=http%3A%2F%2Fwww.eglise.catholique.fr%2Ffoi-et-vie-chretienne%2Fcommentaires-de-marie-noelle-thabut.html&hl=en&langpair=auto|it&tbb=1&ie=ISO-8859-15

SECONDA LETTURA – ROMANI 1, 1-7 – DOMENICA 22 DICEMBRE: MARIE NOËLLE COMMENTA THABUT

(traduzione dal francese, gadget di Chrome)

Queste sono le prime parole che Paolo rivolgeva ai Romani, in poche righe, abbiamo già la sintesi della fede cristiana: le promesse di Dio nella Scrittura, il mistero di Cristo, la sua nascita e resurrezione , libere elezioni popolo santo, e la missione della Apostoli ai Gentili. Ho semplicemente vi offro una lettura successiva.

Parlando ad una comunità cristiana che non ha mai incontrato, Paolo presenta: il titolo è duplice « servo di Gesù Cristo » e  » apostolo « vuol dire in qualche modo mandato, si atti unico servizio ordinato: questa è la fonte di tutta la sua audacia.

Per inciso, si noti il ??titolo dato a Gesù « Cristo », da sola, è una professione di fede. Noi diciamo « Gesù » o diciamo « Cristo » è la stessa cosa, dopo duemila anni di fede cristiana, questo è normale, ma i suoi contemporanei erano la differenza, « Gesù » è un nome che significa che qualcuno, « Cristo » è un titolo dal « Cristo » significa  » Messia « è semplicemente la traduzione greca della parola ebraica » Messia « . Dire Gesù Cristo è già dire tutto della fede cristiana: Gesù di Nazareth è il Messia .

Paolo continua: « Fatta eccezione per la Buona Novella » di fare bene, sarebbe invertire la formula: la Buona Novella è di annunciare che il nuovo è buono! Annunciare che è il piano di Dio, il piano di Dio è benevolo, vorrei dire « il proposito di Dio è che benevolo », essere cristiano è semplicemente quello di annunciare due cose: in primo luogo che l’ Il piano di Dio è soltanto benevolo e in secondo luogo si è fatto in Gesù Cristo. Questo è esattamente ciò che Paolo fa in queste poche righe.

Lasciate che il testo: « Questa buona notizia, Dio aveva già promesso dai suoi profeti nelle Sacre Scritture: « Credo fermamente che nulla può capire il Vangelo e tutto il Nuovo Testamento se don ‘ è intrisa con l’Antico Testamento: i due sono indissolubilmente associati; piano di Dio è previsto fin dagli albori del mondo, e sta gradualmente Dio rivelato al suo popolo per bocca del suo profeti .

« E questo vangelo riguardo al Figlio suo, » ha detto Paul significa la parola « merito » in un senso molto più forte che impiega oggi. Per Paolo, Gesù Cristo è sempre stata al centro del progetto di Dio quando parla dello scopo benevolo nella sua lettera agli Efesini, dice che « Dio ha deciso in anticipo se stesso a svolgere il loro tempo compimento « , vale a dire, sempre e fin dall’inizio del mondo, Dio ha il suo disegno di radunare tutti gli uomini uniti in Gesù Cristo.

« Secondo la carne, è nato dalla stirpe di Davide »: è un uomo, un membro del popolo eletto, un discendente di Davide, egli soddisfa le condizioni per essere il Messia . « Nello Spirito che santifica, è stato stabilito in suo potere per il Figlio di Dio con la sua risurrezione dai morti « tradizionalmente il titolo di Figlio di Dio è stata data a ciascun giorno il re della sua incoronazione, per Gesù Cristo è il giorno della sua resurrezione che Dio ha incoronato come re della nuova umanità. Per Paolo, la risurrezione di Cristo è veramente l’evento che sconvolge il mondo intero.

Curiosamente, Paolo non parla della morte di Cristo, ma solo della sua risurrezione : sappiamo che è per lui il primo articolo di fede. « Se Gesù Cristo non è risorto, la nostra fede è vuota », ha detto ai Corinzi (1 Cor 15, 14). Questa è la risurrezione di Cristo, che Paolo annuncerà ovunque « Per il nome di Gesù Cristo essere onorato », come dice lui. Qui troviamo la bella forma della lettera ai Filippesi: « Dio l’ha esaltato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni altro nome », anche sentire il nome del Signore che è stato riservato a Dio e, ora è attribuito a Gesù stesso.

E ‘ »per portare l’obbedienza della fede tutti i Gentili ». Formula Curious oggi per il nostro sfavorevole a qualcosa di simile obbedienza mentalità. Ma per Paolo, impregnata con l’Antico Testamento e scoperte progressive, che ha reso gli uomini della Bibbia , la parola « obbedienza » non è servilismo, abbassando, significa che l’audizione fiducioso di chi sa sicuro e può quindi seguire il consiglio dato a lui, è la filiale atteggiamento per eccellenza. « Portare l’obbedienza della fede tutti i Gentili » è il loro buona novella: quando hanno capito che la buona notizia è che si può tranquillamente mettere l’orecchio a questa parola d’amore del Padre .

Paolo conclude con un desiderio molto comune in lui, questo è il meglio che possiamo fare a qualcuno augurio: « Che la grazia e la pace sia con tutti voi, da Dio nostro Padre e Gesù Cristo nostro Signore « . Come sempre sappiamo che questi desideri del congiuntivo (la grazia e la pace sia con voi) non si assumono che Dio non ci ha potuto dare la sua grazia e la pace attraverso la pace e siamo sempre disponibili da Dio, ma siamo liberi non ammessi: congiuntivo detto la nostra libertà.

Paul si limita a ripetere qui la bella formula Libro dei Numeri (No. 6, 24-26): « Che il Signore ti benedica e ti protegga, che fa splendere il suo volto su di te, l’Eterno, il suo volto, che si prende in con te e ti conceda pace « .

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01