DIMANCHE 7 AVRIL : COMMENTAIRES DE MARIE NOËLLE THABUT – SECONDA LETTURA – Apocalisse 1, 9…19

http://www.eglise.catholique.fr/foi-et-vie-chretienne/commentaires-de-marie-noelle-thabut.html

(è una traduzione Google dal francese, l’autrice del commento  interpreta le letture, per me, in modo magistrale, la traduzione non è perfetta naturalmente, ma si capisce)

DIMANCHE 7 AVRIL : COMMENTAIRES DE MARIE NOËLLE THABUT

SECONDA LETTURA  – Apocalisse 1, 9…19

Per sei domeniche consecutive, leggeremo la seconda lettura di brani dell’Apocalisse di San Giovanni è una possibilità che possiamo fare un po ‘di conoscenza con uno dei testi più accattivanti del libro del Nuovo Testamento difficile A prima vista, ci vuole impegno ma ci sarà presto ricompensata. Oggi, quindi, il primo contatto. L ‘ »Apocalisse » parola deriva dal greco significa « rivelazione », « svelando » il significato di « togliere il velo » è per Jean a rivelarci il mistero della storia del mondo, mistero nascosto dai nostri occhi . Perché che ci rivela ciò che i nostri occhi non possono vedere spontaneamente, il libro prende la forma di visioni, ad esempio, il verbo « vedere » è usato cinque volte nel singolo passaggio di oggi!
 La parola « apocalisse » purtroppo non è stato così fortunato: è quasi diventato uno spaventapasseri, che è la peggiore sciocchezza! Perché, a suo modo, l’Apocalisse, come tutti gli altri libri della Bibbia, Buona Novella. In tutta la Bibbia, nell’Antico Testamento è la rivelazione del mistero della « volontà di Dio » (come indicato nella Lettera agli Efesini), il progetto di amore di Dio per l’umanità. Le Apocalissi sono un particolare genere letterario, ma come tutti gli altri libri della Bibbia, non hanno altro messaggio che l’amore di Dio e la vittoria finale di amore su tutte le forme di male. Se non siamo convinti di questo, aprendo le Apocalissi, in particolare quella di Giovanni, meglio non aprire! Possiamo leggerli attraverso!
 Qual è una delle difficoltà di questo genere, è fantastico e visioni spesso difficili da decifrare, almeno per noi. C’è tutto: non è stato difficile per i destinatari, è difficile per noi che non sono più nella loro situazione. Perché parlare in forma di visioni? Perché non parlare chiaramente? Sarebbe molto più facile … non esattamente, l’Apocalisse di San Giovanni, come tutti i libri dello stesso genere (ci sono stati diversi apocalissi scritte da diversi autori tra il II secolo aC. aC e il II secolo dC.), è scritto in tempo persecuzione, abbiamo letto qui: « Io, Giovanni, vostro fratello e compagno nella persecuzione … Sono stato sull’isola di Patmos a causa della parola di Dio e la testimonianza di Gesù. « A Patmos, Giovanni non fa turismo, fu esiliato.
 Perché siamo in mezzo alle persecuzioni, un Apocalisse è scritta sotto il mantello che scorre verso il morale delle truppe e il tema principale è la vittoria di coloro che sono attualmente oppressi. Discorso, in fondo, è: a quanto pare si sono sconfitti, si crash, vi perseguiteranno, si elimina, e vi perseguiteranno sono fiorenti, ma non perdetevi d’animo, Cristo ha vinto il mondo: sguardo, riesce a conquistare . Egli ha vinto la morte. Le forze del male non può fare nulla contro di te, sono già sconfitti. Il vero re è Cristo, questo, Giovanni dice nella prima frase: « Io, Giovanni, vostro fratello e compagno nella persecuzione, regno, e la resistenza con Gesù. ‘
 Ovviamente, un tale discorso non può essere troppo esplicito, in quanto il pericolo è bello vedere lo afferrò per il persecutore, in modo da raccontare storie di un altro tempo e visioni fantasmagoriche, tutto ciò che serve a scoraggiare la lettura per chi non lo sapesse. Ad esempio, san Giovanni dice tutto il male possibile di Babilonia, che lui chiama « la grande prostituta ». Per coloro che possono leggere tra le righe, è naturalmente Roma. Ogni Apocalisse è un messaggio: le forze del male si scatena, non prevarranno!
 Questo è ciò che spiega la contraddizione triste che siamo spesso l ‘ »Apocalisse » parola perché ci sono in realtà una descrizione del male scatenato, ma c’è molto di più per l’annuncio della vittoria di Dio e coloro che sarà fedele.
 Torno l’Apocalisse di San Giovanni: dal momento che è parte del Nuovo Testamento, il suo personaggio principale è, ovviamente, Gesù Cristo è al centro di tutte le visioni.
 Nel leggere questa Domenica, la vittoria di Cristo è presentato in una grande visione: si tratta di una Domenica, troppo, questo è il giorno in cui si celebra la Resurrezione di Cristo. John rivivere la stampa come una nuova Pentecoste: una voce potente, come di tromba, il soffio dello Spirito … prima … in mezzo ai sette candelabri d’oro, un essere di luce appare a lui, un « figlio dell’uomo » nel vocabolario del Nuovo Testamento, il figlio dell’uomo è un’espressione per dire che il Messia per Jean questo non è un ombra di dubbio, questo è il Cristo. Poi, improvvisamente messo ogni uomo alla presenza di Dio, Giovanni cadde ai suoi piedi e sente « Non temere » … e sente le parole di vittoria: « Io sono » (il nome di Dio) … « Io sono il Primo e l’Ultimo … Io sono vivo … la morte vittoriosa … Tengo le chiavi della morte e sopra gli inferi. ‘
 E come sempre, questo tipo di visione è una vocazione, una missione al servizio dei suoi fratelli: « Scrivi quello che avete visto … « Presenza di incoraggerà i vostri fratelli in passato, il presente e il futuro appartiene a me: sentiamo echeggiare qui la promessa di Cristo: » Chi crede in me, anche se muore, vivrà « (Gv 11, 25).
 ———————–
 Nota
1 – Gli studiosi concordano sul fatto che l’Apocalisse di Giovanni è stato scritto durante il regno dell’imperatore Domiziano (81-96). Ma l’imperatore non era impegnato in una persecuzione sistematica dei cristiani. Il clima di insicurezza in cui la comunità vive di Giovanni può provenire da una parte delle esigenze del culto imperiale promossa da Domiziano e in secondo luogo l’opposizione degli ebrei è rimasto refrattario al cristianesimo. Questo è ciò che appare dalle lettere alle sette chiese.

 Complementi
 Nell’Antico Testamento, il messaggio del libro di Daniele era una sorta di scrittura apocalittica circa 165 aC per incoraggiare i suoi fratelli perseguitati dal re greco Antioco Epifane, Daniel non ha attaccato direttamente il problema: ha raccontato le gesta eroiche svolte da fedeli ebrei sotto Nabucodonosor persecuzione quattrocento anni prima, era che una lezione di storia, a quanto pare, ma chi poteva leggere tra le righe, il messaggio era chiaro.
 Lo stile del testo di esempio « apocalittico » nella storia recente: il tempo della dominazione russa della Cecoslovacchia, una giovane attrice ceca ha scritto e suonato molte volte nel suo paese un pezzo su Giovanna d’Arco: francamente l’ Giovanna d’Arco contrafforte gli inglesi di Francia nel XV secolo non era la preoccupazione principale di cechi e se lo script è caduto nelle mani della potenza occupante, non era troppo compromettente, ma che sapeva leggere tra le righe, il messaggio era chiaro: che la ragazza di diciannove anni è stato in grado, con l’aiuto di Dio, possiamo anche.

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01