CARLO MARIA MARTINI: TITOLO ORIGINALE: PAOLO NEL VIVO DEL MINISTERO (2Cor)

http://www.atma-o-jibon.org/english/martini_paul_ministry1.htm

(traduzione Google dall’inglese, è complicato tradurre dall’inglese! lascio a voi la traduzione di qualche parola… strana)

CARLO MARIA MARTINI

PAUL IN THE THICK OF HIS MINISTRY

ST PAUL PUBLICATIONS
TITOLO ORIGINALE: PAOLO NEL VIVO DEL MINISTERO, ANCORA, 1989
TRADOTTO DA QUELLO ITALIANO DA DINAH LIVINGSTONE

1. SOFFERENZA E COMFORT
In mezzo alla routine quotidiana
Risonanze della Seconda Lettera ai Corinzi
La lettura e la meditazione, il 2 Cor 1, :3-5
Comfort per le sofferenze
Metti alla prova  La lettura e la meditazione, il 2 Cor 1, :6-11
Comodità Apostolica
L’afflizione mortale
Un rapporto umano

PREFAZIONE
Il nucleo di queste riflessioni è lo studio di brani dalla Seconda Lettera ai Corinzi, in cui troviamo Paolo nel bel mezzo del suo ministero. « Qui troviamo Paolo nel duro slog del suo ministero. Dopo venti anni di esso, durante la quale ha passato attraverso tante prove, delusioni e difficoltà, parla come un servitore del Vangelo in mezzo alla routine quotidiana. » L’approccio crea collegamenti immediati con il suo pubblico, nel nostro caso erano giovani sacerdoti che lavorano in situazioni pastorali che richiedono un grande dispendio di energia per far fronte a tutti i tipi di problemi e difficoltà. Di qui le riflessioni del Cardinale sarà anche di interesse per chiunque altro lavora nel servizio del Vangelo e per questo abbiamo deciso di metterli a disposizione del pubblico.
Mentre andiamo più in profondità nel testo biblico ci viene mostrata la forza irrompente del Verbo. Questo è l’unico modo per descrivere l’approccio ad un passaggio che in un primo momento sembra trasmettere solo le sofferenze e le incomprensioni della vita dell’Apostolo, ma in realtà apre orizzonti inaspettati. Per esempio ci viene ricordato che per il servo del Vangelo disposti ad essere messa alla prova, il comfort viene dalla sofferenza. O in un altro paziente passo far fronte alle difficoltà di molte relazioni e varia dell’Apostolo dà origine a un’esperienza speciale e più maturo della paternità spirituale (vedi le meditazioni prima e la seconda).
A volte è il testo biblico in sé che suggerisce un orizzonte diverso. Parlando di un ministero « dello Spirito », che è superiore a quello della legge e descrivendolo come intrinsecamente un ministero di « riconciliazione », Paul introduce nuove prospettive. La devozione alla Parola che modella il nostro quotidiano servizio alla comunità offre il ministro con gli obiettivi precedentemente inimmaginabili al di là delle sue aspettative (meditazione terzo e quarto).
Infine, l’atmosfera familiare in cui le riunioni tra l’Arcivescovo ei sacerdoti giovani ha avuto luogo 100 a una forma ancora più immediato di comunicazione, negli ultimi due meditazioni. Il primo di questi riflette realisticamente su come consolidare i rapporti con coloro con i quali condividiamo l’opera di predicare il Vangelo in una comunità. La seconda è particolarmente preoccupato di come la vita frammentata di un pastore può ancora mantenere un rapporto profondo con Dio preghiera andare.
Così ci viene dato una buona immagine della vita del pastore servire il Vangelo nella comunità cristiana e aiutare a crescere nella fede. Ci viene mostrata la ricchezza e le possibilità in questa vita, anche se alcuni giorni può essere irto di « sofferenze » e « incomprensioni ».
Franco Brovelli
29 Giugno 1989
Festa dei Santi Pietro e Paolo

1 SOFFERENZA E COMFORT                                                   
« Donaci, Signore, per iniziare la nostra giornata ai tuoi occhi, per capire il vostro piano per noi. Donaci una visione ampia di ciò che chiamate a noi, in modo che possiamo cogliere ogni cosa che accade ai nostri giorni, nel contesto del mistero di amore per l’umanità.
Donaci, o Padre, per capire Cristo, centro della nostra vita e del lavoro pastorale « .

IN MEZZO ALLA ROUTINE QUOTIDIANA
Abbiamo preso Seconda lettera di Paolo ai Corinzi come testo di meditazione per il nostro ritiro. Ho riflettuto su di esso per molti anni e sono molto legato ad esso, perché ci mostra Paolo in mezzo del suo ministero. L’Apostolo non è sognare ad occhi aperti, lui non si fa illusioni, come ad esempio potremmo avere nei nostri anni di seminario, quando ci crea fantasie sul nostro futuro ministero. In questo testo troviamo Paolo nel duro slog del suo ministero. Dopo venti anni di esso, durante la quale ha passato attraverso tante prove, delusioni e difficoltà, parla come un servitore del Vangelo in mezzo alla routine quotidiana. Così ci sentiamo lui è molto dose a noi.
Mentre sta scrivendo la lettera di Paolo sta vivendo tre studi principali.
Il primo è sentirsi respinto dalla maggior parte dei suoi fratelli e sorelle ebrei. Pensava che prima intenzione di Gesù ‘è stato quello di dargli con la missione di predicare agli ebrei, come faceva quando andava di città in città predicazione nelle sinagoghe. Immaginò che, nonostante le difficoltà inevitabili, gli ebrei avrebbe capito, ma questo si è rivelato un’illusione e la sua missione a loro non è riuscito. Nella sua lettera ai Romani, datato a circa questo brina, troviamo che ha ancora qualche speranza, ma si sta rassegnarsi al fatto che una rottura è venuto, che lo porta dolore enorme. Nel nostro testo, è facile vedere che questa è stata la prima grande delusione del suo ministero: coloro a cui il Verbo è stato affrontato non rispondono. Per le sofferenze di Paolo si aggiungono le domande: Ma perché Dio ha permesso? Perché le cose accadono in questo modo? Perché la Parola ricevuta da coloro ai quali è stato direttamente e principalmente rivolta?
Questa prova mi ricorda l’angoscia espressa dal cardinale Montini alla alienazione del c1ass di lavoro, il golfo – lo chiamava – che si era creata tra la Chiesa e il mondo della gente comune, che avrebbero dovuto essere i primi ad avere il Vangelo predicato loro.
La seconda prova è sorta dalle dispute interne nelle comunità. L’Apostolo sognato di comunità unite, armoniose, entusiasta e unanime. Invece, la sua amara esperienza – già espresso nella sua prima lettera ai Corinzi, ma qui raggiunge il suo picco – è quello di trovare comunità in cui ci sono molti gravi spaccature. Non solo controversie interne, ma anche opinioni diverse su di lui.
Così la Seconda Lettera ai Corinzi è scritto per chiarire malintesi, mancanza di fiducia e pregiudizi su di lui nella comunità.
La terza prova è interno. Paolo si riferisce ad esso con discrezione, ma chiaramente. E ‘difficile capire che cosa queste sofferenze potrebbero essere. Tenendo conto temperamento di Paolo possiamo immaginare stati d’animo alto e basso, l’entusiasmo alternati a depressione, stanchezza, la noia con il superlavoro ministero,.
La Seconda Lettera ai Corinzi perché porta a noi questi tre studi l’Apostolo sta vivendo sembra più simile a noi e un testo utile per riflettere su durante una pausa nel nostro ministero. Il vostro ministero e la mia. Ognuno di noi ha problemi nella nostra vita ed è importante cercare il modo giusto di trattare con loro. Dire che Paolo è nel bel mezzo del suo ministero significa non solo nel bel mezzo di attività, ma anche di sofferenze.
Quando stavo pensando a questo incontro ho ascoltato di nuovo la lettera e certe cose emerse che io suggerisco a voi in due periodi di lettura della Bibbia. Suggerisco che nel tempo libero di leggere tutta questa lettera fino, al fine di cogliere l’intensità dei sentimenti Paul ‘s.

RISONANZE DELLA SECONDA LETTERA AI CORINZI
Tre stavano le cose quando ho letto tutta la lettera:
1. In primo luogo mi ha colpito l’estrema fiducia nel suo carisma espresso da Paolo in tutto.
In contrasto con le situazioni difficili che abbiamo citato, troviamo un uomo che è assolutamente certo che tutto intorno a lui può rompere, ma non il suo carisma. Anche quando dà sfogo alle sue sofferenze con più forza, emerge assolutamente certo del carisma che è stato dato a lui, la sua vocazione, la sua missione come un dono dello Spirito Santo. Alla luce di questo dono dello Spirito Santo, giudica tutto il resto e, in mezzo ai suoi studi il suo carisma diventa ancora più autentico e radiosa.
Questo è impressionante, perché i suoi guai avrebbe potuto fare lo indeboliscono e diventano paura. Avrebbero potuto si chiese: E ‘davvero questo il mio carisma? E ‘così forte? Devo affidati a l’ultimo?
Fede di Paolo nel suo carisma dà anche la forza per noi. Posso dire che ho spesso riacquistato la mia fede nel mio carisma, come sacerdote e vescovo, ruotando le parole di Paolo ‘s in questa lettera.
Tutto ciò che può fare a meno, ma il carisma rimane sicuro, come Paolo scrive nella Lettera ai Romani: « Chi ci separerà dall’amore di Cristo? » (Rm 8,35). Possiamo soffrire mali interni ed esterni, tante cose può fare a meno, ma niente può separarci dall’amore di Dio che è in Cristo Gesù, nostro Signore, che mi ha scelto e mi ha chiamato.
2. Questa fede forte nella sua carisma persiste in umili, circostanze oscure e dolorose. Anche se ci sono circostanze, per confortare l’Apostolo, nel complesso la situazione è difficile. La sua missione è solo di arrivare a poche persone. Paul sperava di raggiungere un gran numero (almeno il popolo ebraico). Invece è solo raggiungere le comunità di piccole dimensioni con scarso effetto sull’opinione pubblica. Queste condizioni umili, oscuro e doloroso portare problemi quotidiani: malizia persone ‘s, incostanza, il tradimento degli amici, macchinazioni, decidendo che sono vere e che sono falsi apostoli, in un miscuglio di dottrine e rivendicazioni.
Tali circostanze, che normalmente hanno causato confusione, tristezza e sgomento, sono in contrasto con la sua forte fede nel suo carisma: tutto può fallire, ma non questa certezza.
3. Da molte pagine della lettera si nota che tutto questo sta accadendo, mentre al tempo stesso si sente un amore incrollabile per la sua comunità. Vediamo che le persone che sono piuttosto scortese e ostile a Paolo sono costantemente amato teneramente e in modo costruttivo. La comunità ha cercato di spingerlo fuori, di diffamare il suo nome, e lui sta lottando per presentarsi come un padre amorevole che non è né indignata, né amaro. Saluta la sua comunità con autorità e con affetto quasi violento.
C’è qualcosa di straordinario in amore Paul ‘s se si considera quanto sia facile si può chiudere se non sono i benvenuti, o solo da alcuni, mentre altri restano freddi, critica e riservato.
Nella lettera ci sentiamo sofferenza Paul ‘s, ma non troviamo una sola frase che può essere chiamato il ritiro. Infatti questa lettera è la medicina per l’apostolo nella sua difficoltà. È nutrimento, un tonico, perché le sue parole sono piene di forza. E per chi crede che provengono dallo Spirito Santo sono così apposita, ma anche ripristinare la nostra fiducia in noi stessi, il nostro ministero. Ci aiutano a mantenere una visione ampia in mezzo brutte piccole circostanze, e continuare ad amare nonostante tutto.
Si tratta di tre punti per lei a riflettere nella vostra rilettura o ri-audizione della lettera. Ho ascoltato di nuovo a chiedermi alla seguente domanda: come fa Paul affrontare le prove del suo ministero e come faccio a far fronte a situazioni come la sua? Questa domanda fa la lettera molto importante per noi.

LETTURA E LA MEDITAZIONE 2 COR 1:3-5
Con i punti di cui sopra in mente dobbiamo ora cominciare a leggere la prima pagina di questa lettera:
Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio, e il fratello Timoteo.
Alla chiesa di Dio che è in Corinto, con tutti i santi che sono in tutta l’Acaia. [Quindi la lettera è scritta in una parrocchia, Corinto, una grande parrocchia urbana e anche a tutti coloro che non nella regione circostante.]
Grazia a voi e pace da Dio Padre nostro e dal Signore Gesù Cristo.
Benedetto sia il Dio e Padre del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre delle misericordie e il Dio di ogni consolazione, il quale ci consola in ogni nostra tribolazione, perché possiamo anche noi consolare quelli che si trovano in qualsiasi genere di afflizione, con la consolazione con che noi stessi siamo consolati da Dio. Infatti, come abbondano le sofferenze di Cristo, così per mezzo di Cristo che condividiamo abundant1y anche la nostra consolazione. Quando siamo tribolati, è per la vostra consolazione e salvezza, e se siamo consolati, è per il vostro comfort, che si verificano quando si pazientemente sopportare le medesime sofferenze che soffriamo. La nostra speranza per voi è incrollabile, perché sappiamo che, come siete partecipi delle sofferenze, sarà anche condividere la nostra comodità.
Infatti, noi non vogliamo che tu sia ignorante, fratelli, di afflizione che abbiamo vissuto in Asia, perché eravamo così completamente, insopportabilmente schiacciato da giungere a disperare della vita stessa. Perché, ci siamo sentiti che avevamo ricevuto la sentenza di morte, ma che era per non farci affidamento su noi stessi, ma in Dio che risuscita i morti, ci ha liberato da un pericolo così mortale, ed egli ci libererà, su di lui ci sono posto la nostra speranza che ci libererà ancora. È inoltre necessario aiutarci con la preghiera, in modo che molti ringraziare per nostro conto per le benedizioni che ci ha concesso in risposta alle molte preghiere.

COMFORT PER LE SOFFERENZE
Quindi, quale titolo possiamo dare a questa sezione nel suo complesso? L’edizione Bibbia che sto usando è un eccellente: Sofferenza e comfort. Questo titolo parla da sé, perché non dice: La sofferenza e la gioia, che è la nostra esperienza ordinaria della vita. Nella nostra vita sperimentiamo sofferenze e le gioie, e cercare di trovare un equilibrio tra i due, perché non possiamo immaginare la vita di essere altro che gioia e non abbiamo potuto resistere se fosse nient’altro che sofferenza.
L’atteggiamento di Paolo è molto diverso, non cerca un equilibrio tra la sofferenza e la gioia, ma sperimenta la sofferenza e la comodità e dalla sofferenza. Penso che questa sia una visione rara del suo: non sofferenza e gioia, come elementi costitutivi della vita umana, ma la sofferenza e il comfort che viene dalle prove che sta vivendo.
Lo vediamo chiaramente nel testo: « Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre delle misericordie e Dio di ogni consolazione, il quale ci consola in ogni nostra tribolazione » (cfr vv 3-4). Non è una gioia generale ma un comfort che è nella sofferenza. E viene da dentro di esso. E il verso successivo ci porta ulteriormente in questa relazione tra la sofferenza e la comodità: « W parti e in abbondanza nella sofferenza di Cristo ‘s ». Non sono più di Paolo sofferenze, ma di Cristo, e abbiamo capito che l’Apostolo vive istintivamente le sue sofferenze non come un destino solitario personale, ma come sofferenze di Cristo in lui, perché si verificano all’interno del ministero che il Signore Gesù ha affidato a lui. In questo modo la sua vita è unita a quella di Cristo. Egli li chiama le sofferenze di Cristo in se stesso, perché la loro causa è che egli è entrato il ministero per amore del Signore.
E come tali sofferenze abbondano – sono molti e frequenti, non pochi e sporadici – « così per mezzo di Cristo abbondano anche la nostra consolazione » (v. 5). Vi è una stretta connessione tra la sofferenza di Gesù ‘in lui e la comodità per mezzo di Gesù in lui. Paolo trova il mistero della morte e risurrezione nelle prove personali e comunitarie. Per entrare nel mistero della morte, egli condivide anche abbondantemente nel mistero della risurrezione di Cristo, conforto e consolazione.

METTI ALLA PROVA
Passando a meditare sui versetti 3-5, possiamo chiederci: qual è la connessione tra la sofferenza e la comodità nel lavoro pastorale, che permette la comodità di entrare e dalla sofferenza?
Ciò significa che il comfort viene da essere messo alla prova. Comfort non è qualcosa di accessorio, o una ricompensa per la sofferenza. Si tratta in realtà di essere messo alla prova.
Quando siamo messi alla prova, siamo in grado di andare in esso fisicamente, anche psicologicamente e tuttavia non esistenzialmente. In questo modo ci dose di fuori dalla comodità di Cristo. Se non gioco la nostra stessa esistenza, non godere di comfort all’interno di sofferenza.
Si tratta di un fenomeno molto interessante, mi sento che succede a me e cerco di spiegarlo. Le prove del ministero sono vari: esaurimento fisico e nervoso, cattivo umore, la routine quotidiana, stati di ripugnanza, stati negativi in cui si voglia respingere persone e situazioni. Questi stati ci riguardano fisicamente e psicologicamente, eppure ci si può trattenere da loro, perché non li guardi in faccia, li nega, li abbiamo messi da parte, forse perché abbiamo paura che non possiamo affrontare apertamente. In un modo o nell’altro li consideriamo come effetti collaterali della nostra vita, che non dovrebbe accadere, e che sono più ri-assimilato inconsciamente. Si inietta una sorta di anestetico psicologico in queste prove.
Penso che spesso ci priva della forza che può ottenere di entrare in sofferenze di Cristo, perché di fronte a loro tratteniamo il fiato, la dose i nostri occhi, andare avanti lo stesso. Noi non li affrontare in preghiera o in una conversazione con Cristo. Noi non li prende in noi stessi e quindi le nostre prove rimangono come corpi estranei, non sono integrate nella nostra esperienza e quindi non può essere trasformato in comfort.
Ho incontrato molti consigli pastorali parrocchiali e trovo che sperimentano un bel po ‘di questi problemi, forse piccole divisioni interne, difficoltà nel loro rapporto con il parroco, in particolare tensione e pericolo in loro solitudine nella comunità nel suo insieme (la comunità non conoscerci, non ci apprezza, non dà valore il nostro lavoro). Tutto ciò sembra richiedere uno spirito missionario. In realtà io credo che sopportare queste prove con una certa insofferenza istintiva e inconscia, malumore, anche irritazione con se stessi e gli altri. Loro non li sopportano come test di Cristo ‘s, la sofferenza che Cristo e il cristiano deve affrontare, entrando in loro, prendendoli su di sé e poi sentire la forza di Cristo in loro. Perché se sono accettati in questo modo è molto più facile parlare liberamente e coraggiosamente su di loro, quasi imparziale, con il fuoco e la vita del Vangelo tipico di tono Paul ‘s proprio nella seconda Lettera ai Corinzi. L’Apostolo non si la colpa, non recrimina, non si blocca, come comunità fanno molti che sono anche buono e generoso e voglia di servire Cristo. Non hanno ancora capito quello che costano gli apostoli stessi un sacco di fatica a capire: che solo entrando in sofferenza e la croce di Cristo, possiamo condividere la sua comodità. Queste comunità sembrano assumere l’atteggiamento di Pietro: « Dio non voglia, Signore! » (Cfr Mt 16,22). Come può accadere questo? Non dovrebbe accadere. Non hanno raggiunto la seconda fase di Marco ‘s Vangelo, accogliendo Cristo’ s prove, di essere confortato per loro da lui con il suo conforto forte, con la grazia del conforto dello Spirito, che è solo versato quando queste prove sono ha accolto con favore.
Fin dall’inizio della lettera troviamo istruzioni eccellenti per la nostra vita quotidiana e che delle nostre comunità. I versetti 4 e 5, ci hanno offerto un primo pensiero: il conforto delle sofferenze di Cristo in noi. E ‘molto significativo che parla delle sofferenze di Cristo in noi, perché non si tratta di mie debolezze, i miei fallimenti, la mia personale sconfitte (ho pensato che ero un buon predicatore del Vangelo, un apostolo buona, un leader, e in circostanze dei fatti hanno dimostrato il torto, anche se ho ancora un paio di gioie!). Si tratta della sofferenza di Cristo in me e questo rende le cose un aspetto diverso. Capisco che la sofferenza è un modo in cui Cristo opera in me, e che è lui stesso che soffre la mia debolezza nelle difficoltà del ministero e dei problemi a relazionarsi con le persone.

LETTURA E LA MEDITAZIONE 2 COR 1: 6-11
I VERSETTI 6 E 7 DELLO STRESS PRIMO CAPITOLO CHE QUESTO CONFORTO È PER GLI ALTRI.
COMODITÀ APOSTOLICA
Il comfort apostolica generato dallo Spirito nella fedele servitore del Vangelo, il che significa così tanto, non è per se stesso. Questi non sono gioie che potremmo pensare come ricompensa per la sofferenza. E ‘il comfort apostolico per gli altri.
« Quando siamo tribolati, è per la vostra consolazione e salvezza, e se siamo confortati, è per la vostra consolazione » (v. 6).
Paolo vede questa sofferenza seguita da momenti luminosi come un aspetto del suo servizio. La sua afflizione è per gli altri, non è un incidente nel suo ministero, ma un ingrediente di esso. I fallimenti non sono semplicemente incidenti, ma gli ingredienti di istruzione, perché attraverso di loro, raggiungere Dio ‘s educazione e di lavoro d’amore.
Quindi, la comodità per gli altri. Nel versetto 7 ho letto qualcosa che mi ha fatto vergognare: « La nostra speranza per voi è incrollabile, perché sappiamo che, come siete partecipi delle sofferenze, sarà anche condividere la nostra comodità. »
Penso a certi incontri che a volte mi irritano, quando la gente è meschina e gretta perché sono chiuse in se stesse. Incontri straziante con alcuni consigli pastorali, perché non riescono a vedere i segni del Vangelo, o molto pochi di loro. E ‘tutto pesante farlo, frustrazione. Quanto è difficile tutto! Che cosa si deve fare?
Confrontando la mia tentazione con le parole di Paolo ‘s mi rendo conto che non sarei in grado di dire istintivamente: « La nostra speranza per voi è incrollabile, perché sappiamo che, come siete partecipi delle sofferenze, sarà anche condividere la nostra comodità. » Ha bisogno di una forte fede per vedere problemi e difficoltà nella comunità – blocchi, divisioni, pregiudizi – come una sofferenza che porta la libertà. Come riesco a dire a un gruppo di giovani che mi dicono i loro problemi, la mancanza di spirito nel loro gruppo, i loro fallimenti: « In ogni caso la mia speranza per voi è incrollabile, perché sappiamo che, come siete partecipi delle sofferenze , potrete anche condividere il nostro comfort.  »
Stiamo cercando di aiutare una comunità, un gruppo di giovani e questo tipo di lettura ci aiuta a dire queste cose a loro.

L’AFFLIZIONE MORTALE
I versetti 8 e 9 possono essere sottotitolato L’afflizione mortale « Io non voglio che tu sia ignorante, fratelli, della sofferenza che abbiamo vissuto in Asia, perché eravamo così completamente, insopportabilmente schiacciato da giungere a disperare della vita stessa ‘(v. 8 ).
Paolo rivela una crepa nella sua forza, che in altre pagine sembra così inespugnabile.
Ho già detto che in questa lettera Paolo esprime una forte fede nel suo carisma. Qui egli confessa che il processo ha subito in Asia (probabilmente causata dalla persecuzione, litigi, profonda delusione nella comunità, forse guasti temporanei in forza psicologica) lo fece « così completamente, insopportabilmente schiacciato da giungere a disperare della vita stessa ‘.
A volte anche noi possiamo sentire insopportabile schiacciato, oltre le nostre forze. Ma quando facciamo una vera analisi della situazione ci rendiamo conto che potrebbe essere peggio e che il Signore ci ha ancora risparmiato.
Ma anche se non arriva al punto di dire che siamo « assolutamente, insopportabilmente schiacciato » ci sarebbe allora come l’Apostolo « dubitare anche della vita ‘:. Che è, le cose non possono andare avanti, siamo finiti » W e sentire che abbiamo ricevuto la sentenza di morte, ma che è per non farci affidamento su noi stessi, ma Dio che risuscita i morti « (v. 9) Vediamo come il mistero pasquale non è un’astrazione per Paolo Dio che risuscita.. i morti salva anche me da una situazione senza via d’uscita, un vicolo cieco.
Dovremmo meditare ancora e ancora su questi versi alla presenza di Dio ‘s: Signore, qual è il senso della forza del carisma che mi hai dato?
Carisma Paul ‘s è in me attraverso l’imposizione delle mani. Non è un carisma di quelli che si pensa di avere e quindi seguire un certo percorso. Il nostro è un sicuro carisma apostolico, assolutamente garantiti dal gesto fisico della imposizione delle mani, e ci unisce alla grazia che era in Paolo. Grazia di Paul ‘s proprio è venuto a me attraverso l’imposizione delle mani apostoliche.

UN RAPPORTO UMANO
Il tema di versi 10 e 11 è la condivisione della comunità. Paolo dice: (se) ho superato questo momento che, lo confesso, era molto molto difficile (è) anche grazie a voi e le vostre preghiere. Continuate a pregare per me e ringrazio Dio per me.
Mi chiedo: ho mai avuto un rapporto di fiducia con la comunità? Avere uno mai arrivato al punto di dire: Pregate per me, perché mi trovo in una situazione molto difficile? Guarda, 1 era in una situazione molto difficile e l’ho superato grazie alla vostra preghiera e il sostegno?
Quando riusciamo ad avere questo tipo di rapporto, la comunità reagisce molto forte e scuote la loro idea del ministero in cui il ministro è o irraggiungibile e infallibile o criticato come infedele e incompetenti.
La comunità viene ripristinato un rapporto più umano. Il ministro ordinato, il servo di Dio, ha la sua grazia, ma anche la sua debolezza e il bisogno della preghiera. Ha bisogno di sentire che le persone sono unite nella sua lotta e gli sforzi.
Naturalmente è difficile trovare le parole giuste, soprattutto perché la comunità non è abituato a tale confessione e può essere scandalizzati. Ma perché? Non dovremmo essere confortato e rassicurato dal vescovo e il sacerdote? Immagine People ‘s del vescovo o il sacerdote è di qualcuno che mai vacilla mai, non dubita mai, ha problemi, che dovrebbero rassicurare gli altri. Se ha problemi, deve rivolgersi a Dio.
Naturalmente l’immagine opposta è anche sbagliato di un uomo che mostra debolezza ed esigente pietà. Quello di destra si trova da qualche parte tra i due: che la comunità dovrebbe condividere sofferenze del prete, così come il sacerdote partecipa in propria comunità l’.
Leggendo le parole di Paolo ci sono sbalordita per la sua apertura. « Egli ci ha liberato da un pericolo così letale e ci libererà, su di lui abbiamo posto la nostra speranza che ci libererà ancora » (v. 10).
Forse avrete notato che tutto diventa più facile quando questa situazione di sofferenza mortale assume la forma di sofferenza fisica, perché poi si riesce a parlare al riguardo e si ottenere immediatamente la simpatia della comunità. In effetti ci sono comunità che riconciliarsi con il loro pastore, quando diventa gravemente o addirittura mortalmente malato. Le persone si trasformano e la relazione diventa più umano.
Ricordo con commozione un esempio di grave sofferenza fisica in un Vescovo, che è morto recent1y: Filippo Franceschi, vescovo di Padova. Quando la comunità diocesana sentito sul suo stato di salute e ha chiesto di ricevere l’unzione degli infermi pubblicamente, davanti ai sacerdoti, una grande folla raccolte durante le celebrazioni Giovedì Santo, perché le persone erano molto al corrente dello stato loro pastore ‘s debole di salute e la sua sofferenza nella malattia. Si sentivano coinvolti con il loro vescovo. Il loro atteggiamento per lui è diventato più umano e più genuina, hanno smesso di criticare lui e chiedere tutto da lui.
Questo accade spesso. Naturalmente non dobbiamo lo accada, ma è un simbolo di quel rapporto più umano e genuino Paolo sta parlando qui. Ora dobbiamo riflettere su di esso in silenzio davanti a Dio chiedendo:
Signore, come faccio a reagire alle prove Paul ha avuto esperienza? Non riesco a dire lo stesso di lui. Mi sento lo stesso di lui? Quanto io sono di questo atteggiamento? Signore, dammi il conforto del tuo Spirito!

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01