Omelia (29-03-2011): Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette

dal sito:

http://www.lachiesa.it/calendario/omelie/pages/Detailed/21931.html

Omelia (29-03-2011)

Ileana Mortari – rito romano

Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette

La comunità degli uomini può reggersi solo sul perdono, la misericordia, la pietà. Dove queste cose sono assenti mai vi potrà essere vera umanità. Vi regneranno disumanità, crudeltà, malvagità, vendetta, faida, volontà di morte, uccisione, sterminio. Si può anche giungere al terrorismo che è il frutto estremo della perdita della nostra verità.
Senza perdono mai vi potrà essere la pace in un cuore. Esso si chiede e si offre. Chi lo chiede deve sempre offrirlo. Se noi lo chiediamo a Dio, dobbiamo sempre offrirlo ai nostri fratelli. È questa la condizione perché il perdono di Dio si riversi nella nostra vita e vi porti la pace. Nessuno si faccia illusione: la misura del perdono del Signore è data dal nostro perdono dei fratelli. Chi non perdona i fratelli, mai potrà essere perdonato da Dio. Perché è verità questa affermazione? Perché il perdono di Dio porta la pace totale nel cuore e chi è in guerra contro i suoi fratelli, attesta di non essere nella pace. Non è nella pace perché è privo del perdono del suo Dio.
Quando non si è in una pace cosmica, universale, totale è segno che Dio non abita nel nostro cuore con la sua presenza rinnovatrice e creatrice di santità. È segno che noi viviamo con Lui un rapporto solo religioso, non di fede. È manifestazione di un male in noi che impedisce al nostro Dio di abitare con la pienezza della sua grazia e verità. Dio che è sommo ed eterno amore è sempre respinto dall’odio, dalla cattiveria, dalla malvagità del cuore ed un cuore è sempre malvagio, spietato, crudele quando non dona il perdono ai suoi fratelli, quando non si riconcilia con loro.
Tutti i nostri comportamenti cattivi e malvagi nascono da un solo falso principio: pensiamo tutti che la Parola di Dio sia senza verità. Essa è detta, ma solo come voce che risuona nell’aria, simile al cinguettio di un uccello, un latrato di cane, un miagolio di un gatto. È voce, ma senza significato; è parola, ma senza contenuto; è Vangelo, ma senza verità in esso. Questo errore ci fa’ chiedere perdono a Dio e legalizza l’uccisione dei nostri fratelli. Ci fa credere in pace con Dio mentre si è nell’odio per il mondo.
Vergine Maria, Madre della Redenzione, facci persone di vera, retta, santa fede. Liberaci dalla religione iniqua. Angeli e Santi di Dio, insegnateci la verità del perdono.

Publié dans : OMELIE, PREDICHE E ☻☻☻ |le 28 mars, 2011 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01