commento a Qoelet (stralcio)

dal sito:

http://www.aclimilano.com/vitacristiana/documenti/liturgia/1_agosto_10_rm.pdf

1 agosto 2010 – XVIII Domenica tempo ordinario anno C
a cura di Marco Bonarini – gruppo “Vita cristiana” delle ACLI di Roma

Qoelet 1,2; 2,21-23

1,2 Vanità delle vanità, dice Qoèlet,
vanità delle vanità: tutto è vanità.
2,21 Chi ha lavorato con sapienza, con
scienza e con successo dovrà poi lasciare
la sua parte a un altro che non vi ha per
nulla faticato. Anche questo è vanità e un
grande male.
22 Infatti, quale profitto viene all’uomo da
tutta la sua fatica e dalle preoccupazioni
del suo cuore, con cui si affanna sotto il
sole? 23 Tutti i suoi giorni non sono che
dolori e fastidi penosi; neppure di notte il
suo cuore riposa. Anche questo è vanità!

Qoelet 1,2; 2,21-23

Il libro del Qoelet è una riflessione sapienziale sul senso della vita che, confrontata con la sua fine, la morte, sembra non fare distinzione tra i buoni e i malvagi. E’ un libro che vuole pprofondire il principio della sapienza tradizionale sulla retribuzione dell’agire degli uomini: il giusto viene premiato e il malvagio viene punito. Infatti la storia sembra smentire in modo piuttosto clamoroso questa affermazione, in quanto si vedono dei giusti soffrire e dei

malvagi prosperare. Il tema centrale del libro è che, davanti alla morte, tutto è come un soffio di vapore che si dissolve con l’alzarsi del sole (traduzione più letterale del vocabolo ebraico iniziale): esso non ha consistenza propria e si disperde nell’aria. Tuttavia occorre leggere bene il finale del libro che sottolinea come, anche di fronte alle ingiustizie che vediamo nella storia, l’importante è temere il Signore e osservare i comandamenti, perché Dio ne terrà conto al momento opportuno.

I tre versetti del cap. 2 sono armonizzati con l’evangelo. Vogliono sottolineare come di fronte alla morte, qualunque successo dell’intelligenza umana e il conseguente patrimonio accumulato, per buono che sia, andrà in eredità a uno che non vi ha faticato per niente. L’autore riconosce che la fatica dell’uomo, i suoi affanni quotidiani, che non lo fanno neanche dormire, non portano granché all’uomo, perché l’affaticarsi per il proprio lavoro è vanità, perché alla fine moriamo. Qoelet estremizza le situazioni fino al limite per mostrare gli aspetti problematici della vita e trarre da questi un insegnamento. Non lascia spazio a

scorciatoie o a negazioni della realtà, perché gli sta a cuore una capacità sapienziale di far fronte alla complessità e alle contraddizioni della vita, senza tuttavia farsi intrappolare nei ragionamenti che egli stesso sviluppa. Egli è ben consapevole dove vuole arrivare: moltiplicare le domande per aiutarci ad entrare nel mistero di Dio con più umiltà, così da poter accogliere la sapienza di vita che viene dal Signore.

 

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01