Omelia (21-12-2007) per domani 21 dicembre, lunedì

dal sito:

http://www.lachiesa.it/calendario/omelie/pages/Detailed/11373.html

Omelia (21-12-2007) 
Eremo San Biagio

Dalla Parola del giorno
Ora parla il mio diletto e mi dice: « Alzati, amica mia, mia bella, e vieni! Perché, ecco, l’inverno è passato, è cessata la pioggia, se n’è andata; i fiori sono apparsi nei campi, il tempo del canto è tornato e la voce della tortora ancora si fa sentire nella nostra campagna.

Come vivere questa Parola?
Tratta dal più alto canto d’amore che la Bibbia ci offra, questa pericope ci sollecita a una preparazione tutta interiore al Natale: memoria viva dell’Incarnazione del Verbo di Dio.
Lo Sposo (che nell’interpretazione dei Padri della Chiesa è Gesù) invita l’amata che è colui o colei che fa davvero un cammino spirituale. « Alzati! » è l’imperativo. « Il movimento più profondo del cantico è questo » dice A. Choraqui, attenendosi al testo ebraico « Loki-Iak ». Interessante è il fatto che questa espressione non significa solo « alzati », ma « parti verso te stessa ». Questo famoso studioso ebraico continua dicendo: « Lo Sposo vuole il risveglio dell’amata, una partenza che le consenta di ritrovare veramente se stessa, al centro dell’amore assoluto ».
Se si pensa al Vangelo odierno, dove alla voce di Maria gravida di Gesù, il bimbo di Elisabetta le sussulta nel grembo, si comprende ancora più profondamente l’invito di quell’alzati e va verso le profondità del tuo cuore, dove sei veramente te stesso, infinitamente amato e abitato da Dio.

Oggi, nella mia pausa contemplativa, lascerò risuonare in me la voce di Cristo Sposo, Amore assoluto:

« Alzati, va verso le profondità di te. Vivi più in profondità e meno, molto meno nelle contingenze di superficie. O meglio: compiendo anche i più piccoli compiti di ogni giorno, fallo con la consapevolezza che tu, al centro del cuore, sei abitato dall’Amore assoluto, da me. »

Parole di Sant’Agostino
O Signore, rivelami la tua scrittura. Ecco, la tua voce è la mia gioia. La tua parola è il desiderio mio oltre ogni desiderio. dammi ciò che amo. Tu sai che io amo: tu mi hai dato di amare. Non abbandonarmi, Signore. Non trascurare questo filo d’erba che ha sete di te. Quando scoprirò i segreti dei tuoi libri, allora ti loderà l’anima mia. 

Publié dans : OMELIE, PREDICHE E ☻☻☻ |le 20 décembre, 2009 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01