DOMENICA 15 MARZO 2009 – III DI QUARESIMA

DOMENICA 15 MARZO 2009 - III DI QUARESIMA dans BIBLE SERVICE (sito francese) 17%20REMBRANDT%201654%20JESUS%20CHASSANT%20LES%20VENDEURS

REMBRANDT 1654 JESUS CHASSANT LES VENDEURS

http://www.artbible.net/3JC/-Mat-21,12_Money_Changers_Marchands_du_temple/index3.html

DOMENICA 15 MARZO 2009 – III DI QUARESIMA

MESSA DEL GIORNO

LINK AL SITO MARANATHA PER TUTTE LE LETTURE DELLA MESSA:

http://www.maranatha.it/Festiv2/quaresB/QuarB3Page.htm

Seconda Lettura  1Cor 1,22-25
Fratelli, mentre i Giudei chiedono segni e i Greci cercano sapienza, noi invece annunciamo Cristo crocifisso: scandalo per i Giudei e stoltezza per i pagani; ma per coloro che sono chiamati, sia Giudei che Greci, Cristo è potenza di Dio e sapienza di Dio. Infatti ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e ciò che è debolezza di Dio è più forte degli uomini.

DAL SITO BIBLE SERVICE:

http://www.bible-service.net/site/376.html

1 Corinthiens 1,22-25 

Les chemins de Dieu surprennent nos attentes. À ceux qui le cherchent dans la raison et la beauté, il se révèle sous les traits défigurés du Crucifié. À ceux qui attendent des miracles, il montre un homme condamné. Pour les uns et les autres, le Christ est un scandale. Tel est bien pourtant le visage du Dieu sauveur : sa seule puissance, c’est la folie de la croix.
 
1Corinzi 1, 22-25

I cammini di Dio  sorprendono le nostre aspettative. A quelli che lo cercano nella ragione e nella bellezza, egli si rivela sotto i tratti sfigurati del Crocifisso. A quelli che attendono i miracoli, egli si mostra come un uomo condannato. Per gli uni e per gli altri il Cristo è uno scandalo. Tale è tuttavia il viso del Dio Salvatore: il suo solo potere (potenza) è la follia della croce.

dal sito:

http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/angelus/1997/documents/hf_jp-ii_ang_19970302_it.html

GIOVANNI PAOLO II

ANGELUS

Domenica, 2 marzo 1997 (anno B, vangelo di Gv 2, 13-15) 

Carissimi Fratelli e Sorelle!

1. Nel Vangelo di questa terza domenica di Quaresima, san Giovanni racconta che Gesù, trovando nel tempio di Gerusalemme venditori e cambiavalute, fece una sferza di cordicelle e prese a scacciarli con parole di fuoco: « Portate via queste cose e non fate della casa del Padre mio un luogo di mercato! » (Gv 2, 16).
L’atteggiamento « severo » del Signore sembrerebbe in contrasto con l’abituale mitezza, con cui Egli avvicina i peccatori, guarisce i malati, accoglie i piccoli e i deboli. A ben vedere, però, mitezza e severità sono espressioni dello stesso amore che sa essere, a seconda del bisogno, tenero ed esigente. L’amore autentico si accompagna sempre alla verità.
Lo zelo e l’amore di Gesù per la casa del Padre non si ferma certo a un tempio di pietra. E’ il mondo intero che appartiene a Dio, e non va profanato. Con il gesto profetico che ci riferisce l’odierno testo evangelico, Cristo ci mette in guardia dalla tentazione di « mercanteggiare » persino la religione, piegandola ad interessi mondani o comunque ad essa estranei.
La voce di Cristo si leva forte anche contro i « mercanti del tempio » della nostra epoca, contro quanti cioè fanno del mercato la loro « religione », fino a calpestare, in nome del « dio-potere, del dio-denaro », la dignità della persona umana con abusi di ogni genere. Pensiamo, ad esempio, al mancato rispetto della vita, fatta oggetto talora di pericolose sperimentazioni; pensiamo all’inquinamento ecologico, alla mercificazione del sesso, allo spaccio della droga, allo sfruttamento dei poveri e dei bambini.
2. La pagina evangelica ha anche un significato più specifico, che rimanda al mistero di Cristo ed annuncia la gioia della Pasqua. Rispondendo a coloro che Gli chiedevano di accreditare con un « segno » la sua profezia, Gesù lancia una sorta di sfida: « Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere » (Gv 2, 19). Lo stesso evangelista annota che parlava del suo corpo, alludendo alla futura Risurrezione. L’umanità di Cristo si presenta così come il vero « tempio », la casa vivente di Dio. Essa sarà « distrutta » sul Golgota, ma subito « riedificata » nella gloria, per essere spirituale dimora di quanti accolgono il messaggio evangelico e si lasciano plasmare dallo Spirito di Dio.
3. Ci aiuti la Vergine ad accogliere le parole del suo divin Figlio. La missione di Maria è appunto quella di portarci a Lui, ripetendoci l’invito che fece ai servi a Cana: « Fate quello che egli vi dirà » (Gv 2, 5). Ascoltiamo la sua voce materna! Maria sa bene che le esigenze del Vangelo, anche quando sono pesanti e severe, costituiscono il segreto della vera libertà e della nostra autentica gioia.

PRIMI VESPRI

Lettura Breve   2 Cor 6, 1-4a
Fratelli, vi esortiamo a non accogliere invano la grazia di Dio. Egli dice infatti: Al momento favorevole ti ho esaudito e nel giorno della salvezza ti ho soccorso (Is 49, 8). Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza!
Da parte nostra non diamo motivo di scandalo a nessuno, perché non venga biasimato il nostro ministero; ma in ogni cosa ci presentiamo come ministri di Dio.

VESPRI

Lettura Breve   1 Cor 9, 24-25
Non sapete che nelle corse allo stadio tutti corrono, ma uno solo conquista il premio? Correte anche voi in modo da conquistarlo! Però ogni atleta è temperante in tutto; essi lo fanno per ottenere una corona corruttibile, noi invece una incorruttibile.

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01