SECONDO VIAGGIO MISSIONARIO DI SAN PAOLO (Atti 15,36- 18,23a)

SECONDO VIAGGIO MISSIONARIO DI SAN PAOLO (Atti 15,36- 18,23a) dans Paolo - la sua vita, i viaggi missionari, il martirio 16%20RAPHAEL%20EC%20PR%20DICATION%20DE%20PAUL%20%20%20ATH%20NES 

La Prédication de saint Paul aux Athéniens

http://www.artbible.net/2NT/PORTRAITS%20OF%20%20PAUL/slides/16%20RAPHAEL%20EC%20PR%20DICATION%20DE%20PAUL%20%20%20ATH%20NES.html

SECONDO VIAGGIO MISSIONARIO DI SAN PAOLO (Atti 15,36- 18,23a)

Dopo essersi congedati dalla Chiesa di Gerusalemme, Paolo e Barnaba pensarono di fare una visita alle Chiese dove avevano annunziato la Parola del Signore nel loro primo viaggio. Barnaba volle portare anche Giovanni Marco, ma Paolo si oppose a causa dei problemi causati da Marco nel primo viaggio. Il dissenso era tale che si separarono l’uno dall’altro; Barnaba prese con sé Marco e si imbarcò per Cipro, mentre  Paolo decise di partire con Sila (o Silvano) (Atti 15, 36-40). Paolo e Sila attraversarono la Siria e la Cilicia, poi visitarono poi Derbe e Listra (vicino a Konya), dove Paolo prese con loro un giovane  cristiano di nome Timoteo che resterà oramai aggregato a Paolo (cfr. 17,14s; 18,5; 19,22; 20,4; 1Tess 3,2-; 1Cor 4,17; 16,10; 2 Cor 1,19; Rm 16,21, nota BJ) e rimarrà sino alla fine uno dei suoi più fedeli discepoli (vedere 1 Tm e 2 Tm a lui indirizzate, nota BJ).  Questi andarono in Frigia e  Galazia, Raggiunta la Misia discesero a Tròade. Durante la notte apparve a Paolo una visione: un Macedone lo supplicava di aiutali. Ritenendo che Dio li aveva chiamati partirono per recarsi in Macedonia a predicare. Dal verso 16,11 appare probabile che s’incontrarono anche con evangelista Luca, perché a questo punto degli Atti lo stile del racconto dalla terza persona passa al « noi », forse « noi » con Luca ». 

Dopo Tròade navigarono verso la Grecia e la Macedonia: a Samotracia, Neàpoli e a Filippi, colonia romana e città del primo distretto della Macedonia. Paolo evangelizza a Filippi ad alcune donne riunite. Mentre andavano alla preghiera una giovane schiava  che aveva uno spirito di divinazione cominciò a gridare: (At  16,17), Paolo non sopportando questa cosa  si volse allo spirito e, nel nome di Gesù Cristo, gli ordinò di partire da lei.  Essa fu guarita e non profetizzava più. Poiché il padrone della schiava guadagnava su di essa portarono Paolo e Sila sulla piazza principale e li accusarono di portare disordine. I due furono picchiati ed incarcerati, ma, mentre questi pregavano e cantavano inni a Dio, verso la mezzanotte venne un forte terremoto che apri tutte le porte e sciolse le catene. Visto questo, il carceriere ebbe paura perché pensava che i prigionieri fossero fuggiti, poi quando li vide liberi e si converti, e la mattina dopo i due furono liberati e partirono. 

Giunti a Tessalonica passando da Anfìpolis ed Apollonia, il porto principale ed il centro commerciale della Macedonia. Qui Paolo si recò nella sinagoga dei Giudei e lo fece per tre sabati di seguito discutendo sulle Scritture. Alcuni Giudei e  parecchi Greci crederono. Ma i Giudei, ingelositi, organizzarono alcuni pessimi individui contro di loro. I fratelli, durante la notte, fecero partire Paolo e Sila verso Berèa. Giunti a Berèa andarono nella sinagoga dei Giudei, questi erano di sentimenti più nobili ed accolsero la parola con entusiasmo. Credettero anche alcune donne greche e parecchi uomini.  Ma quando gli Ebrei di Tessalonica arrivarono a Berea per organizzare di nuovo la gente, questi dovettero abbandonare anche questa città.  Di qui Paolo recò ad Atene, la città, centro spirituale dell’ellenismo pagano, era piena di idoli e Paolo fremeva nel suo cuore.  Paolo discuteva nella sinagoga e nel mercato ogni giorno, chiamato da alcuni  si recò all’Areopago, qui fece un discorso richiamandosi ad un ara dedicata al e annunziò che questo era il Dio che aveva creato il mondo e tutto ciò che contiene, il Dio che da la vita, ma, quando annunziò la risurrezione di Gesù  molti lo derisero, alcuni, però, aderirono a lui e credettero. 

Paolo lasciò Atene e si recò a Corinto; questo punto si può considerare l’inizio del terzo viaggio missionario; 

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

Une Paroisse virtuelle en F... |
VIENS ECOUTE ET VOIS |
A TOI DE VOIR ... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | De Heilige Koran ... makkel...
| L'IsLaM pOuR tOuS
| islam01